"THE END"

sabato 18 agosto 2012

Avere 20 Anni – Remake di un ragazzo

NB: quelle che scrivo qui sotto sono le mie idee, personali. Le scrivo e le condivido su internet con gente che non conosco perché un gentile signore, che non conosco ma spero un giorno di farlo, le pubblica sul suo bellissimo sito, non chiamatelo blogger sennò s’incazza. Liberi di pensare quello che volete…

Oggi dopo pranzo quando ho visto la mail di MC con i nuovi articoli pubblicati il mio viso si è illuminato. E leggendo il pezzo di Gilda, al quale questo è quasi una risposta, mi è arrivato l’input per scrivere quanto segue. Oggi è stata una giornata proficua, in mattinata ho scritto un altro pezzo che sarà pubblicato a breve. Edit: visto che sono pigro, molto pigro, ci ho messo qualche giorno per terminare lo scritto e riordinare le idee. L’importante è raggiungere la meta, quale che sia il viaggio. [Cit.]
Deve essere una caratteristica intrinseca nella natura umana quella di volere sempre qualcosa in più, oppure ottenuta una cosa, volerne subito un’altra completamente diversa, oppure ancora volere qualcosa di diverso. E non basta mai. Forse deriva da anni e anni (secoli) di privazioni più o meno forti ma sempre costanti, che ci hanno resi di fatto insaziabili. E incontentabili. Poco di quanto detto sopra ha a che fare con me, di obiettivi raggiunti ne ho ben pochi in elenco, per ora vivo di sogni.
Vorrei cambiare la mia vita. Non fare chissà cosa, ma fare per una volta qualcosa che ho deciso e scelto io, solo io senza influenze esterne di nessun tipo. Vorrei vivere la mai vita, senza condizionamenti e pregiudizi, senza moralismi vari e tutta la marea di cazzate di cui ormai gran parte della gente si nutre, se non fisicamente, mentalmente.

Per certi punti di vista Gilda e io siamo simili. Penso di essere depresso, non depresso-depresso, so che la depressione è una malattia e che chi è depresso non sa di essere malato, quindi o sono il primo uomo consciamente depresso oppure, comunque, c’è qualcosa che non va in me. Probabilmente la seconda. La metto giù così: sono stufo della situazione che vivo da un po’ a questa parte. Sono triste e amareggiato (anche se amareggiato non rende l’idea), frustrato, sconsolato e infelice, tante cose, troppe non sono andate come avrei voluto.
Ti interessa la mia storia? Continua a leggere e fatti una marea di cazzi miei; non te ne frega niente? Hai ragione anche tu, forse anche a me non interesserebbe la questione se non ci fossi dentro…
Luglio 2011. Dopo la maturità conseguita con un voto prossimo all’80 non sapevo bene cosa fare. Verso maggio di quello stesso anno stavo pensando che sarei andato all’università ma non ero sicuro anche perché non avevo idea di quale facoltà scegliere. In realtà dopo le 2 settimane di studio “matto e disperatissimo” in cui avevo ripassato due volte tutto il programma di tutto un anno, e passata la “bestia nera” della maturità ero proprio stufo di studiare e passare tempo sui libri, l’altra scelta era lavorare. I miei mi misero alle strette (…) e alla fine decisi di iscrivermi alla facoltà di economia, scelta più che altro scartando le altre disponibili in loco. Non ero molto convinto ma i miei avevano deciso, meglio si erano da subito convinti che quella era la facoltà presso la quale mi sarei laureato.
I fatti dimostrarono il contrario; già verso gennaio/febbraio di questo anno, in tempo di esami del primo semestre le cose non andavano bene con voti bassi o non sufficienti. In effetti non mi piaceva molto quella facoltà e come era organizzata la didattica. Davano tutto per scontato, io che venivo da ragioneria un po’ di cose le capivo e già le sapevo ma quelli che erano reduci di uno scientifico o di un classico avevano facce strane quando spiegavano concetti prettamente tecnici. Le lezioni poi, di alcune materie erano assurde. Il professore che entrava, spiegava qualche concetto completamente distaccato dai precedenti e continuava così fino alla fine della lezione. Altra cosa: alcuni argomenti che già feci alle superiori, lì venivano prima semplificati in modo assurdo e imbarazzante, e poi, nel 2 e 3 anno, ripresentati sotto un’altra veste. O come dovevano essere fatti fin dall’inizio. Tralascio altre critiche, quella facoltà non mi piaceva sotto molti, troppi punti di vista e gli sbocchi professionali offerti da quella che avrebbe potuto essere la mia laurea, non mi attiravano più di tanto. Quello che volevo era altro. Segue il secondo semestre, senza nessuna sostanziale novità, ma sempre più con un senso di smarrimento e distacco volontario e consapevole da parte mia verso tali studi e materie.
Maggio. Un mese prima della fine delle lezioni esprimo ai mie genitori le mie perplessità riguardo la mia iniziale scelta universitaria e espongo loro il mio sentito interesse, visto che mi ero informato, verso la facoltà di studi sociologici e in particolare verso un corso di studi nazionali e internazionali. Insomma qualcosa di interessante e diverso da quello che avevo visto fino a quel punto e che veramente mi ispirava interesse. Segue una feroce opposizione dai miei genitori ma dico che, o quella (l’altra) o che avrei lasciato l’università. Cercandomi un lavoro.
[Tralascio tutti i discorsi ricattatori e meschini che mi vengono rivolti e le varie “vessazioni” psicologiche..]


Il diritto alla salute è un privilegio del passato


di Anna Lami - Megachip

Barricaderi e bellicosi come difficilmente li si possono ricordare, non si dica mai che i sindacati italiani Fim-Cisl e Uilm-Uil si tirino in dietro quandosi tratta di difendere l’interesse delle grandi aziende e della presidenza Ilva in questo caso. Blocchi stradali e sciopero di due ore, perché a preoccupare Bonanni è la “voragine occupazionale” che investirebbe Taranto nel caso in cui la principale acciaieria d’Europa dovesse cessare la produzione.
Schierate alcune centinaia di lavoratori preoccupati a difesa del mostruoso ricatto dell’azienda dell’indomito pluriottantenne Riva (la cui famiglia - come ha denunciato in preda a convulsioni d’abbandono elettorale il leader Idv Di Pietro - ha finanziato con 245 mila euro PDL e 98 mila Pierluigi Bersani: donazioni del tutto legali. Disinteressate anche, senza ombra di dubbio, a chi non capita di ricevere un bonifico dai Riva al giorno d’oggi?!), Fim e Uilm avvertono la magistratura rappresentata dal gip Patrizia Todisco: giù le mani dall’Ilva.
In città sono arrivati gli emissari del Regno, i ministri dello Sviluppo Passera e dell’Ambiente Cliniche hanno incontrato il presidente Bruno Ferranteex prefetto di Milano ed a suo tempo candidato sindaco per il Pd, il quale ha verbalmente ribadito cosa se ne fa l’acciaieria delle disposizioni della magistratura, dal momento in cui politica e sindacati complici fanno fronte comune: infatti se in questi giorni gli stabilimenti Ilva producono al minimo, non è certo “per l’autorità giudiziaria, ma perché è il mercato a chiederci quella quantità di prodotto”.
Ferrante ha comunque dato prova di grande generosità, al termine di un incontro a seguito del quale l’Ilva ha mostrato come sempre che sulla salute non si risparmia né si bada a spese: si è dichiarato disponibile ad investire nei prossimi anni 56 milioni per l’ambiente “se il fatturato e le condizioni di mercato” lo consentiranno. Soldi che secondo Ferrante andrebbero sommati ai 90 milioni già stanziati precedentemente (a fronte di utili di miliardi di euro).
D’altra parte, l’iniziativa indetta dal “Comitato dei cittadini liberi e pensanti”, nonostante la militarizzazione minacciosa della città e il divieto della questura a manifestare nei pressi del Palazzo del Governo, ha raccolto l’adesione di migliaia di tarantini, in buona parte lavoratori Ilva e famiglie del quartiere Tamburi (quello a ridosso dell’acciaieria), motivati a pretendere il rispetto delle decisioni del gip e soprattutto a non dover più scegliere tra il morire di fame ed il morire di cancro.
“Non siamo inClini a morire di cancro” recita uno striscione. I manifestanti lanciano slogan contro Nichi Vendola, per anni presentato quale artefice della rinascita della Puglia, l’uomo che a parole sull’ecologia non scende a compromessi, gettato in notevole imbarazzo da questa vicenda, costretto a dichiarazioni contraddittorie, ed infine svelatosi piccolo piccolo nell ‘esternare la sua posizione: “il ruolo decisivo spetta all’Ilva”, ha affermato, precisando però che “le emissioni di diossina sono diminuite” e che “abbiamo richiesto anche un tavolo specifico con il ministero della salute sulle tematiche sanitarie”. Addirittura!
A fine giornata tutti soddisfatti. Soddisfatta Confindustria per bocca del suo vicepresidente Alessandro Laterza. Soddisfatta la segreteria nazionale Cisl. Soddisfatti i ministri Clini e Passera che tuttavia non rinunciano ad un’ulteriore avvertimento ai magistrati: auspichiamo che dai giudici non vengano prese decisioni che siano irrimediabili nelle loro conseguenze “ dice Passera.Soddisfatta, ovviamente, anche la dirigenza Ilva che ribadisce la propria convinzione di aver sempre rispettato la legge proprio mentre la Procura diffondeva le immagini della corruzione di un perito.
A non comprendere di che cosa ci si debba rallegrare restano solo i cittadini di Taranto e la maggioranza degli operai. È ormai evidente che nell’Italia montiana dove Pd, Pdl, Udc, governo tecnico, poteri economici oligarchici e sindacalisti complici percorrono assieme “la strada del dialogo”,anche il diritto alla salute è ormai un intollerabile privilegio del passato (a Taranto, nemmeno di quello).
(17 agosto 2012)

