"THE END"

sabato 9 aprile 2011

Dietro alla scena rimane chi governa

Non se ne parla mai, volutamente il loro nome non viene mai messo in relazione ai fatti che scatenano. Ma dietro ogni disastro quando vai ad analizzare trovi sempre loro!




 Un altro mistero della storia, o rompicapo, è: Qual'è stata la vera storia dietro l'affondamento del Titanic? Il libro 'The Secret Terrorists ' stampato dai Truth Triumphant Ministries e ristampato da Tree of Life Resources da esattamente la colpa all'Ordine Cattolico Romano noto come Gesuiti. “Le più grandi tragedie negli ultimi 200 anni possono essere ricondotte ai Gesuiti.”
Fondata nel 1540 la Compagnia di Gesùcrebbe rapidamente all'interno della Chiesa Cattolica. Essi furono i confessori delle famiglie regnanti europee. Essi difendono il Papa e il cattolicesimo in tutto il mondo in quasi ogni paese. Nel 1773 Clemente XIV soppresse i Gesuiti. Nel 1814, Papa Pio VII rispose alle pressioni restaurando la Società. Oggi ci sono sacerdozi e collegi di Gesuiti. Sono un'organizzazione molto influente. I Gesuiti sono dediti alla promozione del Cattolicesimo e del potere del Papa. Eppure...c'è un segreto, un lato negativo di questa organizzazione chiamata 'Compagnia di Gesù'. Per centinaia di anni realizzarono uccisioni religiose. Essi erano gli uomini dai mantelli scuri che portavano i pugnali. (Erano la CIA religiosa del loro tempo?)
Nel 1910 sette uomini si riunirono a Jekyll Island, al largo della costa della Georgia, per pianificare la Federal Reserve Bank. 

Nelson Aldrich e Frank Vanderclip rappresentavano l'impero finanziario Rockefeller. Henry Davidson, Charles Norton e Benjamin Strong rappresentavano JP Morgan. Paul Warburg rappresentava la dinastia bancaria Rothschild europea. I Rothschild sono stati gli agenti bancari per i Gesuiti e tenevano 'la chiave della ricchezza della Chiesa Cattolica Romana'.
La banda Morgan, la gang Rothschild e quella Rockefeller erano feroci concorrenti tuttavia entrarono in compartecipazione. Essi stabilirono il cartello bancario nazionale noto come Federal Reserve System...secondo G. Edward Griffin in 'The Creature From Jekyll Island (American Opinion Publishing P. 209). Una recensione di questo libro affermava:”Si racconta una storia di come i banchieri attirarono i politici con soldi facili e finirono col controllare la maggior parte del mondo”.
[Questo scrittore viaggiò a Jekyll Island nel 1970 con la sua squadra di tennis del college. Egli ebbe un momento molto bello lì una notte:”Ero solo e disegnavo un faro. C'erano dei cervi nel buio e bevevano da uno stagno. Al chiaro di luna, fu uno spettacolo che non dimenticherò mai. Ancora non riesco a rendermi conto che questo splendido resort invernale per ricchi aveva una storia malvagia. Jekill Island era il nome appropriato.]
I Rothschild, i Morgan e i Rockefeller sono controllati dall'Ordine dei Gesuiti. Le famiglie più potenti 'fanno tutto ciò che è necessario per distruggere la libertà costituzionale in America e portare il Papa a dominare il mondo.' La costruzione del Titanic iniziò nel 1909, presso un cantiere navale di Belfast, in Irlanda. Belfast era protestante ed era odiata dai Gesuiti. 
Morgan prese il controllo di White Star Lines. I Gesuiti ordinarono a JP Morgan di costruire il Titanic. Fin dall'inizio del transatlantico di lusso, il Titanic fu destinato alla rovina.
Ci furono un certo numero di uomini potenti che non erano a favore del Federal Reserve System. Benjamin Guggenheim, Isa Strauss e John Jacob Astor si opposero alla formazione di un FRS. 
Questi uomini erano senza dubbio i più ricchi uomini del mondo e sbarravano la strada al piano dei Gesuiti. 'Questi tre uomini furono persuasi e incoraggiati a salire a bordo del palazzo galleggiante'. Questi non solo erano i nemici dei Gesuiti e contrari ad una Federal Reserve Bank, ma avrebbero usato la loro ricchezza ed influenza per opporsi alla Prima Guerra Mondiale. Questo era il viaggio 'virginale' della più grande nave mai costruita. La campagna di 'inaffondabile' garantiva la confortevole sicurezza dei passeggeri. Molti cattolici francesi, italiani e irlandesi salirono a bordo. I Protestanti di Belfast furono anche incoraggiati ad emigrare negli Stati Uniti a bordo del Titanic. Questi, per la maggior parte, furono persone sacrificabili. Ma la vera ragione per distruggere la nave era una partita tra i super ricchi, nella quale Guggenheim-Strauss-Astor dovevano essere eliminati. 'Essi dovevano essere distrutti con un mezzo così assurdo che nessuno avrebbe sospettato che erano stati assassinati, e nessuno avrebbe sospettato i Gesuiti.' Il capitano del Titanic era Edward Smith. Egli era un Gesuita e lavorava per JP Morgan. Chiunque potrebbe essere un Gesuita e la sua identità non essere nota. Da 'I Segreti del Titanic' (1986) del National Geographic:“Quando la nave partì nel sud dell'Inghilterra a bordo c'era Francis Browne. Egli era il più potente dei Gesuiti in tutta l'Irlanda e il 'Maestro Gesuita di Edward Smith'.” 'Ecco il tradimento Gesuita al suo culmine. Il Padre provinciale Francis Browne salì a bordo del Titanic, fotografò le vittime, quasi sicuramente impartì le direttive al capitano riguardo al suo giuramento come Gesuita, e la mattina seguente diede lui l'addio...' Eric J. Phelps, Vatican Assassins Halcon Unified Services. P. 247
Il Capitano Smith credeva che questo 'Generale dei Gesuiti' di alto livello fosse Dio. Browne lo istruì sul cosa fare nelle acque del Nord Atlantico. 'A Edward Smith fu dato l'ordine di affondare il Titanic e questo fu esattamente ciò che fece'. Secondo la filosofia segreta dei Gesuiti: gli innocenti possono essere massacrati per un bene più grande, il fine giustifica i mezzi.
Fr. Francis Browne          Franz Xavier Wernz
Fr. Francis Browne è il Superiore Provinciale Gesuita in Irlanda
Fr. Wernz è il Superiore Generale dei Gesuiti

