"THE END"

sabato 29 ottobre 2011

” Tra bufalo e locomotiva la differenza salta agli occhi: la locomotiva ha la strada segnata, il bufalo può scartare di lato e cadere.”

Leggendo ieri questo articolo, subito ho pensato: anch'io mi sento così, e quanti come me l’avranno fatto! Sento di aver poco in comune con la moltitudine che insegue qualcosa di sconosciuto anche a loro stessi, corrono e spingono tutto al limite come se dovessero scalare una montagna, ma la metafora più esatta è "Come se dovessero andare sempre più a fondo".
Non mi rispecchio per nulla nei criteri, nei comandamenti per usare un termine alquanto logoro e brutto, sa di fascismo, che regolano la vita quotidiana. Anch’Io non ho paura della morte, e come averla dopo essere stato testimone di un esperienza simile. Sono certo che questo è solo un piccolo sogno, relativamente lungo e breve nello stesso tempo, come sono certo dell’esistenza di qualcosa dentro di me che è immortale e che Io chiamo la sostanza della vita. La violenza? Mi fa semplicemente arrabbiare, e se la vedo, mi giro dall’altra parte o vado lontano da essa, che sia fisica o verbale. Non riesco a capacitarmi di come milioni di Italiani, e quindi miliardi di esseri umani passino il loro tempo libero non sapendo cosa fare, e di conseguenza si mettano davanti a un monitor che gli racconta favolette da minorati mentali o litigi da T.S.O., un monitor che gli dice cosa fare, come vestirsi, come allevare i figli e cosa dare loro da mangiare, uno stramaledetto monitor che è diventato la realtà e l’uomo l’illusione. Un monitor che ha sostituito la Bibbia, tutto quello che sanno, per la maggior parte lo sanno” perché l’hanno detto in televisione”, quante volte abbiamo sentito i nostri nonni, oppure i nostri genitori affermare questo? Ora noi, i nati dopo il 1975\80 grazie alla lettura credo, almeno per quello che mi riguarda, abbiamo ben inteso che la Tv non è altro che finzione e menzogna, racconta quello che la gente vuole sentirsi dire, cioè balle, la verità è scomoda spesso se non sempre. Come è ridotto un essere umano, o meglio come è arrivato a non saper mettere a frutto l’unica cosa che possiede, il tempo? Cosa è veramente nostro a parte questo? Difficile capirlo per me, che avrei bisogno di giornate da 48 ore l’una, e badate bene, non lavoro. Il lavoro. Un buon modo per occupare il tempo, almeno sanno cosa fare questi poveretti, il lavoro e poi a casa un bel film oppure la finale di qualche stupida partita dove 23 uomini rincorrono un pallone, e tutto come in Tv è già programmato, ecco che il lato umano e artistico del nostro essere è spento una volta per tutte, e questo è un esempio di cosa accade quando diventiamo macchine disumane, sono forte di stomaco e guardo tutto, anche solo per curiosità, ma pochi video mi hanno sdegnato in questo modo, ecco cosa siamo diventati nel 21° secolo, qui l'orribile video che dimostra cosa siamo quando ci facciamo ingabbiare da questo sistema in metastasi. Quando vedo queste cose mi vergogno di essere uomo, preferirei esser nato cane, è più dignitoso un cane!
Non posso comprendere come un essere umano, con tutte le meraviglie che lo circondano, passi ore della sua vita quotidiana a fare la coda rinchiuso in uno spazio più piccolo di una cella, la macchina. Ecco allora che nasce la macchina con tutti i comfort, chiaro ci devi passare buona parte della tua vita dentro! Io non ho una macchina da molti anni oramai, a cosa serve in fondo una macchina a darti libertà? No, la toglie, è una gabbia che uccide migliaia di persone ogni anno solo in Italia, e inoltre sparge veleni per avere in fondo le prestazioni di un mulo, carico che sopporta, un essere umano solo di solito, e la velocità media, è un mulo, niente di più. Poi di conseguenza arriva la casa, con un mutuo che è un salasso, poi per chi avesse fatto un variabile sa bene che sono più gli interessi che paga che non il valore della casa stessa, e per passare quante ore al giorno in quella casa? Poche, molto poche, perché nei giorni feriali si deve andar a vedere tutto quello che si è perso durante la settimana, alla fine l'abitazione viene acquistata solo per far un favore alla BANCA e pagarle gli interessi, sempre che si finisca di pagarla con i tempi che corrono. Anch’Io come il personaggio dell’articolo amo viaggiare, ma non amo i programmi e non amo sapere dove dormirò, mi piace