La Serbia si ribella: basta alla dittatura bancaria europea



Il primo ministro socialista

In Serbia il governo composto dai nazionalisti del “Partito del Progresso” del presidente Nikolic e dai socialisti del primo ministro Dacic lo ha capito: per salvare l’economia del paese senza affamare le fasce popolari è necessario riformare il sistema bancario dissociandosi dal modello europeo, una vera e proprio dittatura finanziaria, che sta piano piano fallendo, trascinando nel barato interi popoli.
Epurato il liberista Soskic - A seguito di questa decisione, il governatore della Banca Nazionale Serba (NSB), il neo-liberista Dejan Soskic, dopo aver subito le minacce di epurazione da parte delle autorità politiche, si è dimesso per protesta contro quella che lui definisce una sorta di ritorno al “comunismo”. Ed è così che il governo di Belgrado è finito (di nuovo) nel mirino dell’usura internazionale per aver deciso di difendere il suo popolo dalle mire dei grandi potentati economici atlantici. Soskic, di fatto uomo dell’UE a Belgrado, ha saputo imporre una politica monetarista anti-inflazionista che ha pesantemente svalutato il dinaro serbo, facendo pagare la crisi ai giovani (moltissimi dei quali disoccupati) e ai lavoratori.


Il Comitato Centrale dei Socialisti di Serbia

Siccità allarme in tutto il pianeta: A che punto siamo del progetto secondo voi?

Per quel poco che sappiamo è dal secolo scorso che stanno facendo esperimenti per manipolare il clima. Mi sembra che già negli anni cinquanta, nel primo dopo guerra fossero in atto questi esperimenti, nella guerra in Vietnam furono utilizzate queste armi, e vediamo esemplari come la zanzara drone che dimostrano chiaramente che dove vogliono arrivano senza tante scuse o problemi. 
MANOVRARE IL CLIMA è possibile: 
Royal Rainmaking Operation
Se conosciamo un pochino la chimica, io la studiavo a scuola e mi sono interessato anche dopo perchè mi affascina, ma non sono un chimico, però se a 7000 piedi rilascio NaCl, il cloruro di sodio assorbe l'umidità nell'aria, produce condensazione e si formano delle piccole nubi, come spiegano brevemente nel video, poi viene rilasciato a 8000 piedi  CaCl2, il calcium chloride assorbe sempre l'umidità nell'aria. Poi arriva la terza fase, il bombardamento, così eseguito: a 12.000 piedi un aereo rilascia NaCl e sotto, a settemila piedi viene rilasciato CH4N2O. Poi finisce il bel video con prati verdi e rigogliosi e la diga in secca in cui cada tanta acqua prelevata dal cielo come descritto sopra. Non credete che questo sia in atto sopra le nostre testa da molto tempo? Avete mai notato che .... io quando lavoravo notavo sempre che i fine settimana erano brutti, come un orologio, caldo tutta la settimana e nel week end brutto tempo, e che, mi chiedevo, anche il tempo risente delle festività :-) hahahhhhhah
Ora passiamo alla siccità attualmente presente ovunque

E leggendo in giro, informandoci vediamo che effettivamente l'agricoltura non viaggia bene se hai una settimana di inondazioni e poi mesi e mesi senza acqua, ma guarda che caso, torniamo sempre agli eventi disastrosi previsti in quel famoso gioco ... ma in fondo a noi che contadini non siamo che ci frega della siccità, vero? Ve ne accorgerete questo autunno quando a raccolti fatti e il prezzo di frumento e mais schizzati alle stelle, pensate che in molti prodotti è contenuto il grano, di varie razze, di varie forme, ma sempre di grano parliamo, e ce ne accorgeremo quando andremo dal panettiere nel futuro prossimo, già abbiamo il pane che arriva a diecimila lire il chilo, ci rendiamo conto che abbiamo il pane a 5 euro?!! Pensate poi dove andrà ... e pensate anche alle primavere arabe, così chiamate da chi l'ha organizzato secondo me quel movimento, ma avete in mente perché tutto ebbe inizio? Proprio per il prezzo del pane. E allora mettiamo una tassazione esagerata, nuovi balzelli e tasse che negli ultimi sei mesi hanno mandato al suicidio più gente, mettete che prospettive per un futuro non ci sono, si vive alla giornata in molti casi, metteteci poi la siccità che distrugge gli agricoltori, sulle colline liguri sento persone lamentarsi che da diverse piante raccolgono pochi cesti di frutta, o anche olive, troppo secca la terra. Mettete poi il prezzo dei beni primari alle stelle, tre milioni di disoccupati, 2 o 3 centomila esodati, pensionati con 500 di minima e seicento di affitto, e dove pensiamo che porti una strada come quella che stanno preparando? Paranoia?
Se guardi bene la situazione che si prospetta non credo che avremo nel prossimo futuro una situazione molto stabile, ed uso un eufemismo. 
Di seguito oggi, vi lascio dei collegamenti utili o interessanti
Il progetto HAARP, per esempio. Come mai non ne parla nessuno dei media ufficiali? Perché non esiste? 
Comunque sia oggi ci troviamo in una situazione in cui il caldo ha sciolto i ghiacci  con una velocità mai vista prima:
Ghiacci artici: estate 2012 tra la peggiori di sempre

Andamento dell'estensione del pack artico confrontato con la media di riferimento e con gli altri anni peggiori

                                                 e queste le immagini
17 luglio 2012


3 agosto 2012

in questo video pubblicitario,dall'est asiatico, ci dimostrano di come i bravi piloti gestiscano con della polvere magica le cattive nuvole. 
Apprendisti stregoni al lavoro per manipolare il clima

STRANISSIME COINCIDENZE!!! TERREMOTI, DATE, FURGONI, ANTENNE ... è UN GIOCO?
, una buona raccolta di articoli con delle giuste domande

Bestemmia di Uomo: Antenna DNA
E questo lo dovete davvero leggere, strana ipotesi,quasi fantascientifica, ma una volta letti tutti gli articoli e libri possibili sulla struttura della vita, non possiamo non riflettere che tutto è una frequenza attorno a noi, anche i nostri pensieri hanno la frequenza esatta su cui ci inviano i segnali, ecco l'articolo

buona lettura


Siccità o eccessive piogge e' allarme alimentare planetario!
di Anna Mazzone
Siccità o eccessive piogge. Variazioni nella stagione dei monsoni o improvvise gelate.Il mondo si trova ad affrontare la sfida più grande: quella sulla scarsità delle scorte alimentari.
E questo non vale più solo per i Paesi storicamente più deboli, come quelli del continente africano, ma anche per gli Stati Uniti, la Cina, il Brasile e la Russia.
La situazione è gravissima. L'ultimo rapporto del G20 non lascia dubbi: il comparto agricolo mondiale è tenuto sotto scacco e i prezzi di cereali, mais e soia stanno seguendo un trend drammaticamente al rialzo.
Il gotha delle potenze mondiali così si ritrova seduta attorno a un tavolo per discutere di quello che - almeno fino ad oggi - era stato un tema (e un problema) che riguardava principalmente i Paesi più poveri del mondo e che veniva praticamente snobbato dai Big.
Ma oggi anche i Big rischiano di restare a bocca asciutta e la cosa potrebbe avere conseguenze devastanti, anche e soprattutto sul piano politico.
Il primo a regaire alla tegola alimentare è stato il presidente Usa Barack Obama, che dai campi (secchi) dell'Iowa, dove si trova per il suo tour elettorale, annuncia che la siccità che ha colpito gli Usa è la più grave degli ultimi 50 anni e che il governo federale stanzierà a breve fondi per aiutare gli agricoltori, per un totale di 170 milioni di dollari, almeno per ora.
Ma anche la Cina non è messa meglio, anzi. Pechino negli anni passati ha comprato ettari ed ettari di terra coltivabile in Australia, per riuscire ad avere la quantità di riso e cereali necessaria al fabbisogno nazionale.
Ma quest'anno l'Australia è stata colpita da ingenti alluvioni, che hanno vessato i campi e distrutto la maggior parte dei raccolti. Il risultato è che il prezzo di riso e cereali per la Cina è cresciuto di più del 50%, creando un effetto domino su tutta la filiera alimentare, fino al consumatore finale.
E anche la Russia trema. Già due anni fa la Federazione aveva stanziato 15 milioni di dollari attraverso il Russia Food Price Crisis Rapid Response Trust Fund per le repubbliche del Kirgyzistan e del Tagikistan, ma adesso l'allarme alimentare è arrivato anche a Mosca.
La Commissione europea già nel 2009 aveva stanziato circa 112 milioni di euro per aiutare i comparti agricoli di 10 Paesi membri, e adesso l'allarme è di nuovo in codice rosso, con gli ettari di terra coltivata bruciati in Spagna.
In India il mutamento nella stagione dei monsoni ha spinto addirittura il governo ad investire 75 milioni di dollari in un macchinario che possa prevedere le piogge, e intanto gli agricoltori (che sono circa 600 milioni) spendono rupie su rupie per ingraziarsi le divinità indù e chiedere che la siccità si plachi e che arrivi un po' di acqua.
E di acqua ce ne è troppa invece sia in Corea del Nord che in Brasile, dove le recenti alluvioni hanno messo in ginocchio l'intero comparto alimentare. Pyongyang ha già chiesto aiuto alle Nazioni Unite, il Brasile invece ha praticamente interrotto la produzione di biocarburanti, per non far aumentare a dismisura i prezzi di mais e cereali.
In Costa d'Avorio sono in allarme i coltivatori di cacao. A causa della siccità i prezzi dei semi sono lievitati del 13%, con conseguenze devastanti su tutto il mercato. Ed essendo il cacao praticamente un monoprodotto agricolo in Costa d'Avorio, l'economia del Paese africano è stata messa in ginocchio.
La Banca Mondiale aumenterà il GFRP (Global Food Crisis Response Program), che già tre anni fa era stato rimpinguato con 2 miliardi di dollari, ma l'emergenza è grande e diffusa su tutto il pianeta. Non bastano interventi mirati, ma sarà necessario ripensare l'intero sistema alimentare e l'accatastamento delle scorte.
Ma non è solo unq questione organico-economica, è anche un serio tema politico. Laddove manca il pane (o costa troppo) è facile che si generino rivolte popolari, soprattutto in paesi "chiusi", governati da regimi o pseudo-tali.
Il livello di scontro sociale aumenta man mano che aumenta il divario tra la richiesta e l'offerta di generi alimentari. E' un assioma che finora non è stato ancora smentito dalla Storia. E ormai lo spettro della fame spaventa tutti, nessuno escluso.