Il Capitano Smith aveva viaggiato nel Nord Atlantico per 26 anni. Era il 'Maestro più esperto al mondo' in queste acque fredde. Il Capitano aveva sempre saputo che la sua nave era stata costruita per i nemici dei Gesuiti. Il suo scopo era sempre stato quello di essere una 'nave della morte' ed essere affondata al suo primo viaggio. Il Capitano Smith sapeva anche esattamente dove erano gli iceberg. Sotto ordini segreti spinse il Titanic alla piena velocità di 22 nodi in una notte senza luna attraverso un'enorme distesa di ghiaccio con un'area grande 80 miglia quadrate. Gli era stato 'ordinato dal suo Dio in Vaticano, e nulla lo avrebbe distolto dal suo obiettivo.'
Le azioni del Capitano Smith nelle sue ultime ore non furono quelle di un leader forte. Sembrava come se stesse lottando con la sua coscienza. Doveva lui essere il capitano coraggioso o obbedire al suo padrone e affondare la nave?
Ci furono volutamente non abbastanza scialuppe di salvataggio. Durante l'emergenza molte delle scialuppe di salvataggio avevano solo alcuni passeggeri di donne e bambini. Furono lanciati segnali bianchi di soccorso. Le navi di passaggio pensavano che quelli a bordo del Titanic stessero festeggiando. I segnali di soccorso avrebbero dovuto essere rossi. Questi esempi non accaddero a causa di un equipaggio arrogante che credeva che il Titanic era inaffondabile. Tali carenze furono pianificate.
Quegli uomini più ricchi, che si opponevano al sistema della Federal Reserve, furono uccisi insieme alle classi medie e basse. La moglie di John Jacob Astor fu salvata. Fu anche salvata Molly Brown. L'affondamento del Titanic fu forse il più grande disastro del ventesimo secolo al di fuori delle guerre mondiali. Secondo 'The Secret Terrorist', la causa di questa tragedia fu la Compagnia di Gesù della Chiesa Cattolica Romana.
'La nave inaffondabile, il palazzo galleggiante, fu creato per essere la tomba per i ricchi che si opponevano al sistema della Federal Reserve. Il 14 aprile (stessa data storica dell'assassinio di Abraham Lincoln) del 1912 il Titanic colpì un iceberg e tutta l'opposizione alla Federal Reserve fu eliminata. Nel dicembre 1913 nacque negli Stati Uniti il Federal Reserve System. Otto mesi più tardi i Gesuiti, attraverso il Federal Reserve System, avevano fondi sufficienti per iniziare la Prima Guerra Mondiale. Si noti che il Federal Reserve System fu istituito subito dopo il disastro del Titanic.
I ricchi hanno sempre creato guerre inutili in cui i poveri dovevano sempre combattere e morire. Le pagine di 'The Secret Terrorist' non specificano il nome di Templari, Massoni e Illuminati. Ma queste società segrete sono connesse e controllano: banche, sistema monetario, compagnie petrolifere, società, governi, politici, militari, polizia, legge e sistema giudiziario, chiese, scuole, media, ecc. ecc.
I ricchi e i potenti hanno sempre governato il mondo. Le elite fabbricano le notizie, creano i grandi eventi internazionali. William Randolph Hearst inventò le notizie e stampò la sua propaganda nel suo giornale.
Fu il ricco che fece volutamente schiantare la Borsa nel 1929 e causò la sofferenza della Grande Depressione. I super ricchi ebbero giornate finanziarie altamente redditizie durante il Crash. Furono i meno ricchi, gli investitori che volevano esserlo, che persero tutto.

fonte


venerdì 8 aprile 2011

vOGLIO ESSERE DIO

Sono anch'io infinitamente malizioso, penso male, perché il tutto va male!
Vuoi che questi non siano pagati proprio dai soliti per offrire un opportunità di fuga?
Fuga da una realtà che di umano non ha niente........ma lasciamo perdere i discorsi inutili: "Se tu avessi a disposizione di una quantità di denaro paragonabile al PIL di certe nazioni...(e la tua mente fosse devastata dalla psicosi oppure dalle idee malsane di sentirti il dio in terra), cosa faresti? IO SE FOSSI RIDOTTO IN QUESTA MANIERA INVESTIREI IL MASSIMO PER POTER DIVENTARE DAVVERO IL LORO DIO...uauahhhh che sega mentale!!!!
I poveretti, coloro che vivono una vita ma non hanno consapevolezza di quello che sono, bene,questi fanno quello che hanno sempre fatto: "Inventano un dio e poi nella menzogna dimostrano di essere simili a quella creatura inventata nella patologia....del loro essere".
Sono stato chiaro?!??
Io ho vissuto un esperienza di coma per ben tre volte in vita mia (non c'è due senza tre!), ed ora la realtà la vedo per quello che è. Hanno smesso di distrarmi e se ognuno osservasse bene potrebbe vedere solo un fatto: "Una miriade di persone tenute in giogo grazie alla politica, il calcio, il razzismo, la moda, etc...non sono molto colto, ma non serve la cultura per capire certe cose serve solo un senso analitico di tutte le stronzate che ci propinano, o che tentano di fare, quotidianamente!!
SVEGLIA, questo è un sogno ok, ma svegliatevi perché si può anche sognare meglio...e vivere meglio di conseguenza.
c'è qualcosa che non va......i conti non tornano!
Leggete le mie prove: http://fintatolleranza.blogspot.com/2011/04
E SE NESSUNO SI FERMA è SOLO PER IL MOTIVO CHE SIETE MACCHINE, AUTOMI. PER QUESTO NON PARLATE DI EMOZIONI, SIETE AUTOMI DI MERDA CHE DIFFONDONO MORTE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Les Armes Sismiques

Les Armes Sismiques di J.P. Petit
traduzione e adattamento di
 Giuditta 


Condoleeza Rice
 al Senato Americano il 18 gennaio 2005:
"Lo tsunami è stato una meravigliosa occasione (wonderful opportunity) di mostrare il cuore del popolo americano. E io penso che "gli utili" sono stati molto importanti sul fronte diplomatico".

Indonesia il 26 dicembre 2004.
Migliaia di chilometri di coste sono state spazzate via a causa di un maremoto spaventoso.