l'improvvisazione, è uguale, ho dormito in ogni luogo negli ultimi anni e vi assicuro che il mattino è sempre bello vedere sorgere il sole e sentirsi vivi. Non riuscirei più a fare la vita che fanno le moltitudini di esseri frenetici che vedo ogni giorno attorno a me, e con cui sento di avere poco, se non niente in comune. Ho notato poi una cosa che avrete notato tutti; quando senti parlare le persone spesso, sembrano dischi incantati che ripetono sempre gli stessi argomenti, quando dialogano tra loro parlano sempre e poi sempre delle stesse cose, il tempo, per primo, giusto per iniziare il cosiddetto dialogo e poi partono i soliti eterni giudizi su quello che gli altri fanno, questo ha fatto quello, quello ha fatto l’altro, insomma si parla sostanzialmente di meteo e pettegolezzi, il resto è tabù totale. Per carità, anche il mio ora può essere inteso come un giudizio, ma io dico che è solo una visione critica nei confronti di una civiltà che sta esalando gli ultimi respiri. Si può dire chiaramente che ogni conversazione che viene sostenuta in pubblico è basata sulla menzogna, proprio come la televisione ha insegnato; mi dispiace e allora parlo poco, preferisco la verità, non sarà mai assoluta, ma pur sempre reale a confronto dell'ipocrisia dilagante che mi irrita. E poi un'altra cosa curiosa, li vedi in molti che parlano al cellulare per strada, altro oggetto che utilizzo ben poco, le uniche chiamate che ricevo o faccio sono ai miei genitori o alla mia compagna se non siamo assieme, non squilla mai e nessuno quasi ha il mio numero, questi sempre attaccati al cellulare hanno sempre un atteggiamento come stessero parlando di chissà cosa e con chissà chi, mentre nel frattempo ignorano le persone a loro vicine, sono all'oscuro del fatto che il dialogo è bello solo quando si può vedere l’espressione dei 74 muscoli facciali della persona che ho di fronte, non si rendono conto che parla di più il nostro corpo che non la lingua. Non lo so per quale motivo sono nato così storto rispetto a loro, lo sono sempre stato sin da piccolo un personaggio “particolare”, mi sento realizzato però secondo il mio punto di vista, sono umano e come tale mi voglio comportare, la disumanizzazione in atto è cosa che procede da molti anni, basta guardare il film “Il quinto potere”, (che ho visto recentemente dato che la televisione negli ultimi quattordici anni è stata fuori dalla mia vita e ora ogni tanto mi vedo qualche film, ma sono tutte pellicole di propaganda, di questo mi rendo conto), grande film che rappresenta cosa sono i media e come si stava riducendo l’America, peccato che il film sia stato girato nel 1976, ve bene che l’America era avanti anni luce, ma oggi, dopo 35 anni il fenomeno si è diffuso a livello mondiale, hanno portato la loro disumanizzazione in ogni angolo del pianeta, o meglio è quello che vorrebbero, ma falliranno, perché? Perché lo sappiamo tutti, loro vogliono uomini che siano come un pezzo meccanico di un auto, rotto uno si sostituisce con un altro e la macchina va avanti. Ora è chiaro a molti che la nostra esistenza è solo un breve passaggio su questo pianeta, una volta splendido e puro, oggi cementificatoe avvelenato, ma sempre bello, vi sono luoghi dove il panorama dimostra in maniera lampante l'esistenza di Dio, citando una frase della canzone Bufalo Bill di De Gregori, certo dio, un essere superiore che non viene rappresentato in nessuna religione perché DIO siamo noi, è la natura, il fiore, gli animali, gli alberi e dio alla fine è anche la morte, di questo corpo, il vestito necessario per compiere questo viaggio che se vissuto in maniera umana è semplicemente unico e indimenticabile; se vissuto da robot non è altro che una frenesia, una follia di massa, pura schizofrenia. E sempre citando una frase del della canzone Bufalo Bill, c’è il ritornello che la dice lunga:” Tra bufalo e locomotiva la differenza salta agli occhi: la locomotiva ha la strada segnata, il bufalo può scartare di lato e cadere.”  Io voglio scartare di lato e cadere, perché non cade solo chi striscia, chi può volare cade, ma solo dopo una caduta ci si può rialzare, chi striscia non si rialzerà mai, e da ogni caduta si impara qualcosa di utile, per non parlare dell'emozione di riprendere a volare e sentirsi vivi!.  Ciao a tutti, e siate più che potete “Bufali”. Un abbraccio umano a tutti quelli che si sentono come me.