tratto da 
http://terrarealtime.blogspot.it/2012/08/siccita-o-eccessive-piogge-e-allarme.html 

Ragazze di Mosca

A Mosca, la concentrazione di ragazze carine per chilometro quadrato e’ direttamente proporzionale al cattivo gusto che hanno - secondo quelli che sono i canoni occidentali e soprattutto italiani - nel vestirsi. Ma se si tralascia per un attimo la scelta dell'abito, che come sappiamo non fa il monaco e che e' un fatto del tutto culturale, di ambiente ed economico, ovunque ci si giri, a qualsiasi ora del giorno, in qualunque punto della citta’ ci si trovi, qui e’ possibile notare una tale quantita' di giovani donne attraenti che altrove non e’ neppure immaginabile, a meno di non essere in una localita’ esclusiva, frequentata da modelle e da uomini ricchi che, insieme alle auto potenti e costose, sono soliti esibire anche le donne che riescono a “conquistare”.

Si badi bene che non sto affermando che all’est le donne siano piu’ belle che altrove - forse nello specifico non lo sono affatto - ne’ che le russe, come afferma una certa propaganda nazionalista fomentata dal governo, siano in assoluto le piu’ belle di tutte, ma solo che la bellezza e' piu’ diffusa, cioe’ il numero di ragazze che oggettivamente superano la media dal lato estetico, e’ di gran lunga superiore a quello che personalmente ho potuto constatare a Milano, Parigi, Londra, Berlino, Madrid.

Anche vivendo in queste citta', infatti, ho avuto modo di scattare per diletto moltissime foto, ma mai come adesso mi era capitato di poterne realizzare addirittura un collage. Il motivo per il quale nelle capitali dei paesi dell’est - anche a Budapest, Praga, Varsavia, Sofia, e’ piu’ o meno la stessa cosa, seppure non di questa dimensione - ci sia una cosi’ alta concentrazione di bellezza femminile, e’ per molti un mistero, oppure la questione viene liquidata con una semplice spiegazione che riguarda la genetica, senza addentrarsi magari in altri campi che potrebbero spiegare questo fenomeno.

Personalmente, dato che lo considero un po’ un hobby, all’estetica femminile e maschile ho dedicato gran parte del mio interesse, anche per la professione che facevo ed ho una teoria che afferisce sia alla genetica, sia al comportamento evolutivo che gli esseri viventi tengono, umani inclusi, quando si trovano a dover competere (o non competere) per la scelta del partner sessuale, e con cio’ sarei in grado di spiegare anche perche’ negli uomini russi - o dell’est in generale - non si trova la stessa corrispondenza estetica delle loro donne, essendo di solito poco attraenti, e decisamente surclassati dalla bellezza che in generale hanno invece i maschi latini.

Tuttavia, per il momento, di questa mia teoria tutta da dimostrare e con molta probabilita’ totalmente sballata, non ho intenzione di parlare. Adesso mi preme comunicare una cosa a cui sto pensando in questi giorni e che forse non fara’ felice qualche amica se per caso avra' occasione di leggermi: se una donna sente di non essere abbastanza sicura di se stessa, del proprio aspetto e teme i paragoni con le altre, e’ bene che eviti di venire in questa citta’, perche’ e’ quasi certo che tornerebbe a casa frustrata e inacidita. Ma, soprattutto, comincerebbe ad avere ogni genere di dubbio putacaso il suo compagno iniziasse ad addurle bizzarre scuse di lavoro o altro per recarsi in Russia senza farsi accompagnare da lei.

fonte: http://chiara-di-notte.blogspot.com

quanta gente è stata ammazzata in nome della pace?

Questo un altro uomo scomodo, da far fuori insomma, come tante altre brave persone. E poi stimate gli uomini che governano? Bene, ma ricordatevi ogni tanto che sono degli assassini, tutti, nessuno escluso, se non ti opponi a un'azione ne diventi per forza di cose complice!


Thomas Sankara è praticamente sconosciuto dai cittadini europei, ma è stato una persona e un Presidente eccezionale, che merita di essere conosciuto. E' stato presidente del Burkina Faso, uno dei paesi più poveri dell'Africa ed ex colonia francese, depredato di molte risorse. In soli 4 anni di governo riuscì a risollevare il suo paese oppresso dalla fame e dalla povertà e lo fece sfruttando le esigue risorse che questo poteva offrire. In questo video il suo famoso"discorso sul debito" in cui esprime una forte opposizione al pagamento del debito che tutt'oggi opprime la libertà e lo sviluppo dei paesi africani. Questo discorso gli costerà l'inimicizia di Francia e America che, nell Ottobre del 1987, lo fecero assassinare. Thomas Sankara moriva all'età di soli 38 anni lasciando moglie e figli e un paese che sarebbe presto ritornato nella povertà.

Staff nocensura.com

Cerchi nel Grano 2012 - I crop circles della prima metà di Agosto



I 3 serpenti di Avebury Stone - 1 Agosto





La spirale di Chalk Pit - 2 Agosto

Due gattini che ho adottato

Ho adottato due gattini in questo Agosto rovente, per l’esattezza li abbiamo adottati io e la mia compagna e già da Luglio. Sono randagi nel senso che non dormono in casa, ma per tutto il resto sono gatti come tutti, pulitissimi tra l'altro. Perché lo abbiamo fatto? Primo perchè se puoi far vivere bene un’altro essere vivente lo dovresti sempre fare e secondo ma non in ordine di importanza è che sono bellissimi, randagi perché non hanno casa, ma non solo noi ci preoccupiamo per loro, quindi acqua e cibo non mancano mai.