Simulazione dello TSUNAMI nel sud-est asiatico.
Un fenomeno simile potrebbe essere di origine umana, per camuffare un test di un'arma nei fondali marini, in una regione in cui gli effetti sismici possano essere confusi con dei fenomeni naturali?

Il luogo era ideale per la presenza di una fossa oceanica che protegge le coste e la base americana di Diego Garcia (si sa che più il fondo marino risale velocemente, più il tsunami è devastante) e anche l'ora giusta per far si che ben due satelliti USA passavano lì "per caso", per constatare gli effetti di questa "arma sismica".

Base USA di Diego Garcia

Torniamo alla Pamir , che secondo il video dovrebbe funzionare in questa maniera:
attraverso il suolo, in corrispondenza di una faglia e di una falda acquifera, la macchina "inietta" la scarica elettromagnetica.
Il passaggio della corrente vaporizza l'acqua e produce un effetto di sollevamento o scivolamento o spaccatura di una placca.
Questo effetto si può propagare a grande distanza e scatenare un sisma anche molto lontano della zona sollecitata.
In un convegno in USA i russi avevano presentato questa macchina come un "sistema che permette di misurare la conduttività elettrica del suolo" dichiarando che "una variazione di conduttività può essere un segno che annuncia un sisma imminente".
E' logico che i parametri fisici, elettromagnetici del sottosuolo di una regione possano essere modificati in presenza di un terremoto imminente.
Dunque sarebbe logico sistemare intorno ad una regione, a rischio, dei captori passivi (misura dei campi elettrici o attivi (misura della conduttività elettrica del sottosuolo, ecc.)
Ma uno strumento di misura non ha bisogno di mettere in gioco tali intensità in tanto tempo (5-10 secondi).
Dunque questo generatore MHD non è un strumento di misura, ma sicuramente uno strumento capace di agire sull'ambiente sotterraneo.

Ora questo sistema potrebbe essere usato nei fondi marini.
Modificando un banale sottomarino, e modificando i motori con altri alimentati a propenol solido, che funzionano molto bene nell'acqua e sotto pressione (30 bar corrispondono a 300 metri di profondità). Sarebbe così possibile utilizzare un generatore Pamir nelle vicinanze di un faglia marina.



Sarebbe una nuova forma di guerra discreta (silent war), dove indebolire un avversario può semplicemente consistere nel creare dei "fenomeni naturali" sul suo territorio, con dei mezzi modesti .
Non escludendo di proporre, in seguito, un "aiuto umanitario"...
Tutto questo ha l'aria talmente semplice e logica che ci possiamo chiedere se questo non è stato già messo in opera.

Qui la traduzione di un articolo (censuratissimo) sulle manipolazioni mediatiche, politiche, e scientifiche sullo tsunami del
 26 dicembre 2004:



Un consiglio:
i governi che hanno le loro coste esposte a probabili tsunami, non che, qualche bega in corso con potenze bellicose (esempio USA), dovrebbero rimpiazzare le boe rilevatrici di tsunami, con alcuni Idrofoni sensibili capaci di rilevare esplosioni marine importanti. Un sistema poco costoso, che contribuirebbe inoltre, una volta per tutte, a stoppare la sperimentazione nucleari sotterranea.


http://www.ihed.ras.ru/mg/Pamir3U.htm                                                        il progetto PAMIR

PS: siamo in mano a una criminalità organizzata che paragonata alla mafia quest'ultima diventa un gruppo di bambini che giocano dopo la scuola. E questi hanno rincoglionito sistematicamente le masse, vivono con conti correnti talmente gonfi che noi non li possiamo nemmeno immaginare. Un piccolo gruppo di delinquenti si è preso il pianeta a discapito delle grandi popolazioni che vivono con un dollaro al giorno. MA TUTTO QUESTO NON LO HANNO FATTO GRAZIE AL "NOSTRO" LAVORO?!?
SIAMO STATI O NO, NOI, QUELLI CHE HANNO MANDATO AVANTI LA COSTRUZIONE DI QUESTO FOLLE PIANO DI GLOBALIZZAZIONE?

IL PROGETTO VIENE COSTRUITO GRAZIE AI MANOVALI, NON GRAZIE AGLI INGEGNERI !

La macchina del terrore. Se la globalizzazione è questa.....

Da una dichiarazione di William Cohen, ex segretario di Stato per la Difesa USA, del 28 aprile 1997 (QUI):
"Others [terrorists] are engaging even in an eco-type of terrorism whereby they can alter the climate, set off earthquakes, volcanoes remotely through the use of electromagnetic waves. So there are plenty of ingenious minds out there that are at work finding ways in which they can wreak terror upon other nations.It's real, and that's the reason why we have to intensify our[counterterrorism] efforts.
Secretary of Defense William Cohen at an April 1997 counterterrorism conference sponsored by former Senator Sam Nunn. Quoted from DoD News Briefing, Secretary of Defense William S. Cohen, Q&A at the Conference on Terrorism, Weapons of Mass Destruction, and U.S. Strategy, University of Georgia, Athens, Apr. 28, 1997."
Traduzione:

Altri terroristi sono impegnati in un tipo di azione "ecologica", nel senso che essi possono alterare il clima, far scatenare i terremoti, le eruzioni vulcaniche, utilizzando onde elettromagnetiche. Molte menti ingegnose stanno lavorando attualmente per mettere a punto i mezzi per terrorizzare intere nazioni. Tutto questo è reale ed è per questo che abbiamo intensificato i nostri sforzi nella lotta contro i terroristi.
Segretario della Difesa William Cohen, aprile 1997. Conferenza dedicata al contro-terrorismo organizzato dal senatore Sam Nunn. Dichiarazioni segnalate al Dipartimento della Difesa (DoD). Conferenza contro il terrorismo. Armi di distruzione di massa e la strategia degli Stati Uniti. Università della Georgia, Atene, 28 aprile 1997.

Leggiamo tra le righe:
Noi sappiamo che questo è possibile perché da tantissimi anni noi (americani) abbiamo tali armi. Una simile tecnologia ha dei costi accessibili, al contrario della tecnologia nucleare.

Spiegazione:
I terremoti e le eruzioni vulcaniche artificiali non sono impossibili, infatti una minima causa, ben localizzata, può generare un cataclisma.
I terremoti sono legati al movimento delle placche, lungo le faglie. Sappiamo che un terremoto devastante è previsto lungo la faglia di S.Andreas, in California. Ma non sappiamo quando, e dunque non conosciamo, a priori, l'energia sufficiente a scatenare il fenomeno. Ma esiste una tecnica che permette di agire sugli strati profondi del sottosuolo con delle onde elettromagnetiche.