Dioniso777

venerdì 28 ottobre 2011

NWO: controllare il paradosso del Fiat Money


Ci siamo lasciati in un precedente post con l' interrogativo su quale sia la reale escatologia del Nwo, se esso sia teso al bene ( almeno nelle intenzioni ) o se queste siano invece del tutto perverse e diaboliche, come vorrebbero tanti siti web.

Bene, a questo punto abbiamo gli strumenti per tentare una risposta quantomeno sensata e logica, la più coerente che il sottoscritto abbia saputo dedurre ( eh sì, cari i miei pignoletti, ci troviamo pur sempre nel campo nella nuda constatazione di puri paradossi sociali ) dal proprio percorso di analisi "logica e semeiotica" di una realtà manifesta dai meccanismi tanto apparentemente diversificati quanto scientemente posti in intima contraddizione interna.

Contraddizioni che assumono qui di colpo una loro perfetta e piena coerenza; prima di procedere è però indispensabile la lettura attenta di questo mio post sulle dinamiche monetarie, in quanto la loro conoscenza ( in particolar modo del meccanismo del "Fiat Money" ) è premessa indispensabile ai fini del nostro discorso.


E partiamo sempre dall' Umanesimo ...

Il problema si pose già agli occhi di Leonardo, che lo espresse perfettamente nella famosa frase secondo cui "L' Umanità non era pronta a recepire le sue più geniali invenzioni e scoperte, perchè avrebbe finito per usarle contro sè stessa".
Un' affermazione pesante che, benchè probabilmente condizionata dal particolare periodo storico, gli lasciava poca alternativa di scelta ... ( un' affermazione che ritroviamo concretizzata nel nostro contesto storico ieri sotto forma di "guerra fredda" e oggi di "controllo monetario" ... ma tempo al tempo ).

Un' affermazione che ci lascia intendere quanto forse siamo stati in quel particolare periodo di vera rivoluzione culturale vicini a ribaltare una situazione di storica schiavitù, ma che per pragmatici motivi di mera sopravvivenza psicologica e fisica posti dall' Inquisizione, gli stessi attuatori di tale rivoluzione si siano visti costetti a nascondersi, ed a posporre il momento di "rendere edotta l' Umanità" a tempi migliori.
( L' espediente di cifratura adottato da Leonardo col suo strano modo di scrivere è la più chiara e semplice dimostrazione di ciò ).

A questo consegue come conseguenza logica e plausibile che, anche solo per continuare a trasmettersi le conoscenze acquisite, tali persone dovettero cominciare a frequentarsi di nascosto, ed adottare vari sistemi per comunicare tra loro, senza nulla lasciar trapelare agli occhi del clero che li avrebbe bollati di eresia. E' quindi grazie a queste iniziali associazioni segrete ( che qui chiameremo col nome generico e aspecifico di "massoneria" ) che il loro sapere potè essere tramandato, fino a sfociare secoli dopo nell' aperto riconoscimento illuminista della "scienza" quale categoria di pensiero a sè stante. ( anche se con l' introduzione di una deformazione filosofica che analizzeremo in un prossimo post ).

E' logico e lecito supporre anche che in tali "cenacoli" si discutesse dell' impossibilità di poter apertamente trattare delle loro ricerche, e si inveisse contro l' oscurantismo dogmatico-religioso principale causa della persecuzione intellettuale subita ... venendo alla conclusione che bisognava contestualmente POSPORRE il momento del disvelamento del loro sapere e RISVEGLIARE una massa completamente assoggettata dal dogma vigente.
( Il primo tentativo in tal senso lo avremo storicamente appunto solo con la Rivoluzione Francese, culturalmente preparata fin da allora ).