Perché da tre anni che vivo qui li vedevo, prima erano sei e gli dava da mangiare una signora bergamasca del palazzo di fronte, poi morì lei e aprirono un ristorantino sotto casa nostra, di li a poco i gatti da sei divennero due, due femmine, anche se uno da femmina è giusto come proporzioni, ma l’altro sfiderei chiunque e dirmi ho visto ancora femmina del genere: Favoloso, lungo, grosso fino alle zampe e dolcissimo, cerca sempre coccole ... se è in vena, altrimenti saetta via come un fulmine. Sono passati ora tre anni dalla prima volta che vidi “codino”, un simpatico gattino tigrato grigio e nero e senza coda, o meglio un moncone di coda di pochi centimetri e da qui il suo nome codino, che è una femmina, sono due femmine a dirla tuta. L’altro, il grosso come noi lo chiamiamo, perché è davvero grande, lungo grosso e robusto, è gigantesco insomma, struttura ossea robusta, testa e zampe grandi e di colore un grigio tigrato macchiato di grandi chiazze bianche e color crema. Pochi gatti in vita mia ho visto tanto grandi e mai femmine ... però ha due buchi, quindi è femmina. Ora ce li troviamo tutto il giorno nell’aiuola davanti a casa, prima erano in quella di fronte anche, ma da dopo l’arrivo di massa dei turisti ... sapete loro poverini, sono belli fuori, cristiani perfetti ... tutti sorridenti ma sempre zeppi di merda dentro, stanno qui una settimana o un mese e da fastidio che il gatto marchi il suo territorio o lasci gli avanzi di cibo, e le formiche che SCHIFO! Esseri umani? Le formiche vi battono a intelligenza ....
...  lo so che non mi credete, ma il cambiamento dell’Essere umano lo vediamo da queste cose piccole e non dalle rivolte ... lo capirete un giorno? Se io ti dico: Guarda che se ammazzi una mosca uccidi una vita e la persona davanti a me inizia con la palettina a ucciderne più possibile ... secondo voi che significa? Non servono i linguaggi, vero? Anche il corpo, e sopratutto il corpo parla per noi.
Comunque, torniamo ai gatti, iniziamo a vedere che sono sempre sotto il balcone in direzione entrata, siamo al primo piano e vediamo bene, ogni mattina porto acqua fresca e pochi croccantini, poi la sera faccio il ripasso. Però, da quando li assito li osservo anche molto di più, primo perché loro conoscono me oramai e secondo perché ammirare i gatti in certe loro espressioni è una cosa che mi apre il cuore, che simili a noi sono in certi aspetti ... come la sera altra, stavo in balcone e dormivano, giusto per cambiare .... hahhahhha, (ma che droga prendono per dormire tutto il giorno?), ad un certo punto uno dei due si alza e pone il suo musetto in vicinanza dell’altro, fanno sempre coppia fissa sia chiaro, se non ne vedi uno aspetta quindici minuti e appare anche l’altro o al massimo lo vedi gironzolare in un giardino li vicino col suo passo da flemma, tranquillo ... ma che in un attimo diventa una saetta! Comunque si avvicina all’altro che dormiva e col musetto gli fa il verso, ovvero si avvicina col muso e lo dondola un paio di volte avvicinandosi sempre più alla bocca dell’altro ... l’altro si sveglia e lo vede, gli da un paio di leccate in faccia e assieme con il musetto vicino riprendono a dormire, che meravigliezza!!! Come stasera invece, gli porto i viveri e vedi il grande che ha voglia .... voglia di che? Voglia di sentire le mia mani su di lui, cosa questa che mi rilassa, il gattone mi viene tra le gambe che sono chinato e spingw il muso, da li inizia un rapporto carnale di piacere che difficilmente tiene i rapporti che ho col gli umani, si abbassa con la schiena e alza la testa perché li vuole le carezze ... insomma, il gatto che due giorni fa mi schivava oggi mi chiedeva invece “COCCOLAMI”, e l’ho fatto per una mezz’ora, che figata!!!!
Quanto mi piacciono, sono diventati la mia fissazione, sempre a vederli, cibarli e dissetarli, e naturalmente se uno dei due, il grosso, è dell’umore giusto gli puoi fare una mezz’ora di carezze intense, le ama, il piccolino invece no, lui è schivo e si fa coccolare solo dall’altro gatto. Questi sono i miracoli, ed anche belli, quello che questi animali ci trasmettono secondo me è un messaggio antico che noi abbiamo dimennticato: Loro dividono il cibo, i sonni e le coccole: Serve dell’altro per vivere in paradiso? No, hahahahahhahhaa
Ora rido perchè a Barcellona, pensate con 5 euro al giorno ci facevamo canne dalla mattina alla sera in tre o quattro persone, io, una coppia di Vercelli e uno che non ricordo da dove venisse, spesso ci dicevamo “siamo come i cani”, si fumava, si parlava da rilassati, euforici e poi dopo aver mangiato qualcosa un bel sonno vicino ai due cagnolini, Harley e David una bastardina e un pechinese puro regalato da una anziana donna, visto che il tipo amava le Harley ecco i nomi, ma sapete che diceva alla cagnolina più anziana quando eravamo nel grande parco con piazza attorno? Gli ordinava: “su, vai a prendere David”, e lei partiva andava dietro al collo del cagnolino da sopra veloce e lo azzannava per il collo sopra, (la coppa?), e così lui tornava, hahhahahha, nemmeno quella mai vista prima in vita mia, ed erano cani nati e vissuti in strada con gente che viveva dappertutto, dalle case occupate ai sottopassaggi alle notti nei campi rom a  prendere coca o roba per i turisti
Ma poi, non avete mai visto uccellini grattarsi il collo? E questi che cercano la leccata oppure si abbracciano e iniziano a dormire col musetto tutto vicino col caldo che fa?
A noi umani manca questo, noi non ci accarezziamo mai, solo se vivi in una coppia che fa queste cose, ma in giro, per strada, nelle famiglie o nelle scuole, o in compagnia in genere. Vedete voi gesta di affetto? No, non ci sono se non nei film dove li preparano a mo di prove, ore ed ore di prove, prove e prove, ovvero bugie, menzogne e prese per i fondelli.
Adesso ditemi, non adorate se qualcuno vi gratta la schiena, o ve la carezza, o ve la massaggia? Non è meraviglioso sentire le mani che si diffondono sul tuo corpo della persone che ti ama? Come le canne, anche le carezze a scambio, mi accarezzi un po’ tu e dopo lo faccio io, sono sempre state nella mia vita da quando avevo sedici anni, o forse qualcosa in meno a pensarci bene.
La avete assaggiata la maria di quest’anno? Anche questa come le coccole è da quando tengo sedici anni che non ci sono periodi troppo lunghi senza provarne i piaceri ....
... a tutti voi che non avete provato questo .... non sapete nemmeno cosa vi siete persi.

Dioniso777

venerdì 17 agosto 2012

Dalla finzione alla realtà: un gruppo scienziati riesce a manipolare i ricordi e la memoria

total-recall-atto-di-forza-01.jpgMancano poche settimane all'uscita del film "Atto di forza", remake dell'omonimo film degli anni '90, tratto dal racconto "We Can Remember It for You Wholesale" (Ricordiamo per voi, 1966), uno dei racconti più intriganti del grande scrittore di fantascienza Philip K. Dick. Nella trama del racconto, il protagonista, Doug Quaid, scopre che i suoi ricordi sono stati alterati, rendendosi conto che la distinzione tra la realtà e l'illusione diventa sempre più difficile.

Ora, a distanza di quasi 50 anni dal racconto, una ricerca condotta da team di scienziati americani, potrebbe rendere reale lo scenario descritto da Dick. Alcuni esperimenti condotti su topi di laboratorio hanno dimostrato che intervenendo sulle cellule nervose, è possibile modificare, cancellare o impiantare nuovi ricordi nella memoria dei piccoli roditori, con lo stesso principio della memoria dei computer.
Gli esperimenti sono stati condotti dagli scienziati dello Scripps Research Institute,Università della California, e del Massachusetts Institute of Technology (MIT). Nella prima fase dell'esperimento, i ricercatori hanno condizionato i topi ad avere paura di una particolare gabbia, dando loro una piccola scossa elettrica ogni volta che si avvicinavano, attivando, così, un neurone specifico nel cervello dei roditori. Poi, posizionati in una gabbia diversa, gli scienziati hanno somministrato ai topi un particolare farmaco in grado di riattivare quello specifico neurone, innescando la stessa paura generata dalla gabbia elettrificata.

La seconda fase dell'esperimento, invece, riguarda la cancellazione della memoria. Il team è impegnato nell'affinare la manipolazione neurale per riuscire a cancellare in parte o in tutto la memoria la memoria dei piccoli roditori, in modo da indurre un topo a "dimenticare" la paura generata dalla gabbia elettrificata. Lo studio è stato pubblicato la settimana scorsa su Scienze. E' possibile leggere un resoconto dettagliato sulle pagine di Science Daily.

Le implicazioni della ricerca, come tutte le ricerche umane, sono ambivalenti. Da una parte, la tecnica sviluppata dai ricercatori americani potrebbe aiutare i pazienti affetti da disturbi mentali come la schizofrenia, malattia nella quale si sviluppano falsi ricordi o paure paralizzanti. Un farmaco in grado di disattivare i neuroni giusti potrebbe aiutare i pazienti a vivere una vita più serena. Inoltre, secondo gli esperti, la possibilità di impiantare nuovi ricordi, potrebbe essere utilizzata per insegnare nuove conoscenze e competenze alle persone, bypassando la fatica dello studio e dell'addestramento.

Dall'altra parte, però, non si possono non considerare anche i possibili utilizzi sbagliati di tale tecnologia. Se una tecnica del genere fosse utilizzata da gruppi di potere deviati o da governi illiberali determinati a conservare il potere ad ogni costo, cittadini non allineati, nemici dello stato o testimoni scomodi di fatti occulti, potrebbero essere sottoposti con la forza a tecniche di manipolazione neurale, con il fine di cancellarne i ricordi o di condizionarne la veridicità, riducendo i cittadini a semplici automi, prigionieri di un mondo fittizio e di ricordi bugiardi.


tratto da
http://ilnavigatorecurioso.myblog.it/

TARANTO è UNA MERDA!!!

Partiamo da un presupposto se no il discorso non tiene: è vero che l’ILVA di Taranto inquina l’ambiente al punto che l’incidenza delle malattie legate a questo tipo di contaminazione aumenta fino al 30%.
Bene, se è vero questo (ed è lecito considerare l’opzione che non sia vero conoscendo l’abitudine tutta italiana di non riuscire a ricavare un cazzo di dato oggettivo nemmeno utilizzando strumentazione che nel resto del mondo produce misure affidabili) io se fossi di Taranto me ne sarei andato di corsa. Che se la tenessero pure i tizi che si sentono costretti a scegliere tra cancro e lavoro la bellissima Taranto. Io me ne sarei andato di corsa e non avrei fatto crescere i miei figli lì.

E me ne sarei andato per due motivi.