Negli anni settanta i Russi avevano costruito un enorme generatore a pulsioni battezzato "Pamir" che poteva essere trasportato su un grosso camion.Era una variante del generatore di Sakharov (MK1), a compressione di flusso.
Questo generatore chiamato anche Generatore di Pavloski utilizzava dei cannoni elettromagnetici, con un esplosivo chimico che interagiva con un potente solenoide (in regime di numero di Reynolds magnetico elevato).
Questo sistema permetteva di far circolare forti correnti elettriche nel terreno.

Disegno del prof. Jean-Pierre Petit

Il dispositivo fu ufficialmente presentato come un sistema per analizzare la situazione di un terreno misurandone sulle grandi distanze e a grandi profondità la conduttività elettrica del suolo.
Il sistema, usato con moderazione, può testare il terreno, come quando si danno leggeri impulsi su un blocco in equilibrio per vedere se è pronto a scivolare in un burrone.
Ma un tale sistema potrebbe non solo studiare la situazione pre-sismica del territorio, ma eventualmente innescare il terremoto.
Se la faglia non è pronta a cedere, occorrerebbe una notevole energia per innescare il terremoto.
Al giorno d'oggi ormai sappiamo che una variazione di conduttività è il segno di un imminente terremoto.
Con una simile macchina e dei dati geologici esatti, i militari potrebbero, in aree potenzialmente "ostili", o per ragioni geo-politiche, innescare un devastante terremoto, uno tsunami o un'eruzione vulcanica....
- Qui le pagine originali dell'IVTAN, l'Istituto Russo per le Alte Temperature, che parla di uno di questi generatori Pamir:
http://www.ihed.ras.ru/mg/otdel6.htm
http://www.ihed.ras.ru/mg/Pamir3U.htm

Un generatore
 MHD (detto anche "generatore di plasma") a scappamento lineare di Faraday, alimentato con esplosivo (propergol) solido al cesio, o al sodio (sostanze a basso potenziale d'ionizzazione). Lo scappamento espelle gas ionizzato a 3000° tra due o più elettrocalamite. Esso sviluppa 4,8 tesla, e ha elettrodi che raccolgono le correnti generate durante qualche secondo (15000 a 25000 A su 1000V).
-Dal documentario " Les colères du climat" (le collere del clima), trasmesso sulla 5 (emissione televisiva franco-tedesca), film che passa in rassegna le differenti catastrofi "naturali" mondiali dal 2002 in poi, un corto estratto sulla "Pamir":

-Una misteriosa arma al plasma vista poco prima del terremoto a Nigarta in Giappone, nel Luglio del 2007. Le stesse luci rosse, bianche e celesti riflesse sulle nuvole sono state viste e filmate poco prima del recente disastroso terremoto in Cina.
Quando quest'estate c'è stato il terremoto in Cina, ho subito pensato: "Ecco! Vogliono far dimenticare le polemiche e le proteste internazionali sul Tibet e le olimpiadi!".
Non sono l'unica a pensarlo:
China Earthquake caused by HAARP weapon

Jeff Steinberg della La RouchePAC.com (La Rouche Political Act Comitee), dichiara che ci siano le prove che HAARP ha causato il grande terremoto in Cina e che la 3 Guerra Mondiale arriverà con aurore boreali...


Il terremoto in Turchia del 17 agosto 1999:
A Duzce, epicentro del terremoto, alcuni sopravvissuti hanno dichiarato che quel giorno la base militare americana era stranamente deserta; inoltre dissero di aver visto una luce strana nel cielo e udito un rumore infernale, essi sono convinti che un ordigno atomico sia stato testato nel sottosuolo della base.
Fonte: http://tuttouno.blogspot.com/2009/04/tsunami-armi-sismicheseconda-parte.html

Condoleeza Rice al Senato Americano il 18 gennaio 2005:
"Lo tsunami è stato una meravigliosa occasione (wonderful opportunity) di mostrare il cuore del popolo americano. E io penso che "gli utili" sono stati molto importanti sul fronte diplomatico.

Indonesia il 26 dicembre 2004.
Migliaia di chilometri di coste sono state spazzate via a causa di un maremoto spaventoso.


Simulazione dello TSUNAMI nel sud-est asiatico.

Un fenomeno simile potrebbe essere di origine umana, per camuffare un test di un'arma nei fondali marini, in una regione in cui gli effetti sismici possano essere confusi con dei fenomeni naturali?
(Casualmente un budget d'indennizzo era stato previsto dal governo americano, purtroppo molto sotto-estimato).
Il luogo era ideale per la presenza di una fossa oceanica che protegge le coste e la base americana di Diego Garcia (si sa che più il fondo marino risale velocemente, più il tsunami è devastante) e anche l'ora giusta per far si che ben due satelliti USA passavano "per caso",per constatare gli effetti di questa "arma sismica".

Base USA di Diego Garcia

Torniamo al Pamir, che secondo il video dovrebbe funzionare in questa maniera:
attraverso il suolo, in corrispondenza di una faglia e di una falda acquifera, la macchina "inietta" la scarica elettromagnetica.
Il passaggio della corrente vaporizza l'acqua e produce un effetto di sollevamento o scivolamento o spaccatura di una placca.
Questo effetto si può propagare a grande distanza e scatenare un sisma anche molto lontano della zona sollecitata.
In un convegno in USA i russi avevano presentato questa macchina come un "sistema che permette di misurare la conduttività elettrica del suolo" dichiarando che "una variazione di conduttività può essere un segno che annuncia un sisma imminente".
E' logico che i parametri fisici, elettromagnetici del sottosuolo di una regione possano essere modificati in presenza di un terremoto imminente.
Dunque sarebbe logico sistemare intorno ad una regione, a rischio, dei captori passivi (misura dei campi elettrici o attivi (misura della conduttività elettrica del sottosuolo, ecc.)
Ma uno strumento di misura non ha bisogno di mettere in gioco tali intensità in tanto tempo (5-10 secondi).
Dunque questo generatore MHD non è un strumento di misura, ma sicuramente uno strumento capace di agire sull'ambiente sotterraneo.