Il paradosso massonico: "tenere l' umanità in freezer"  E' logico e lecito supporre anche che ci si avvedesse subito del primo enorme problema conseguente a tale "disvelamento", ossia che una parte sola della società avrebbe potuto appropriarsene a scapito di tutto il resto assoggettandola, e che quindi si auspicasse un' ipotetica "maturazione sociale", e per diretta conseguenza una "maturazione globale" quale sostrato socio-culturale necessario ad accogliere le conoscenze da essi acquisite e ritenute pericolose in mano ad un potere assolutista: eccoti inventato il cosiddetto "Nuovo Ordine Mondiale" e postulati i suoi fini principali, che possiamo concepire suddivisi in due fondamentali PRECONDIZIONI:
- abolizione di ogni potere assoluto
- abolizione di ogni dottrina dogmatica
abolizioni atte a favorire il formarsi di quel fondamentale sostrato di "non sopraffazione" quale terreno più adatto a recepire il seme della loro conoscenza, non solo tecnica.
Svelare e nascondere:  Vero fine di tale assunto diverrà quindi quel contestuale "manifestarsi e posporre", quel progressivo "disvelamento e progresso nella ciclicità storica" così ben teorizzato dal Vico, quel "paradosso evolutivo" col quale, mutatis mutandis, abbiamo tutt' oggi a che fare: la necessità contemporanea ( anche posto che si operi "a fin di bene" ) sia di FAVORIRE UNA CONSAPEVOLEZZA COLLETTIVA che di POSPORRE LA SUA REALIZZAZIONE ad un magico, ipotetico momento in cui la maggioranza dell' Umanità sia "pronta": è lo stesso concetto descritto dall' "Apocalisse", o più prosaicamente raffigurabile con l' immagine del tenere la frutta in frigorifero.    

giovedì 27 ottobre 2011

Secondo VOI è possibile GUADAGNARE COL PROPRIO BLOG?


Buongiorno. 

E' un pò di tempo che penso all'idea di inserire della pubblicità all'interno del mio blog e vorrei condividere con voi questo pensiero per avere anche la vostra opinione, sia che siate semplici lettori di blog o blogger anche voi.

Che internet sia una fonte di guadagno è indubbio e riuscire a guadagnare qualcosina per curare meglio il mio blog dato che costa sia in termini economici che di tempo non sarebbe male, resto comunque indeciso se fare o meno questo passo per diversi motivi.

Prima di tutto non amo io per primo la pubblicità: uno dei motivi per cui ho dato via la televisione, e non ne voglio più una in casa, è proprio per la troppa pubblicità; spesso la pubblicità è sessista e discriminante; ho cambiato gestore di telefonia mobile perchè TIM mi massacrava di messaggi pubblicitari da mattina a sera; è spesso senza controllo e molto assillante ovunque; in internet ci sono siti dove la pubblicità si ingrandisce da sola coprendo lo schermo, cosa che trovo fastidiosa, irrispettosa e bastarda.
Secondo motivo: non vorrei che i lettori si allontanassero perchè trovano il mio blog troppo tappezzato di pubblicità.
Terzo motivo: non saprei neanche a che servizio rivolgermi in sicurezza, io ho il blog su Blogger blogspot e su questa piattaforma si usa AdSense per la pubblicità sulla propria pagina web, da come scrivono nelle spiegazioni sembra tutto facile e di guadagno però non mi fido molto di questi servizi.

Come vedete i motivi sono vari, prima di tutto quello etico mio personale. Così ho deciso di chiedere consiglio ad alcuni blogger che conosco virtualmente e poi a tutti voi che passate di qui se avrete voglia di dare un'opinione sull'argomento.

Grazie della cortese attenzione, buona giornata a tutti.