Il primo è che non avrei accettato di rimanere in un posto a rischiare la pelle dei miei figli solo perché non ho voglia di cercarmi un altro posto di lavoro, non voglio lasciare i miei vecchietti, gli amici del calcetto del giovedì sera, il cozzaro sulla lungomare, il ponte girevole e l’angoletto dove ho scambiato il primo bacio con la mia morosa di allora.
Il secondo è che mi avrebbe fatto schifo rimanere nella stessa città dove la gente ha così paura di cambiare che mette sul piatto della bilancia il rischio di beccarsi un tumore o di farlo beccare a un suo bambino.
L’alternativa non può essere tra il cancro e il pane. E’ inumano e inaccettabile. Nessuno dovrebbe lasciarsi porre un’alternativa del genere. Ci deve essere una terza via che può essere il passamontagna se uno ha lo stomaco di entrare in banca con una pistola in mano e prendersi quello che gli serve o andarsene se uno questo stomaco non ce l’ha.
Se l’ILVA di Taranto fa venire il tumore va chiusa oppure chi non vuole correre il rischio di beccarselo deve andare a cercare pane altrove. Rimanere lì e lasciare che le cose continuino come prima solo perché i giornali non ne parlano più si chiama in un solo modo: vigliaccheria.
La pelle tua e quella dei tuoi figli te la devi guardare tu. Se la lasci nelle mani di Clini, Passera o Riva coi loro bei culi freschi e grassi sei solo un vigliacco.
Ora passa pure a leggere uno dei mille articoli dove ti diranno che non è colpa tua così ti convincerai ancora di più che io sono solo un pezzo di merda che non capisce, che non si rende conto, che è buono solo a parlare, che se fossi tu al mio posto, ecc. Se arrivate ad accettare il rischio di giocarvi i polmoni per 1200 euro al mese, per me potete dire quello che volete tanto non me ne frega un cazzo.


I CONTINUI PASSI AVANTI DEL NUOVO ORDINE

CONTADINI CRIMINALI ! ... DAL 12 LUGLIO 2012 !!
AVETE VISTO? SONO RIUSCITI A FAR PASSARE, COL SILENZIO CONSENZIENTE DI PENNIVENDOLI E MEZZI BUSTI SORRIDENTI, I CONTADINI COME DELINQUENTI. ACQUISTARE SEMENTI PUO' GENERARE UN REATO, CI RENDIAMO CONTO?
MA NEMMENO ORWELL ERA ARRIVATO TANTO AVANTI.

Fonte
http://perchiunquehacompreso.blogspot.it

A proposito, un aneddoto che volevo raccontare: Ieri mattina ho aperto delle cartelle in un lettore mp3 portatile del 2009 e sono andato in cerca delle varie linee metropolitane nel mondo per vedere se erano esatte o aggiornate, immaginate quanti continenti aveva il globo? 3. Amerika, Africa, Eurasia, quest'ultima verrà inaugurata a breve, sistemati Iran e Siria la linea che va dall'Afghanistan al Marocco è occupata, grazie Italia che sei il porto del mediterraneo ....
La Russia è
il finto nemico USA, per questo in verde

RIFLESSIONI


Leggevo ancora oggi questo articolo: 
Il fluoro abbassa il QI
Un importante studio di Harvard pubblicato su un giornale del governo federale conferma che il fluoro abbassa il QI

Questo non è un argomento nuovo e l'articolo non parla del fluoro, già dovremo sapere che è proibito nei paesi civili. Questa sarebbe invece una spiegazione più che possibile, in fondo Hitler ne portava vagoni nei campi di lavoro,  è la soluzione ideale per avere una massa di decerebrati oltre che persone mansuete a sedate, lo mettono in tutti gli psicofarmaci a quanto sembra, persone calme ... me lo chiedevano in un commento qualche giorno fa, ma siamo circondati da ritardati mentali? Sembra proprio di si!!!

 Prima commentavo questa notizia, 
200 GIORNI DI GOVERNO MONTI

 
... e così commentavo: e non è successo niente!!!
Questa è la prova che non siamo più umani ma robot che tutto eseguono, anche uccidere è una semplice azione come un altra, e insegniamo ai bambini che la vita è sacra ... MA DIMMI, ti sembra una nazione di normali?
Diciamo pure un mondo, vah!

Una foto, un’immagine di quello che è cambiato con il nostro ultimo governo, per me è cambiato poco o niente, mi hanno aumentato il tabacco, per il resto non avendo nulla e non essendo assunto da nessuno che mi possono fare? Mettere in prigione se commetto reati, ma visto che non ho nemmeno quel passatempo sono una specie intoccabile in via di estinzione ... eppure siamo in qualche milione in Italia di questi, ultimi dati sull’occupazione giovanile ci parlano di un trenta per cento di disoccupati, aggiungiamoci gli esodati e aggiungiamoci alla fine quelli che nemmeno più lo cercano il lavoro perché a conti fatti in tasca se guadagni 4\500 euro al mese e vai a lavorare in macchina ti conviene stare a casa, guadagni di più. Il lavoro schiavista che frutta bene in Italia, e in effetti mica l’hanno gestita l’immigrazione, li han fatti entrare a gogo e ora ci troviamo una miriade di spaesati e affamati che vivono in case abusive, occupate e sotto i ponti, arrivati un un paese che credevano Amerika invece si dimostra molto simile alla loro Africa per lo stile di vita che fanno, che gli è concesso diciamo pure. Quindi cercare un lavoro ben pagato con una simile concorrenza lo dobbiamo scordare subito e iniziare a vedere molti altri modi in cui vivere. Non esiste nessuna rivolta e nessuna ribellione, esiste la strada personale che ognuno dovrebbe iniziare a percorrere almeno. Ma guardate, viviamo in un paese di merda, come libertà di stampa si piazza tra 
Giornalisti Stimati: Ecco perchè siamo al livello della Tanzania o del Botswana e oggi vedo la classifica dei  paesi più corrotti, a chi pensiate siamo vicini? Ve lo dico io: Ghana, la Slovacchia e il Montenegro. Niente sussidio ai disoccupati, niente reddito minimo assicurato, niente controllo sui prezzi, guadagniamo la metà di un tedesco ma paghiamo alcune cose addirittura di più che in Germania. Benzina, assicurazione auto ... e chi le controlla queste? E il lavoro precario chiamato stage?
E ci chiamano il BEL PAESE!!! Ma per fortuna che siamo il bel, se eravamo il brutto che cazzo succedeva?
Bello per chi vorremo sapere poi ... 
Parlavo ieri sera con un blogger e mi diceva noi siamo troppo alti di livello perché la gente ci capisca. Allora qui si deve sottolineare che io non scrivo niente perché la gente reagisca e faccia una rivolta, non servirebbe se non organizzata e l'organizzazione è proprio una cosa che manca, ovunque nel popolo abituato a subire ordini senza pensare, (esegui e non chiedere!), io scrivo perché mi piace e perchè sono sicuro che la gente capisce quello che può, quello che vuole, che gli fa comodo e sopratutto quello che è in grado di capire, come scrissero in molti le mie opere non sono per la massa, oppure Schopenhauer la diceva bella:  Io non scrivo per gli imbecilli, è per questo che i miei lettori sono pochi. 
OGGI: Mettete voi una massa di persone davanti a una televisione che emette cazzate tutto il giorno, tutte le ore in cui non sanno cosa fare o si annoiano. Quando escono chiacchierano dei fatti altrui, unico tema che una persona ignorante sa affrontare bene, per tutto il resto manca il materiale, cioè il conoscere, se non hai nozioni in testa di cosa vuoi parlare? Io ieri al telefono parlavo di libri e concetti scritti in questi libri, i concetti si trasformano poi in realtà, ma passiamo al poi, andiamo in edicola e vediamo tra i più venduti i giornali di gossip, qui bel video realizzato da Elia, sentite la donna che vende i giornali che dice: 
TRA GOSSIP, PENSIONE DEI NONNI E "FINCHE' VA CHI SE NE FREGA DEL RESTO?"
... la gente non legge, guarda solo le didascalie, e aggiungiamo anche che di queste persone pochissime avranno letto anche solo la Repubblica o il Fedone di Platone, anche oggi arrivano a sedici anni e non lo hanno letto, pensate che questo non sia sufficiente per avere esseri umani che non sanno ragionare? 
La maledizione dello zapping e i lecchini di Superquark, questo articolo di mentecritica.net spiega in poche righe come l'addomesticamento tramite media sia efficace e sempre al lavoro, anche nei giorni prossimi a ferragosto, vacanza mai!Per la gente, comunque sia, leggere è inutile ma però se devono farsi aprire il torace per una operazione di cuore vanno da chi di libri ne ha letti tanti, se ti presenti in un aula di tribunale è la stessa cosa, non ammessi se non avete letto e capito come si voleva ... e parliamo di quando si fanno aprire il portafoglio? Chi è che apre il portafoglio della gente, uno con la terza media o una persona con una laurea? E così tutti quelli che hanno una laurea sanno ragionare? Niente affatto, un’infermiera che conosco bene me lo diceva sempre, ci sono medici ignoranti come le capre e lo sappiamo tutti che avere un titolo di studio non è una certezza!!!
Il sapere non è fatto per comprendere, ma per prendere posizione” (M. Foucault)
E se avessimo della gente costruita moralmente in modo ottimo credete ancora che ci sarebbe bisogno di rivoluzioni? Se tutti avessero letto e capito Platone, Eraclito, Schopenhauer, Voltaire, Rosseau, Il Vangelo di Gesù, e tanti altri, leggete bene anche la bibbia, di  solito il 90% dei credenti non l'ha mai letta per intero, leggetela magari come consigliato da Biglino, 
17 libri ... dalle sacre scritture ... Biglino Mauro, questi sono due video, tre ore in tutto che mi sono visto e rivisto, veramente fatto bene e molto chiaro.

