"THE END"

venerdì 23 novembre 2012

D. ICKE: DA DOVE ARRIVA LA FALSA REALTA' IN CUI SIAMO PRIGIONIERI


Nel seguito un estratto della sintesi e traduzione di uno dei temi presentati da David Icke nel suo spettacolo del 27 ottobre 2012 allo stadio Wembley di Londra.




_____________

In questa parte Icke parla della matrix Saturno-Luna-terra…il sistema, la causa della nostra prigionia emozionale-sensoriale-percettiva.

“I testi gnostici descrivono entità rettiliane come espressione di queste forze arcontiche. Le descrivono come entita’ grigie che sono come feti incompleti e dalla pelle scura e dagli occhi immobili; erano intorno a noi migliaia di anni fa: non sono quindi un fenomeno moderno. No, la manipolazione sta continuando da lunghissimo tempo, quel che noi chiamiamo ”tempo”…
Dietro la manipolazione di questa societa’ umana ci sono dunque queste entita’ rettiliane; le persone possono continuare a dire che non esistono ma.. non me frega un tubo…loro esistono


Persino History channel nel suo ANCIENT ALIENS THE SERIES si è dedicata a tutte le descrizioni del passato in merito all’ibridazione tra umani e genie non umane.
Queste entita’ non hanno creato gli umani ma hanno cambiato quel che gia’ esisteva, cosa che e’ assolutamente in linea con cio’ che dicevano gli Gnostici a proposito di queste forme arcontiche.

Costoro manipolarono la genetica umana, cosi iniziammo ad interagire con la realta’ intorno a noi, in un modo completamente nuovo. Diventammo molto piu’ repressi sulle capacita’ innate di percepire la realta’. Non eravamo piu’ a questo punto le persone di prima e finimmo in queste “bolle” di senso della realtà, che ancora oggi ci imprigionano’.

Queste entita’, semplicemente fuori dalla percezione umana in termini di frequenze, fecero si che la manipolazione avvenisse e tali entita’ sono adorate da tutte le maggiori religioni, questo e’ il fatto cruciale che dobbiamo tenere in mente .

Ora, SATURNO e’ la chiave per comprendere quel che succede. (Anche i pianeti hanno consapevolezza). Il simbolo antico del Sole con un punto nel mezzo (usato anche come simbolo del Sole in astrologia occidentale… ndt) non è il sole che vediamo oggi. E’ , invece, relativo a Saturno. Molte delle deita’ del passato che si riferiscono al Sole, non sono figli di quel Sole che conosciamo oggi, ma di Saturno, che viene simbolizzato a lungo come occhio.

Ad un certo punto su Saturno ci fu una immensa esplosione che diede vita ed enormi quantita’ di detriti, che formarono una mezzaluna luminosa, perche’ riflettevano la luce del giorno.

l Saturno prima del cataclisma, non ha anelli o almeno non quelli che vediamo ora. Quindi da dove vengono questi anelli? NORMAN BERGRUN, autore di Ringmakers of Saturn, è un ricercatore di lunghissima data. Dice che la sua vita cambio’ quando ricevette le immagini di voyager 1 e 2 , che sono arrivate nel 1981 (che evidenziano “cose” che anche la sonda Cassini ha trovato).

Di che immagini parliamo? Di oggetti cilindrici che lui chiama “veicoli elettromagnetici”, che sono in grandissima quantita’, a volte piu’ grandi della terra che avevano a che fare con questi anelli di Saturno. Di nuovo dobbiamo spostare il nostro senso della percezione. Perchè di questi oggetti non si parla nei documenti?
Si vedono anche agli infrarossi con il telescopio Hubble. Sono gigantesche “cose”. Bergrun trovo’che questi oggetti immettevano qualcosa negli anelli di Saturno o meglio li estendevano o li costruivano.

Suggerisco che la sostanza di cui sono fatte queste immissioni siano di materia cristallina perche’ cosi troverebbero che essa è un veicolo eccellente per passare informazioni. Nel 2009 la NASA rese nota una immagine, di un anello intorno a Saturno (grande da 3,7 milioni di miglia a 7.4 milioni) e quell’anello potrebbe contenere milioni di Terre. Suggerisco anche che ci sono anelli che possiamo vedere, ma anche anelli acustici che non possiamo vedere.

La matrix di Saturno, come la chiamo io, è una fascia di frequenze che noi decodifichiamo come falsa realta’ e il limite di questa banda di frequenza, io credo sia quel che noi chiamiamo “velocita’ della luce”, oltre la quale usciamo dalla matrix.

Quando accaddero tutte le interferenze genetiche di cui parlano gli antichi, le forme umane furono manipolate per essere sintonizzate, ovvero ricevere e trasmettere, all’interno di questa banda di frequenza di Saturno. Trasportarci poi dal chackra del cuore a quello delle emozioni fu quindi metterci nella matrix

La luna e’ un artefatto o parzialmente un artefatto, a mio avviso come ho detto in molti miei libri. Il libro WHO BUILT THE MOON? (di Alan Butler) e’ eccellente, quel che hanno trovato in questo libro e’ la geometria e la matematica tra il Sole la Luna e la Terra, che sono fantastici in termini di sincronicita’ e che non si trovano nel resto dei pianeti nel sistema solare"


I LIBRI DI DAVID ICKE IN ITALIANO

sintesi e traduzione Cristina Bassi, www.thelivingspirits.net

tratto da http://cafedehumanite.blogspot.it/

Nessun commento:

LKWTHIN

altri da leggere

LINK NEOEPI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...