Andrea Cusati

HANNO DETTO:

Elena Vecchi Bevini (ex blogger nonchè mia moglie): "Secondo me, la pubblicità, è invasiva in un blog indipendente e al 100% personalizzato. Poi in un blog, come quello di Andrea, che parla di una politica nuova che cerca nuovi strumenti su cui stabilire il nuovo ordinamento politico, dove si trovano post che rimandano ad un sovvertimento totale del sistema come il Venus Project, amio avviso sarebbe proprio fuori luogo la pubblicità.
La pubblicità secondo me è uno dei più grandi e principali strumenti di sterminio di massa psicologica e di potere multinazionale quindi anche se in un blog fosse tradotta in forma diversa e con motivi differenti, sempre e comunque rimarrebbe pubblicità.
Io personalmente non la metterei mai in un mio blog."

Stefano Gallone (blogger - Epitaffi, meiosi e altri rigurgiti): "Credo sia una cosa abbastanza ambigua e il motivo di questa mia supposizione è molto semplice: se da una parte, ovviamente, un po' di pubblicità serve per tirar su qualche spicciolo (perché di spiccioli si tratta), dall'altra parte (basti guardare svariati siti che si mantengono proprio con questo, tra i quali anche Youtube che ti costrige a vedere almeno cinque secondi di uno spot di cui non frega niente a nessuno, senza parlare dei bannerini che ti compaiono alla base della scermata del video) è estremamente invadente per chi va a consultare il sito in questione, sia se si tratta di semplici banner, sia se cominciano ad aprirsi finestre e finestrelle che chiudere richiede pazienza. Noi la pazienza ce l'abbiamo eccome se qualcosa ci interessa ma non ce l'ha il 75% del pianeta che se ne infischierebbe per andare a farsi la partita a Pro Evolution Soccer o simili.
Comunque sia, dicevo che di spiccioli si tratta. In effetti (magari mi sbaglio e sono io un ciuco da soma in merito) non ho mai avuto modo di sapere con certezza né le modalità né gli effettivi rientri di questo tipo di guadagno.
Se trovo siti ottimi ma pieni di sti rottami da baraccone pubblicitari onestamente mi viene il nervoso. Ma se qualcuno col suo blog trovasse il modo di poter guadagnare più di due centesimi, beh...ben venga! Buon per lui."

Luigi Noventa (blogger - Moon Trein Radio - e nostro collaboratore): "Io nella mia paginetta del sito un po' di banner li ho messi.
Per l'esperienza che ho io in questo campo posso dire che Adsense paga e non c'è alcun tipo di problema, tuttavia bisogna sapere che si tratta davvero di spiccioli, ma proprio spiccioli.
Se si mette un solo banner (o al massimo 2) credo che non sia un grosso problema per i visitatori, ma con 2 banner si guadagna pochissimo e se se ne mettono di più allora si rischia davvero di far allontanare i visitatori.
Per dare un'idea di cosa intendo per spiccioli: io ho messo i banner sul mio sito, che ok ha meno visite di IO SONO INCAZZATO NERO, però in due settimane ho guadagnato qualcosa come 4 centesimi!
In conclusione: secondo me se si mette un bannerino o due non è un grosso problema per i visitatori però bisogna essere consapevoli del fatto che il guadagno è veramente irrisorio."

Giovanni Parrotta (blogger - Anarchist Mind - e nostro collaboratore): "No pubblicità! La odio! Indipendente ed autonomo! Questo il mio pensiero.
Per me è UNA CAGATA PAZZESCA che, a parte gli scherzi, condiziona le menti e orienta qualsiasi scelta che invece di essere libera è vincolata da un'informazione corrotta e corruttibile.
Più indipendenza e più anarchia: che è organizzazione dal basso non caos, il caos viene generato da poche menti per confondere i molti dall'alto verso il basso!"

Vincenzo Barbato (blogger - L'Italia secondo me): "Una soluzione alternativa alla pubblicità, se un blogger ha bisogno di foraggiare il suo lavoro, potrebbe essere quella di mettere una pagina donazioni. In questo modo le persone ti sovvenzionano direttamente per continuare a condividere i tuoi contenuti. Molte persone sono ipocrite e una mossa come la pubblicità potrebbero interpretarla come un'incoerenza, quando in realtà etica, coerenza e logica spesso fanno a pugni."