Ma davanti a esseri tanto arretrati cosa faceva il dio di turno per farsi ascoltare? Semplice, o così o la morte, solo con la violenza poteva farsi ascoltare. 
Noi non abbiamo bisogno di rivoluzioni, dobbiamo solo prendere delle posizioni. Il tutto arriva dall'educazione, non per niente quel prete disse: Dateceli in mano cinque anni e saranno nostri per tutta la vita, questo è lo scopo e nemmeno tanto nascosto agli occhi di tutti, certo camuffato da libertà, ma sono in cella ed hanno i fiori, la libertà nemmeno lontanamente mai è stata provata. Se tutto parte dall'educazione significa che distruggendo tutto quello che ti hanno insegnato e sostituire con interessanti alternative è la prima fase, servono i maestri che insegnino però ... e questi non li puoi che trovare in un buon libro, poi nella vita applichi per conto tuo ma il libro ti lascia da pensare e mette in moto il cervello su cose valide e non su cazzate, a meno che non abbiate letto un giornale di gossip :-)
 JJRosseau
"Se la massa va in una direzione, tu vai in quella opposta che probabilmente farai la cosa giusta" 
Perciò non aspettatevi mai di vedere le masse in direzione giusta, come ricordava anche Nice "se esiste la stupidità nell'uomo, quando si ritrova nella massa è in luogo ideale perché si manifesti amplificata". Guardatele le masse, dove le vedete? Allo stadio, nei santuari della madonna, e qualche volta nelle piazze.
Comunque ieri sera ho fatto un analisi della società di oggi e mi è stato detto che è una buona analisi, ho detto quello che ho letto e quello che ho sentito e visto, insomma una panoramica diciamo:
In una comunità per tossicodipendenti o alcolisti uno psicologo ti dirà sempre che il tossico o l'alcolizzato è una persona che pensa solo a se stessa, a posto lui il resto del mondo può cadere che al massimo si sposta ... se leggi il libri di Andreoli, l'ultimo libro, il denaro in testa già trattato in questo blog, l'uomo moderno e il rapporto che ha col denaro lo paragona in più di un punto al tossicodipendente e al suo rapporto con l'eroina, e c'è da dire che i sintomi ci sono tutti proprio. Pensate che io conoscevo un padre che insegnava al figlio: E cosa te ne frega, quando stai bene tu?
Non servono rivolte di massa, basta che cambiamo noi e tutto il resto ci verrà dietro. 
Non ci credete? Più che provare non si può ....
Dioniso777

IL PAPATO

FONDAZIONE

Il culto romano, noto anche come Culto Cattolico Romano del Vaticano venne fondato ufficialmente nel 1057 dal capo sacerdote pagano, Gregorio VII, devoto alla Magna Mater (Cibele).


Altri nomi Chiesa Madre, Culto Romano, Magna Mater, Culto Mariano, Culto Vaticano, Papato
Anno di origine 1057 d.C.
Fondatore Il sacerdote pagano convertito Gregory VII da Papa
Quartier generale Vaticano (Tempio della Magna Mater), Roma
Capo dell’organizzazione Pontefice Massimo, il “Papa”
Leader attuale Papa Benedetto XVI
Membri 4,500 (2009)


Il culto romano non hai mai detenuto ufficialmente la leadership della Chiesa cattolica. Tuttavia, attraverso una incessante campagna di accumulo e consolidamento del potere, questo gruppo relativamente piccolo di individui controlla ora il destino di oltre un miliardo di buoni cristiani e cattolici etici, tratti in inganno dalla “presunta” legittimità del Culto Romano.
Un culto brutale e sanguinario – che comprese il sacrificio di bambini, la cremazione di persone (dall’11 ° secolo dC), l’adorazione di demoni e il celibato assoluto dei suoi sacerdoti inferiori – l’epicentro di tale male fu il Phrygianum in cima al Colle Vaticano, dal secondo secolo aC.
Dal 1 ° secolo aC, i sommi sacerdoti – una posizione ereditaria controllata da una manciata di antiche famiglie – invocarono l’antico titolo pre-Repubblicano di Pontifex Maximus, dopo che gli imperatori romani si assunsero il sommo ruolo di sacerdoti supremi del culto di Stato della Magna Mater ( Cibele).
Custodi gelosi della loro eredità pagana e dedite ai sacrifici umani, queste famiglie vennero bandite da Roma più di una volta.
Tuttavia, durante i periodi tumultuosi della storia romana, dopo il crollo di Roma come centro dell’impero, gli alti sacerdoti pagani assunsero il ruolo di leader della comunità e per diversi periodi, tornarono apertamente alle loro pratiche sacrificali (bambini), al cannibalismo e al culto demoniaco: dal 590 al 752, dall’847 all’872 e infine dall’896 al 1057.

IL PRIMO FALSO PONTEFICE MASSIMO CATTOLICO, FORMOSO

Due t-rex con una fava.

Scritto da Uriel Fanelli

Ultimamente (oltre al caldo soffocante seguito al mio ritorno in Italia) c'e' tutto un parlare di finanziare la teoria dell' "intelligent design" e contemporaneamente c'e' una lite in corso su faacebook, che mi causa un pochino di quello che i tedeschi chiamano "fremdschamen", ovvero imbarazzo per conto terzi, e quindi volevo chiarire come la penso, non tanto perche' voglio entrare nella diatriba, ma perche' ne voglio stare fuori. Spero il messaggio sia chiaro.
Il primo punto e' sull'intelligent design. C'e' da qualche parte una diatriba terribile , specialmente negli USA ove l'ignoranza e' un punto di vista se viene finanziata abbastanza, tra coloro che sostengono le teorie "classiche" dell'evoluzione (qualsiasi cosa significhi questo nel 2012) e coloro che parlano di "intelligent design", ovvero coloro che suppongono che ci sia un'intelligenza (si presume divina) dietro all'ecosistema come lo conosciamo.
Attualmente la mia posizione religiosa si potrebbe riassumere come quella di "viandante" o "cercatore" : ho cercato di studiare quel che potevo, ho visto che c'e' un grosso potenziale di automiglioramento insito nei discorsi religiosi, ma ho anche constatato il penoso fallimento di tutte le teologie nel trasformare il potenziale in un miglioramento effettivo del genere umano. Onestamente, tutte le discipline dello spirito sembrano tendere a qualcosa di superiore, il guaio e' che se qualcosa di superiore esiste, beh, con le public relations e' una frana. E' come se IKEA si chiamasse TRUFFA e poi si lamentasse del fallimento.
Sarebbe ora di dire la verita': se per rendere plausibile UN libro sacro devi scrivere 1700 libri di teologia, beh, qualche problema di comunicazione col cliente devi averlo. Non puoi scrivere che Dio scelga Maria tra tutte le donne della zona perche' ha la passera intonsa e poi aspettarti che la gente ti ascolti senza ridere .
Cioe', non era una filosofa tipo Ipazia. Non era una cazzuta tipo la Regina di Tebe. Non era una come la madre di Cesare, cioe', una che se chiedi che cosa abbia di speciale puoi rispondere "ha una mente che spacca" o "e' una che ha capacita' da vendere" , o "e' una la Dea della strategia politica familiare". No, quella la sceglie perche' ha la passera vergine: da come la descrivono sembra una povera paesana senza scuola, non ha mai mostrato alcuna particolare capacita' o abilita', ma sembra che la ragione principale -se non unica- della scelta sia l'imene. Insomma, la passera.

La via d'entrata nel caloroso piacere, oppure la porta d'uscita al freddo mondo esterno .... oppure: Come ti scelgo la donna migliore del pianeta in 3 mosse. Cha cha cha.

Ora, immaginate che qualcuno in una multinazionale voglia assumere la sua nuova direttrice di produzione misurando il peso specifico delle tette (assai piu' interessante dell' Imene, secondo me) oppure la mancanza di ragadi anali: non vi sembrerebbe il CEO piu' intelligente della storia, diciamo.
A quel punto avete poco da scrivere 1800 libri sulla Verginita' di Maria: mi spiace, ma il problema non e' la passera di sta poveretta. Il problema e' che un idiota deve affidare il compito piu' importante del mondo -e , sembra , dell'universo- e per essere certo di riuscire non cerca la donna piu' intelligente, abile, capace, colta, forte, veloce, qualsiasi cosa , ma si limita ad annusare passera per passera finche' non e' certo di trovare l'imene giusto.
.... seriously? (1)

FINISCE SUL WEB IL PIANO SEGRETO DI ATTACCO CONTRO L'IRAN

Un attacco coordinato, che includa anche un'aggressione cibernetica senza precedenti in grado di paralizzare totalmente il regime iraniano e la sua capacità di comprendere cosa stia accadendo entro i propri confini. I presunti piani di guerra d'Israele contro Teheran sono stati rivelati dal blogger israelo-americano Richard Silverstein che ha pubblicato sul suo sito "Tikun Olam" ("Riparare il mondo", in ebraico) un estratto di un dossier che gli sarebbe stato dato da una fonte israeliana di alto livello che, a sua volta, l'avrebbe ricevuto da un ufficiale delle Forze di difesa israeliane. Il documento è stato passato perché, secondo la sua fonte, «questi non sono tempi normali e temo che Bibi (Netanyahu, premier d'Israele, ndr) e Barak (ministro della Difesa, ndr) facciano maledettamente sul serio».