Ora questo sistema potrebbe essere usato nei fondi marini.
Modificando un banale sottomarino, e modificando i motori con altri alimentati a propenol solido, che funzionano molto bene nell'acqua e sotto pressione (30 bar corrispondono a 300 metri di profondità). Sarebbe così possibile utilizzare un generatore Pamir nelle vicinanze di un faglia marina.
Sarebbe una nuova forma di guerra discreta (silent war), dove indebolire un avversario può semplicemente consistere nel creare dei "fenomeni naturali" sul suo territorio, con dei mezzi modesti .
Non escludendo di proporre, in seguito, un "aiuto umanitario"...
Tutto questo ha l'aria talmente semplice e logica che ci possiamo chiedere se questo non è stato già messo in opera.

Un consiglio:
i governi che hanno le loro coste esposte a probabili tsunami, non che, qualche bega in corso con potenze bellicose (esempio USA), dovrebbero rimpiazzare le boe rilevatrici di tsunami, con alcuni Idrofoni sensibili capaci di rilevare esplosioni marine importanti. Un sistema poco costoso, che contribuirebbe inoltre, una volta per tutte, a stoppare la sperimentazione nucleari sotterranea.
Fonte: http://tuttouno.blogspot.com/2009/04/eruzione-vulcanica-larma-sismica-terza.html
Riprendendo l'ipotesi che la Pamir, l'arma sismica, sia stata "testata" e utilizzata per scopi politici, prendiamo ad esempio alcuni terremoti che sono coincisi, stranamente, con accadimenti geopolitici, ad esempio: il devastante terremoto in Armenia nel dicembre 1988 contemporaneo all'inizio dei disordini etnici in questa regione; e ancora fra l'Armenia e l'Azerbaijan sempre nel 1988.
Poiché l'Unione Sovietica era in pericolo, qualche generale sovietico non potrebbe, ripeto è solo un'ipotesi, aver cercato di interrompere l'insurrezione nella regione, utilizzando la Pamir?
Terremoti, tsunami, ma un'eruzione vulcanica può essere provocata artificialmente?
Il nome geyser deriva da Geysir che è il nome del più noto geyser islandese.
Un geyser è un pozzo naturale, una colonna piena d'acqua bollente, che scende profondamente nella terra in corrispondenza di una sorgente di calore.
(La cosa sorprendente che quest'acqua è verdognola, a causa dei batteri che vi vivono "nutrendosi di questa energia" e non dell'energia del sole. Questi batteri muoiono se la temperatura scende al di sotto di un certo limite (80-90°)).
L'acqua nella colonna è vicino all'ebollizione. Più la pressione è elevata e più la temperatura è alta.
Quando l'acqua non riesce a bollire il geyser cessa la sua attività, perché il peso della colonna d'acqua crea una pressione sufficiente per impedire l'ebollizione (tutti noi sappiamo che più la pressione è alta più la temperatura d'ebollizione aumenta (
perché la pasta in montagna cuoce male).
Ma questo stato è instabile.
La pressione che regna nella colonna non può essere modificata, ma la temperatura aumenta sempre di più fino a creare un punto critico. Allora una bolla si forma e rimonta alla superficie e provoca l'ebollizione dell'acqua che si trova sul suo passaggio. Anche il volume del vapore che monta cresce, e può aumentare di molti metri cubi.
Quando raggiunge la superficie, la bolla esplode e provoca l'emissione di una colonna di vapore, che può arrivare a molti metri di altezza.



Un vulcano attivo ha un modo di funzionare analogo, ma la sua colonna contiene magma e gas in equilibrio. In generale questa colonna è collegata in profondità ad una sacca di magma.
Possiamo capire allora come è possibile, con l'aiuto di micro-onde pulsate a tre bassa frequenza, capaci di trasportare dell'energia termica nelle profondità del vulcano, e riscaldare il magma, rendere instabile il sistema, se questo è vicino al suo punto critico.
L'URSS progettava di devastare l'America.
Articolo numero 914-novembre 1993 della rivista Science et Vie:

I militari sovietici studiavano la " guerra geofisica ".
Durante 20 anni gli scienziati dell'URSS hanno sognato di far crollare gli odiati capitalisti.
 
"Mentre Gorbatchev discuteva con Reagan dei mezzi per porre fine alla guerra fredda, alcuni generali sovietici, studiavano il modo e i mezzi per devastare l'America con terremoti e tsunami." Così ha dichiarato il generale del KGB, Oleg Kalougine.
La devastazione degli Stati Uniti e del Canada sarebbe stata realizzata grazie “alle bombe sismiche" cioè bombe termonucleari che si sarebbero fatte esplodere sotto terra. Negli anni sessanta, i sismologi sovietici si erano accorti che, ogni volta che procedevano ad un'esplosione sotterranea, vi era un terremoto nei giorni seguenti, a volte a centinaia di chilometri di distanza.
È così, riporta Alexeï Nikolaïev, dell'istituto di geologia di Mosca, che una bomba che era stata fatta esplodere vicino a Semipalatinsk, nel Kazachstan, ha scatenato terremoti nel Tagikistan, l'Uzbekistan ed anche l'Iran.
Si dubitò inizialmente che ci fosse un legame tra le esplosioni termonucleari sotterranee ed i sismi dei giorni successivi, ma infine, l'evidenza era là. E Nikolaïev ed il suo gruppo dimostrarono che anche esplosioni di debole intensità provocavano sismi fino a 1.600 km dall'epicentro.
Alcuni scienziati sovietici sarebbero attualmente persuasi che terremoto che devastò l'Armenia nel 1988 e fece 45.000 morti fu causato da un'esplosione termonucleare a 3.500 km di distanza, a Novaya Zemlya.