mercoledì 26 ottobre 2011

I media usati come strumento per il lavaggio del cervello


I media usati come strumento per il lavaggio del cervello, sin da piccoli, è proprio li che si comincia. Dateceli per cinque anni e saranno nostri per tutta la vita, vi ricordate chi lo disse? Bello questo articolo, pubblicato da neovitrurian, (blog molto interessante per chi voglia approfondire il tema "Illuminati", potere e simbologie), che come al solito fornisce dettagliati particolari su come la lobby governi il mondo musicale e non solo, questa volta ci mostra come anche l'Asia non si salvi da queste pop star sfornate a ritmo frenetico che sempre battono un solo tasto:"Sesso". Alla gente piace. Ma se ci guardiamo attorno vediamo degli esempi deplorevoli di come una qualsiasi star sia disposta a tutto pur di rendere "omaggio" al potere di turno, guardate questo "splendido" video, trovato su questo blog, di Verdone e Venditti, come sono felici di cantare una canzone per il premier. Il disgusto a volte è veramente forte, ti prende come un pugno allo stomaco, e poi ti chiedi come mai Gaber e De Andrè, per citarne due solamente, abbiano avuto come successori i cantanti, parola non adatta lo so, dei reality. Siamo in un reality, nonostante ci siano molte persone che ne temono l'arrivo, ci siamo invischiati da quando sian nati, e il trucco è sempre lo stesso, farti credere che puoi opporti o cambiare le cose, così quotidianamente ognuno compie le proprie azioni di protesta, indirizzate però proprio dove vogliono i leader, vediamo per esempio "Gli Indignados", "Occupy Wall Street" e le "Primavere Arabe",


Ditemi cosa fanno questi due attori, perché tali sono, sono tutti attori di un grande spettacolo quelli che ogni giorno vediamo, davanti a una scritta che cita oggi libia, domani wall street, se non è un messaggio chiaro e forte questo...breve riflessione dal canale complottistixcaso. Non dimentichiamoci che A Barack Obama il Nobel per la paceDecisivo il suo impegno sul nucleare. Più buffonata di questa! Lo dovevano dare anche a Bush però a questo punto, e non venitemi a dire che non sono organizzate e che sono veri segni di protesta, arriverà l'estate anche per loro e saranno cucinati a puntino. Quello di più grande che sono riusciti a fare è stato di spegnere l'attività celebrale, la critica, il confronto di opinioni sono semplicemente catalogate come "polemizzare" a vanvera oggi. Quante volte vi siete sentiti dire sei un polemico? E naturalmente viene sempre detto in modo opprimente o meglio, offensivo, vietato avere idee che non siano conformi al piano, tale piano naturalmente porta acqua sempre a quei pochi mulini...



Buona lettura.

Illuminati: Brown Eyed Girls – Sixth Sense

Sostenuto da un sacco di soldi e da milioni di fan, l’industria pop coreana (K-Pop) ha guadagnato il controllo delle frequenze radio dell’Asia e di tutto il mondo. Anche se i gruppi come le Brown Eyed Girls non cantano in inglese, sicuramente mostrano alle masse lo stesso simbolismo degli Illuminati promulgato dalle pop star occidentali. Il video di “sesto senso” è un vero e proprio manifesto dell’élite, che descrive come si controllano gli intrattenitori del mondo dello spettacolo e li si utilizzino per indottrinare le masse. Questo articolo analizza il significato del simbolismo nel video “Sixth Sense” delle Brown Eyed Girls.
Nell’articolo dell’anno scorso: Narsha e SHINee:Illuminati nella musica K-pop, esaminai il simbolismo di due popolari video K-pop e di come essi si inseriscano nel piano mondiale degli Illuminati. Da allora, il pop coreano è solo cresciuto, attraverso etichette discografiche come NegaNetwork e SM Entertainment che sfornano boy band e girl band  ad un ritmo frenetico. Queste etichette producono quasi “musica pop clandestina”, da quando sorsero dei sospetti di maltrattamento nei confronti delle stelle del K-pop e dei loro contratti da schiavitù. Queste etichette sono, a loro volta, possedute e controllate dalla stessa elite globale che possiede le etichette americane e britanniche e le relative pop star. In questo contesto, sarebbe così sorprendente che i video di musica K-Pop mostrino i loro protagonisti sottomettersi ad un potere totalitario?
Il video di “Sixth Sense” della popolare girl band “Brown Eyed Girl”, non poteva meglio rappresentare il controllo dell’elite sui mezzi di comunicazione e di intrattenimento. Più di una semplice carrellata di simbolismo degli Illuminati, il video presenta il sistema attraverso cui, figure popolari possono essere usate per comunicare un messaggio specifico incentivandolo attraverso il sesso e la musica. Ognuna delle membre del gruppo viene mostrata in una diversa posizione di sottomissione, che rappresenta i diversi modi con cui l’elite controlla le stars. Mentre Myrio, Narsha, Ga-In e Jea sembravano quasi ribellarsi ad uno stato di polizia, questo in realtà è la rappresentazione della cosiddetta “ribellione controllata” (guarda occupy wall street), che fa scattare la dialettica hegeliana. Sì, tutti questi complessi concetti si trovano nei video di queste stars K-Pop guardati e riguardati da bambini e adolescenti. Che vengano avvertiti o indottrinati del messaggio del video? Guarderemo ora il simbolismo del video e i messaggi che vuole trasmettere al pubblico.
LA PREMESSA DI SIXTH SENSE
Il video si svolge nel contesto di uno stato di polizia totalitario, in cui i media e le persone vengono strettamente controllati.
Il video inizia mostrando la polizia in tenuta antisommossa e alcune videocamere, immergendo quindi lo spettatore in uno stato di polizia controllato dal Grande Fratello.
Il regime è controllato da un figura mascherata chiamata “l’Assoluto” (secondo un’intervista con lo scrittore dei testi del gruppo), che potrebbe essere facilmente associata all’elite occulta “mascherata”.
L’Assoluto mentre osserva il suo esercito di poliziotti antisommossa. Ancora una volte un video musicale che abitua i giovani all’idea di uno stato di polizia oppressivo.