Il piano d'attacco in tre fasi. Il dossier rivela il piano di attacco in tre fasi: nella prima si ricorrerebbe alla tecnologia più sofisticata per mettere ko Internet, i telefoni, la radio, la tv, le comunicazioni satellitari, le connessioni in fibra ottica degli edifici strategici del Paese, comprese le basi missilistiche sotterranee di Khorramabad e Isfahan. Per la seconda fase sarebbe previsto il lancio di decine di missili balistici, in grado di coprire una distanza di 300 chilometri, contro la Repubblica islamica dai sottomarini israeliani posizionati vicino al Golfo Persico. Missili «non dotati di testate convenzionali», precisa il documento, «ma con punte rinforzate, progettate per penetrare in profondità». In questo caso, il dossier fa riferimento ai siti sotterranei, come quello di Fordo, forse quello che più preoccupa Israele perchè scavato in una montagna vicino a Qom ad una profondità tale che si presume sia fuori della portata anche delle bombe più perforanti. Infine la terza fase, con il lancio di altri missili - questa volta da crociera - per mettere ko i sistemi di comando e controllo, di ricerca e sviluppo e le residenze del personale coinvolto nel piano di arricchimento dell'uranio. Le informazioni raccolte nel corso degli anni saranno utilizzate per decapitare completamente i ranghi professionali e di comando dell'Iran in questi campi. Dopo la prima ondata di attacchi, che saranno cronometrati al secondo, un satellite passerà sopra l'Iran per valutare i danni agli obiettivi. Le informazioni saranno quindi trasferite agli aerei di guerra dotati di tecnologia sconosciuta al grande pubblico e anche all'alleato americano, invisibili ai radar e inviati in Iran per finire il lavoro, colpendo un elenco ristretto di obiettivi.

http://infoaltra.blogspot.it/2012/08/sul-web-finiscono-i-piani-segreti-della.html

Fonte: terrarealtime

israel_iran_invasion.png

Vi racconto una bella storia



Visto che caligola non ci ha rotto più di tanto vi racconto una bella storia, una storia d'amore tra un uomo e il suo pelosetto.
Questo cagnolone si chiama Schoep, un bel meticcione di ben 19 anni, il suo compagno bipede John lo adotto quando aveva circa otto mesi passati non proprio bene e sono diventati inseparabili.
Anche il lago ha fatto la sua parte, John reduce da una delusione amorosa aveva intenzioni assai brutte ma la vista di Schoep lo ha fatto desistere.

Ora a 19 anni il cagnolone soffre di una forma di artrite molto dolorosa e nonostante gli antidolorifici non riesce a dormire la notte, così il suo compagno di vita tutte le sere lo immerge delicatamente nel lago e Schoep si abbandona rilassandosi riuscendo a dormire.
Dopo tutte queste notizie di maltrattamenti di questi ultimi tempi una bella storia come questa và raccontata.
Di seguito il video in lingua originale.

giovedì 16 agosto 2012

IL BATTESIMO DEL FUOCO


IL BATTESIMO DEL FUOCO

Freenfo: Fuoco



Nei prossimi mesi e nel corso dei prossimi pochi anni il disegno dei padroni sarà ufficializzato e instaurato con il consenso tacito di tutta la popolazione mondiale. Il tempo di parlare di microchip, di profezie e di fine dei tempi è definitivamente terminato. Sarebbe bello continuare a condividere pensieri e opinioni, sarebbe bello sedersi ad un tavolo e mangiare insieme facendo finta che tutto sia ok. Ma nulla è ok, nulla è come dovrebbe essere ed ormai siamo entrati nell’irreversibilità del momento. In futuro è possibile che questo blog non scriva più nessuna riga, che venga cancellato da qualche nuova normativa in termini di sicurezza nazionale. In poche parole quello che verrà non potrà essere in nessun modo definito ne preventivato, tuttavia ognuno di noi sa perfettamente a cosa dovrà andare incontro. La lotta contro i fantasmi e i demoni interiori è giunta all’apice e molti hanno superato la prova con successo, per altri ancora è difficile anche solo immaginare tale realtà. Molti che oggi compiono la SCELTA dovranno accelerare i tempi ed essere rapidi come mai in precedenza poiché i tempi sono maturi. Se oggi la vostra vita crolla davanti ai vostri occhi, se tutto sembra disgregarsi di fronte alle vostre prese di posizione in favore di una Legge superiore a quella umana, allora avrete la prova certa che siete sulla retta via. Benedite ogni disgrazia perché è la prova che qualcuno vi sta amando e mettendo in condizione di essere degni di diventare Figli. Perché il battesimo dell’acqua è un atto inconsapevole e orami dovuto per la maggior parte di noi (credenti o non credenti), il battesimo del Fuoco invece lo dobbiamo volere con tutte le nostre forze e per definizione il Fuoco non è certo un elemento con cui scherzare… alla fine però credo che la ricompensa valga la grande sofferenza compiuta per raggiungerla. Buon cammino a tutti noi…

I GESUITI

FONDAZIONE

L’ordine dei gesuiti venne inizialmente fondato nel giorno dell’ “Assunzione” il 15 agosto 1534, in una cerimonia segreta nella cripta della cappella di St. Denis da Ignazio di Loyola (Inigo Lopez de Loyola) Francisco Xavier, Alfonso Salmeron, Diego Lainez, e Nicolás Bobadilla (Spagna), da Peter Faber (Savioia/Francia) e da Simao Rodrigues (Portogallo).

Key Facts
Altri Nomi Società di Gesù, La compagnia di Gesù, La compagnia
Anno di origine 1540 Bolla Papale Regimini militantis ecclesiae (“Sulla supremazia della Chiesa militante”)
Fondatori Francesco Borgia & Ignazio di Loyola
Sede Chiesa del Gesù (Roma)
Capo dell’organizzazione Superiore Generale
Leader corrente Adolfo Nicolás
Numero membri 18,815 (2008)



La formazione della Compagnia di Gesù venne approvata da Francesco Borgia, Duca di Grandia, nipote di papa Alessandro VI e patrono di Ignazio di Loyola. Francesco Borgia fu il principale finanziere e “architetto” nella costituzione del primo ordine militare di monaci della Chiesa cattolica. Lo si ricorda anche per aver contribuito positivamente nell’approvazione della Bolla Regimini militantis (27 settembre 1540) da parte dell’amico della famiglia Borgia, Alessandro Farnese, Papa Paolo III, che per primo conferì ai gesuiti lo status di ordine.
Ignazio di Loyola attirò, per la prima volta, l’attenzione del giovane duca di Grandia nel 1529, dopo che Loyola venne nuovamente arrestato dall’Inquisizione per le sue estreme pratiche di devozione religiosa. Borgia vide del potenziale nell’estremo rigore religioso, predicato da Ignazio di Loyola e nel suo desiderio di stabilire un ordine di monaci militari. Fu il giovane Borgia a salvare la vita di Ignazio dall’Inquisizione.
Alla morte di Ignazio nel 1557, Francesco Borgia avrebbe dovuto essere il secondo Superiore Generale. Tuttavia, le sue ambizioni vennero ostacolate in primo luogo dall’acerrimo nemico Giovanni Pietro Carafa come Papa Paolo IV (1555-1559). Carafa fu uno dei più grandi nemici di papa Alessandro VI e nominò subito Diego Laynez come Superiore Generale.
Papa Paolo IV morì nell’agosto del 1559 e fu sostituito da Giovanni Angelo de’ Medici (Papa Pio IV). In entrambi i casi, il Superiore Generale dei gesuiti Diego Laynez si schierò dalla parte dei papi rendendoli virtualmente intoccabili.
Tuttavia, dopo che Papa Pio IV torturò e uccise Benedetto Accolti e altri membri delle famiglie papali in un presunto complotto, il cardinale Borgia fece la sua mossa e Pio IV venne avvelenato, morendo il 9 dicembre 1565. Pochi giorni dopo, il Superiore Generale Diego Laynez subì la stessa sorte. Il suo successore fu il cardinale Francesco Borgia, eletto all’unanimità, terzo Superiore Generale.

Le 10 città dove si vive meglio: Ci dilunghiamo molto su fatti che contano poco ...

Ci dilunghiamo molto su fatti che contano poco ...
... spendiamo energie per mantenere chi alla fine??? Noi? No di certo!
La Classifica:
1. Melbourne 97.5
2. Vienna 97.4
3. Vancouver 97.3
4. Toronto 97.2
5. Calgary e Adelaide 96.6
7. Sydney 96.1
8. Helsinki 96.0
9. Perth 95.9
10. Auckland 95.7
Che strano, nemmeno una italiana ... me ne aspettavo almeno un paio nelle prime dieci :-((
... e invece per trovare la prima italiana in classifica dobbiamo scendere al 42esimo posto assegnato a Milano, fonte, informagiovani-italia.com
... spendiamo energie per mantenere chi alla fine??? Noi? No di certo se guardiamo bene la situazione nel complesso e non nei particolari, spesso inutili.
Facciamo ogni giorno le azioni del giorno precedente, ed escluso chi lo fa in modo consapevole, a tutti gli altri, aspettate un salvatore o la vostra gabbia non ha vie di uscita?
Delle due una ...
Togliete i soldi che vi prelevano ogni mese e facciamo i calcoli ... lo ribadisco sempre, carta e penna e fatevi i calcoli:
Cosa rimane veramente al lavoratore dopo un mese di lavoro?
Poi leggiamo
Dal blog di beppe grillo.La crisi è uno stato mentale - U. Marco Cali'
... eccome no, fino a che dichiari qualche milione di euro all'anno come Grillo è solo nella testa, certo è solo nella testa ... quando abbiamo poche persone elette, quanti i titolari delle sempre stesse banche e finanziarie che cambiano solo nome? , Dove vanno a finire i soldi che prelevano, un 85% direi, dei nostri introiti, mettete non solo le prime trattenute, tiratevi via anche l'iva e le accise varie su ogni bene che prendete, siete ancora convinti che vi rimanga un misero terzo del vostro lavoro? Impossibile, matematicamente calcolato sino all'osso quello che possono rosicchiare lo rosicchiano e il nostro è un paese buono da vivere se lo paragoniamo all'Africa o al sud America, quanti mi hanno detto da quei luoghi "noi viviamo bene rispetto al nostro paese, ma voi?"
Noi lo sappiamo ....
... la disuguaglianza è molto molto peggiore di quanto mostrino le statistiche ufficiali

La risata......Osho


La risata......Osho
http://eliotroporosa.blogspot.it/ 

Se riesci a ridere di te stesso, va tutto bene.