I sovietici fecero dunque esplodere 32 bombe sotterranee sul loro territorio, per studiarne gli effetti. All'inizio degli anni ottanta, geologi civili concepirono un progetto per realizzare bombe molto potenti, capaci di provocare spinte violente alle placche tettoniche.
I sismi non si scatenavano mai subito dopo le esplosioni, ma si producevano a molti giorni di distanza, cosa che poteva permettere ai sovietici di dichiararsi innocenti, nel caso di sismi e tsunami devastanti.
Nikolaïev riconosce tuttavia che sarebbe stato difficile dirigere gli effetti contro un obiettivo scelto. Se la California è particolarmente vulnerabile, per il fatto che la faglia di San Andrea coincide con la dorsale (bordo orientale) della placca del Pacifico, le placche tettoniche si prestano male infatti a "giochi" di questo tipo. Ed Ikram Kerimov, direttore assistente dell'istituto di geologia dell'Azerbaigian, ritiene che siano necessario ulteriori studi prima di riuscire a raggiungere l'America, che si trova a oltre 8.000 km della costa orientale della Siberia. Rileviamo, incidentalmente, che giocare in tal modo al "biliardo" tettonico i sovietici avrebbero potuto devastare il Giappone, e che, se fossero riusciti a spingere la placca del Pacifico, nulla dice che la scossa non si sarebbe riflessa sulla placca di Nazca,e devastare anche la costa occidentale del Sud America - Perù, Bolivia, Cile, ecc.
Ex capo del contro-spionaggio diventato da un politico riformista, Kalougine dichiara che scoprì i piani quando fu incaricato, nel 1988, di dirigere le ricerche segrete dell'accademia delle scienze.
Questo tipo di rivelazione senza dubbio indurrà alcuni paesi a verificare se esplosioni nucleari sotterranee (le quali sono state tutte monitorate dai sismografi mondiali) hanno provocato in seguito sismi sul loro territorio. Pensiamo a quello che accadde in Australia, uno dei continenti più stabili, nel 1990 (5,5 sulla scala di Richter, 11 morti, 120 feriti), senza parlare del sisma che devastò, il Tagikistan lo stesso anno.

Il nostro commento:
quello scritto nell'articolo potrebbe accadere. Si osserverà che la famosa faglia di San Andrea è nata dall'attrito di due placche una contro l'altra.
Se un sisma si producesse a San Francisco, simile a quello che devastò la città un secolo fa, ci sarebbe un epicentro, un punto dove le due placche inizierebbero a scivolare. Quindi il movimento si propagherebbe allora con rapidità estendendosi su oltre mille chilometri. L'intensità del terremoto cresce in proporzione alla lunghezza della placca interessata.
L'articolo di
 Science et Vie segnala che i Russi avevano previsto, ancor prima dell'inizio degli anni novanta che esplosioni nucleari sotterranee possano essere utilizzate per scatenare sismi. Ma non si sa come i Russi avrebbero potuto attaccare, in modo diretto un paese come gli Stati Uniti, procedendo con esplosioni nucleari sotterranee nel loro territorio, a oltre otto mila chilometri di distanza, o come avrebbero potuto usare la Pamir vicino alla costa occidentale americana, senza "firmare" il loro atto.
Ricordiamo infine che film Hollywoodiani, come Superman, hanno già ripreso questo tema del sisma nella vicinanze di San Francisco scatenato da esplosioni nucleari sotterranee.
Traduzione di Giuditta liberamente tratta da
 Les Armes Sismiques

martedì 5 aprile 2011

Nel 2011 come nel 1800

Giusto ieri l’Istat ha comunicato i dati definitivi sull’andamento dell’occupazione nel 2010, nonché i dati provvisori dei primi due mesi dell’anno. Ebbene, quei dati ci forniscono un quadro del mercato del lavoro tutt’altro che sorprendente per gli studiosi, ma in forte contrasto con molte credenze diffuse nel mondo della politica e dei media. Proviamo a sintetizzare. Nei primi tre anni della crisi, ossia fra la fine del 2007 e la fine del 2010, l’occupazione in Italia è diminuita di circa 400 mila unità (senza contare la cassa integrazione). Quella variazione, tuttavia, è il saldo fra un crollo dell’occupazione degli italiani, che hanno perso quasi 1 milione di posti di lavoro, e un’esplosione dell’occupazione degli stranieri, che ne hanno conquistati quasi 600 mila. Nel 2007, prima della crisi e dopo quasi vent’anni di immigrazione, gli stranieri occupati in Italia erano circa 1 milione e mezzo, tre anni dopo erano diventati 2 milioni 145 mila, quasi il 40% in più. Un boom di posti di lavoro nel pieno della più grave crisi dal 1929. Tratto da donchisciotte.org

Da qui appare subito chiaro per chi sia la crisi, ovvero per gli italiani. Naturale però visto che gli uomini provenienti dal terzo mondo sono molto più competitivi, si adattano meglio alla rapina globale e all’azzeramento dei diritti umani: “Questa è GLOBALIZZAZIONE”. Sfruttare i più deboli mettendo fuori gioco i più desiderosi di uguaglianza e parità di diritti. Per quale motivo hanno generato le rivolte in tutto il nord africa secondo voi? E non venitemi a dire che non sono state programmate in un mondo dove ogni singola azione è preventivamente calcolata e poi messa in atto. In questo modo un esercito di poveri arriva ed è pronto a diventare il nuovo schiavo. Noi italiani per una ventina di anni siamo stati operai, quasi, ma almeno una volta trovato un lavoro ci si poteva costruire una famiglia, una casa, una vita. Ora invece con la globalizzazione si deve essere competitivi e quindi giu i salari e via i diritti…altrimenti come si può competere con nazioni dove lo stipendio è di 2\3 cento dollari? Loro saranno competitivi, gli schiavi perfetti sono sempre venuti dal continente africano, o sbaglio forse?

Come è possibile? In parte lo sappiamo: gli italiani, pur non essendo molto più istruiti degli stranieri regolarmente residenti in Italia, non sono disposti a fare tutta una serie di lavori che gli stranieri invece accettano. Ma questa non è una novità. La novità è che durante la crisi l’occupazione straniera è esplosa, e continua a crescere a un ritmo elevatissimo. Anche nell’ultimo anno, con i primi timidi segnali di ripresa, gli italiani hanno perso qualcosa come 166 mila posti di lavoro, mentre gli stranieri ne hanno guadagnati ben 179 mila (+9,1%).
È possibile che una parte dei nuovi posti di lavoro siano state semplici regolarizzazioni, soprattutto relative a «badanti» già occupate. Ma questo meccanismo può spiegare solo una parte dell’aumento, visto che - nonostante la drammatica crisi dell’edilizia - l’occupazione degli stranieri maschi è aumentata di quasi il 30% in soli 3 anni, e continua ad aumentare anche in questi mesi. Tratto sempre da donchisciotte