La gente ride degli altri, mai di se stessa. È una cosa da imparare. Se puoi ridere di te stesso, la serietà se n’è già andata. Non le lasci alcuno spazio se riesci a ridere di te stesso.
Nei monasteri Zen, tutti i monaci devono ridere. La prima cosa che si fa al mattino è ridere, la primissima cosa. Non appena il monaco si accorge che non sta più dormendo, deve saltar giù dal letto, assumere un atteggiamento buffo – come un pagliaccio da circo – e cominciare a ridere, a ridere di se stesso. Non c’è modo migliore per cominciare la giornata.
Ridere di se stessi uccide l’ego, ti rende più limpido, più leggero, quando ti muovi nel mondo. E, se hai riso di te stesso, la risata di chi ride di te non ti potrà certo disturbare. Anzi, stanno semplicemente cooperando, stanno facendo la stessa cosa che hai fatto tu. Ne sarai felice.
Ridere degli altri è egoistico, ridere di sé è molto umile. Impara a ridere di te – della tua serietà e di tutte queste cose. Ti può capitare di prendere molto sul serio la tua serietà. Allora invece di una malattia, ne avrai create due. E in seguito prendi seriamente anche questa cosa, e così via. Non c’è fine a una situazione del genere, puoi continuare fino alla nausea.Così è meglio se l’affronti fin dall’inizio. Non appena senti che stai diventando serio, mettiti a ridere, e cerca dentro di te dove si trova questa serietà. Fatti una risata, una bella risata, chiudi gli occhi e cerca dove è finita: la serietà si trova solo in un essere che non sa ridere.

Non c’è situazione più sfortunata di questa, non si riesce a immaginare qualcuno più disgraziato di un uomo che non sa ridere di se stesso. Per cui comincia il tuo giorno ridendo di te stesso, e ogni volta che trovi un momento libero nella tua giornata… quando non sai cosa fare, fatti una gran risata. Senza motivo – solo perché il mondo intero è così assurdo, solo perché è così assurdo il modo in cui sei fatto tu.
Lascia che la risata nasca proprio dalla pancia, che non sia qualcosa di mentale. Uno può anche ridere di testa, ma allora è una cosa morta. Tutto quello che viene dalla testa è morto, assolutamente meccanico. Certamente, puoi anche ridere di testa, ma la risata non raggiungerà alcuna profondità, non arriverà nella pancia, nell’hara.

Non andrà giù fino alle dita dei piedi, non si espanderà in tutto il corpo. Una risata vera è come quella di un bambino. Guarda come si scuote la sua pancia, tutto il suo corpo sussulta – si rotola sul pavimento. È una questione di totalità. Ride talmente che comincia a piangere; ride così totalmente che la risata si trasforma in lacrime, cominciano a scendergli lacrime dagli occhi. Una risata dovrebbe essere profonda e totale. Questa è la medicina che prescrivo contro la serietà.

[Osho]

AC/DC Jailbreak Live At Donington: I ain't spending my life here I ain't living alone


Tre minuti di chitarra del grande Angus McKinnon Young  nel suo splendore, lo ricordate questo meraviglioso album in edizione live limited edition?
testo

Marra: la pornografia uccide quanto l’Eurogendfor

Monti ci ha indebitato per 50 miliardi all’anno per 20 anni, e questo parlamento di invertebrati ha approvato senza una parola, così come non ha detto una parola la stampa. Poi, siccome è bravo (Monti) con i titoli delle sciagure che causa, ha chiamato questa sciagura fiscal compact.
Volete ribellarvi? Pensateci bene perché ora c’è Eurogendorf ! Cos’è? È una polizia europea che ha tutti i possibili e immaginabili tipi di potere ma è immune a ogni forma di controllo sia giudiziario che parlamentare. In pratica possono anche uccidervi senza dover fornire spiegazioni a nessuno.

Contenti?

Olimpiadi: i Napolitano’s boys


Olimpiadi, vetrina per un paese in cassa integrazione. L’Italia


Sulla vicenda delle Olimpiadi Grillo ha solo ragione: sono una boiata pazzesca, una grossa fiera per spendere e fare soldi, una specie di concorso di veline con i pettorali al posto delle tette, sono una spatafiata di nazionalismo del più becero.
Le grandi potenze devono fare vedere che sono le più forti: è toccato in passato alla Germania nazista e poi a quella dell’Est, all’Unione Sovietica. Tocca da un po’ agli Stati Uniti, e più di recente alla Cina, far vedere che prendono tante medaglie, che sono i più forti, che hanno divisioni di atleti oltre che di fanteria. Che bisogna stare attenti perché loro menano. Gli americani ci mettono un sacco di soldi; i cinesi hanno anche altri metodi più spicci e convincenti, come hanno documentato i giornali. Le cose in generale si fanno per convinzione, per forza o per soldi. Se qualcuno che lo fa per convinzione c’è ancora, onore a lui.
Ma le Olimpiadi servono anche alle Nazioni di secondo ordine, a quelle patacca, inventate o in cassa integrazione che hanno bisogno di affermazioni e di medaglie non tanto per dimostrare una forza che non hanno ma giusto per affermare di esistere.
É il caso dell’Italia che pur di far vedere che c’è ancora si aggrappa agli sport più strani, quelli marginali un po’ snobbati dai potenti che preferiscono mostrare i muscoli sulle piste di atletica. Così l’Italia campa di scherma, archi, tiro a segno, e altra roba da Luna Park. Ma soprattutto impegna tutto il suo potenziale burocratico. Se per le altre Nazioni gli atleti sono la metafora della forza economica e soprattutto militare e i giochi delle rappresentazioni di battaglie, l’Italia le sue forze armate le mette direttamente in campo, senza metafore. I suoi atleti sono per due terzi poliziotti, soldati o gente che porta la divisa a spese del contribuente. S’è vinta una medaglia nel Taekwondo, che i più ritengono una variante del Sudoku, e a vincerla è stato un carabiniere. Mentre per tutta la penisola gli incendi impazzano, i forestali (una vera armata concentrata soprattutto nel Mezzogiorno) è distratta a fare il tifo per i colleghi che combattono la guerra di Londra: cinque di loro corrono e saltano, tre remano, uno pedala, uno tira di scherma, due sparano, due nuotano e uno lotta ma non contro il fuoco.
Alla fine cosa sarà costata tutta questa cosa: Casa Italia, la trasferta, gli accompagnatori, lo stipendio degli atleti per tutto il tempo della preparazione, magliette, gadgets e tutto il resto? C’è un ministro esperto in spending review che sa fare il conto approssimativo di questa avventura?
Quanti mensilità di pensionati al minimo, quanti posti letto di ospedale, quante ambulanze, quante altre cose più utili e civili si sarebbero potute fare invece di tutta questa menata?
La resa non è neppure delle migliori. I 288 palestrati hanno preso 28 medaglie, una ogni 10,3 partecipanti. Nel medagliere i Napolitano’s boys sono arrivati decimi: delle nove squadre che li hanno preceduti solo l’Australia ha un rapporto peggiore (11,8), tutti gli altri hanno fatto molto meglio, fino al 5,3 della Russia, al 5,2 degli Stati Uniti e al 4,4 dei cinesi. Sul libero mercato saremmo tagliati fuori: si gareggia giusto con i soldi di Pantalone.
Fossimo un paese serio le cose dovrebbero andare diversamente. Qualcuno per passione, capacità, ambizione vuole partecipare alle Olimpiadi? Si trova uno sponsor (quelli bravi ne trovano sempre uno), e il Comitato olimpico italiano (che dovrebbe campare solo grazie al Totocalcio) gli paga il viaggio e l’albergo: a lui ma non alla morosa, alla mamma, agli amici del Bar Sport o a tanti affettuosi commilitoni.
Se poi vince ne siamo tutti contenti, anche al Taekondo. E Napolitano si può commuovere e mandare messaggi di congratulazioni (a sue spese, col suo stipendio che gli permette una camionata di francobolli e telegrammi). Vuol mettere Presidente la soddisfazione di vedere qualcuno che gareggia e vince gratis? Si perché sarà forse anche bello vedere qualche guardia di finanza che prende una medaglia d’oro senza rovistate bagagliai o borsette a Chiasso, ma sai che incazzatura se non la prende, con quello che ci costa. La guardia naturalmente.

Altra Realta' di GILBERTO ONETO fonte Link

elenco atleti italiani olimpiadi di vancouver 2010
quasi tutti carabinieri esercito e guardia forestale


LKWTHIN

altri da leggere

LINK NEOEPI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...