Il fatto che gli italiani non vogliono più fare certi lavori è ora di smetterla di continuare a dirlo. Io ho fatto sia il muratore che il pavimentista, ma guadagnavo anche 4 milioni di vecchie lire. Nei pavimenti lavoravamo per 24/28 mila lire nel 94. Oggi gli stranieri per quanti soldi fanno questi lavori? Nei cantieri a Roma vi lavorano a giornata, guadagnano 50 euro, in nero, niente sindacati, niente protezioni (basta vedere i morti nel settore costruzioni…). Forse l’italiano si dovrebbe dire che non vuole morire per un lavoro che ti frutta bene o male mille euro al mese e dove ti trovi circondato da stranieri che di questo invece sono contenti: chiaro se mandano a casa mille euro al mese mantangono benissimo la loro famiglia. Ma poi soprattutto se ti presenti in un cantiere, tu italiano con più di 30 anni credi davvero che qualcuno sia disposto ad assumerti quando i lavoratori senza cultura del sociale sono in fila per sgobbare?
E poi lo sappiamo bene in quali condizioni vivono questi lavoratori, dormono per strada, in case occupate da 20 persone minimo e soprattutto in questo modo si possono trasferire da un paese all’altro, o meglio da una regione all’altra senza problemi, cosa che noi “poveri” bamboccioni abituati ad avere una casa con comodità non facciamo…anche perché se lavoro lo faccio per avere delle comodità e non per vivere da animale. Ma vediamo bene i conti. Se contiamo gli italiani che hanno perso il lavoro più o meno eguagliano gli stranieri che lo hanno trovato, niente di più a me sembra.
Non si può nemmeno parlare di crisi, dobbiamo iniziare a dire le cose per quello che sono. Qui abbiamo industriali che diventano ricchi sfruttando i poveri disgraziati che fuggono da una morte di stenti. La globalizzazione è questo, rendere il mondo schiavo e senza diritti, rubare il petrolio e tutte le ricchezze della Libia con le bombe, sempre con le bombe hanno ripristinato la produzione mondiale di oppio, e quindi eroina, nel vecchio caro Afghanistan. Globalizzazione è far ammalare le persone di cancro con una percentuale di uno su tre per poi continuare ad ucciderli con la chemioterapia. Possibile che in tutti i campi abbiamo fatto passi da gigante negli ultimi 100 anni ma nella cura del tumore no? E per i diritti di chi lavora che progressi abbiamo fatto, stiamo tornando all’800!
Ma quello che a me non torna è il motivo per il quale nessuno si ribella. Ci hanno sedato? Siamo narcotizzati e nemmeno ce ne accorgiamo? Insomma perché a tutti stà bene questo?
Se non vi stesse bene domani non vi alzereste più dal letto. Chiudereste il conto in banca, tutti. Invece no, tutto prosegue esattamente come un anno fa, ma lo sappiamo dove andremo a finire?
Io prevedo quello che nella storia si è sempre ripetuto nei periodi di grande crisi, sempre costruita per bene la crisi, come dopo il 1929, cosa abbiamo avuto? La Germania e la seconda guerra mondiale. Tutti questi disoccupati bisognerà fargli fare qualcosa e cosa meglio della guerra per risolvere ogni crisi? Sempre sono andate in questo modo le cose, perché dovrebbero cambiare ora visto che noi non siamo mai cambiati?

lunedì 4 aprile 2011

...il nostro strano comportamento

I fatti quotidiani ed il nostro strano comportamento

Intanto vi consiglio di vedere questo GRANDE EDUARDO che parla della nostra civiltà, poi proseguo con dei semplici ragionamenti sul comportamento umano davanti alle nefandezze che propinano e ci addossano.

http://www.youtube.com/results?search_query=eduardo+galeano+ordine+criminale&aq=o

Un monologo di Eduardo Galeano sulla nostra economia CRIMINALE, che riduce il mondo in un MANICOMIO pieno di criminali....esagero? Non credo proprio...la nostra civiltà sta esagerando!Ci comportiamo da criminali MA PREDICHIAMO LE BELLE FAVOLE COME GIUSTIZIA, UGUAGLIANZA, DIRITTI UMANI, IL VALORE DELLA VITA...etc etc
GUARDATE IL VIDEO SU YOUTUBE E POI DITEMI, SIAMO SANI DI MENTE?

E poi ci vengono a parlare di giustizia, dei tre gradi della procedura processuale, per la quale DELL UTRI ci governa...la libertà, la democrazia, la legge è uguale per tutti, abbiamo tutti gli stessi diritti....e bla bla bla
E NOI A FARCI PRENDERE PER IL CULO ED OGNI GIORNO COMPIERE AZIONI PRO-SISTEMA. 
MA ALLORA 
1) SIAMO VERAMENTE IMBECILLI E QUESTE SONO LE CONSEGUENZE DEL NOSTRO ESSERE INETTI E COME TALI VANNO ACCETTATE (non mi sembra…)
2) CI PRENDONO IN GIRO IGNI GIORNO DELL'ANNO, NOI SGOBBIAMO PER MANTENERLI RICCHI (E PER DIVENTARE POVERI) E SIAMO FELICI DI QUESTO (non mi sembra…)
3) LA MASSA è PAZZA (questo mi sembra!)
4)Oppure si può anche dire che le persone attorno a noi non sono per niente contente del loro stile di vita, del poco tempo che si ritrovano a disposizione per le loro passioni, per la loro famiglia, le paghe basse che non ti permettono di vivere 30 giorni, il lavoro che è diventato un utopia, lavori precari e anti-dignità, mututi per abitazioni di pochi metri quadri che ce li portiamo appresso per 30\40 anni…insomma i malcontenti delle nostre azioni quotidiane si possono elencare a decine:”Noi Italiani non abbiamo una vita gratificante”.
Ma dall’altra parte vediamo che questo nostro stile di vita che non gratifica,e quindi delude, lo perpetriamo senza MAI avere un bubbio. Mi spiego meglio, non vi è mai una mattina che si dica oggi no, oggi non esco, oggi voglio prendermi del tempo e riflettere.
La nostra cara riflessione a cosa si riduce? Ai conti da far quadrare per fine mese? Alla discussione sulla cena di ieri? A come spendere i soldi che arriveranno? Se è giusto o no andare a prostitute quando si hanno i soldi? A quanti soldi vorrei oggi per fare questo o quello?
Cioè, ditemi a cosa la mente viene spinta a pensare, a riflettere. Secondo me coloro che riflettono arrivano per forza ad una decisione, un atto che sia contrario al loro malessere. Perché sono solo in pochi a farlo? La dote fondamentale del cervello non è forse il ragionamento? Ed allora non lo usiamo per il motivo che siamo sempre piazzati davanti alle televisioni, ai giornali i quali parlano di mondi differenti dal nostro nella maggior parte dei casi.
Sentivo una battuta che diceva:”Ieri sera alle 20 ho guardato una puntata di star trek su canale5”.Risposta:”Ma a quell’ora c’è il tg5?”. “Esatto e parlano di un mondo sconosciuto dove i giovani non vogliono lavorare, dove fanno la fila per acquistare i gioielli di…, dove la politica è sempre buona se recente e male se è un eredità della vecchia casta(che poi i nomi sono sempre gli stessi)
Bertrand Russel, grande scrittore del 1900 aveva previsto che :”Quando la psicologia avrà analizzato per bene il comportamento umano e della mente, io tremerò per l’utilizzo che i governi ne potranno trarre per schiavizzare i popoli”
Lo diceva nel 1920 circa, vi sono esperimenti che anche Rai3 ha mandato, dove mostravano animali con chip addosso che diventavano docili o aggressivi semplicemente premendo un “bottone”, questi erano del 1950. Ed oggi a che punto siamo? Non oso immaginarlo.....leggevo il contratto sociale di JJ Rosseau, ed in uno dei passaggi dicevia più o meno questo:"Se un uomo decide di vendere la propria vita e diventare schiavo per il cibo o altro è da capire, ma se lo fanno i popoli allora si parla di pazzia"

BASTA!!! Vi dovete fermare, le cose potranno solo peggiorare



Esiste come un debito nei confronti della produzione futura, piuttosto che una riserva di valore. E tutto ci￲ si riduce alle basi immateriali in cui stiamo ora vivendo.

l'intero sistema │ basato su una valuta che a sua volta non si basa su niente - esiste solo in relazione alle altre valute. ..

Ci￲ che rende il tutto ancora pi perverso │ che ci￲ per cui stanno lottando │ il proseguimento della loro trappola ナ I poteri che sono attualmente in azione e che causano queste rivolte, proteste, ribellioni ナ

Quello che accadr¢ │ che a un certo punto ne avranno la maggior parte (e ci stiamo gi¢ arrivando, se si guarda ad una qualsiasi delle cifre su chi ha la ricchezza e chi no). Vige il rapporto 20/80, il 20 per cento della popolazione possiede e sfrutta 80% dei beni. Ora stiamo andando verso il 10/90!

nel senso che il sistema non pu￲ pi fattivamente mantenere il proprio equilibrio ナ va verso uno squilibrio sempre pi grande, perch← questo │ lo stato fondamentale per questo tipo di situazione, dove vi │ una grande produzione immateriale rispetto a quella materiale limitata.

La misura in cui diamo valore ai soldi dipende dal nostro grado di fiducia nell'economia.

e osservare tutti i topi da laboratorio in giacca e cravatta il cui compito │ quello di spingere i pulsanti per cercare di stimolare il centro del piacere cerebrale di qualche benestante. La stragrande maggioranza di ci￲ che commerciano deriva dal debito garantito da una produzione futura che non esiste.

La misura in cui diamo valore ai soldi dipende dal nostro grado di fiducia nell'economia. In un primo momento, mentre l'economia comincia a crollare, cominciamo ad accumulare soldi, per fare in modo di non rimanere senza. Poi, mentre l'economia continua a deperire, interruzioni di fornitura e impennate dei prezzi portano alcuni di noi a capire improvvisamente che potremmo non essere in grado di accedere alle cose di cui abbiamo bisogno, per molto pi a lungo, per non parlare del costo, e che essere a corto di denaro non │ fatale come certamente lo │ essere a corto di cibo, carburante e altri beni.

Noi ci fondiamo su simili regole dell'esistenza, fondiamo la nostra vita e quella dei nostri figli su questi valori?!?!?

Ma per quale motivo nessuno si ferma? Basta, STOP!!! Non voglio pi aver niente a che fare con questa perversione mentale che regala miseria e tantissima ricchezza per i pochi che impongono simili valori.

domenica 3 aprile 2011

Le scie chimiche

Venerdì sul cielo nei dintorni di savona ho potuto ammirare decine di aerei, con strane rotte, ondulanti...dopo mezz'ora che erano passati le piccole scie si espandevano sino a diventare piccole nubi dalla forma retta.
Osservandone una ho visto l'arcobaleno, fatto strano. Il cielo era strano, molto irreale.

http://scienzamarcia.altervista.org/foto.html     guardate quante "belle" immagini di cieli irrorati

provate a vedere questi siti

DOSSIER SULLE SCIE CHIMICHE

Vi sembra normale questo cielo? Fino al 2003 in Italia queste cose non si vedevano e adesso invece ... cosa è successo?

E vi sembra normale quello che sta facendo questo aereo che rilascia scie dalla coda? Le scie che non provengono dai motori sono la prova evidente che non si tratta di condensa del vapore acqueo fuoriuscito dai motori (come insistono ad affermare i nostri governanti).  
continua su

Se non avete ancora letto l'articolo di Federico sul World Political Forum, vi consiglio di leggerlo adesso (è interessantissimo come tutti gli altri articoli da lui pubblicati sul Nuovo Ordine Mondiale).

Per chi non sapesse ancora di cosa stiamo parlando è il caso di puntualizzare che il WPF è uno dei tanti organismi come il CFR, l'Aspen Institute, il gruppo Bilderberg, la Commissione Trilaterale, impegnati nella costruzione di un Nuovo Governo Mondiale, e che vedono impegnati tra le proprie file politici di opposti schieramenti (ma allora dov'è questa opposizione?), leader di grandi aziende, economisti, finanzieri, banchieri, e (sempre più spesso) qualche personaggio famoso del mondo musicale, del cinema o dello spettacolo (ingaggiato come "mascotte" del gruppo, forse per dare di esso un'immagine più positiva, una mossa ad effetto che serve a noscondere agli occhi della maggioranza della popolazione, il vero intento di simili congregazioni).

Il WPF è stato fondato nel 2003 da Mikhail Gorbachev, del quale forse pochi ricordano le dichiarazioni sulla "perestroika come primo passo verso la rifondazione dell'ordine mondiale", e sui "dieci anni di tempo sprecati per la costruzione di un Nuovo Ordine Mondiale".

In tale organismo, oltre al tristemente noto francese Jacques Attali, troviamo anche molti nostri connazionali tra i quali non si possono fare a meno di notare:
continua su


Poi vi segnalo il sito    http://www.tankerenemy.com/  


LKWTHIN

altri da leggere

LINK NEOEPI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...