martedì 25 ottobre 2011

Che bella giornata


Ciao a tutti, ieri sera ho visto il film “Che bella giornata” di Checco Zalone, ero restio a guardarlo, di solito le commedie italiane sono patetiche, ma alla fine l’ho trovato esilarante. Ma ho notato anche un'altra cosa di questo film, è la rappresentazione esatta del nostro paese!
Bella la frase che lui dice alla ragazza:”Studiare non serve a un cazzo in Italia”, vieni che ti spiego io come vanno le cose in questo paese, il papà nell’esercito, lo zio carabiniere, l’altro zio nelle finanze, un altro parente che lavora in comune, il cardinale che trova lavoro al figlio grazie alla mamma “religiosa”, ecc. Le raccomandazioni sono alla base dell’avere un lavoro, come ogni altra cosa necessaria, basta che qualcuno ti raccomandi e fai l’impossibile. Il nostro caro bel paese, ignoranti come le capre, tutti hanno il lavoro che fanno, al novanta per cento almeno, grazie a raccomandazioni, al parente che ti spinge e via, arriva il lavoro. Siamo il paese del nepotismo, è nato in Italia grazie ai papi il fenomeno, e poi vengono a parlarti che vengono ricercate le capacità, l’intelligenza, il saper fare una cosa, la tanto acclamata “Meritocrazia”, proprio chi la decanta è il nostro ministro delle pari opportunità, che di meritocrazia italiana se ne intende, non credete? E dopo ci vengono a dire che i ragazzi non cercano nemmeno più un lavoro, per forza, quando lasci in giro una cinquantina di curriculum in una città e un'altra cinquantina in un'altra e nessuno ti chiama, cosa significa? Smettila, posto per te non ce n’è, abbiamo già messo i nostri parenti, conoscenti, amici, ruffiani e compagnia varia. Il nostro governo deve tagliare, se non erro, 350 mila dipendenti pubblici entro il 2013, ma state tranquilli che saranno sempre i soliti poveretti a perdere il posto, una buona raccomandazione, magari da un Cardinale, ti piazza ovunque. Esperienza mia, che non ho nemmeno il diploma, mi sono fermato in quarta proprio perché avevo visto che avere un titolo di studio non serve a nulla, quando sono finito a lavorare per un centro missionario, (Purtroppo si, l’ho fatto, ho lavorato per i preti, ma pochi mesi solo, troppe le schifezze che ho visto per resistere), bene sono stato assunto come impiegato, perché sapevo usare bene il computer e lavoravo con tutta gente laureata e raccomandata, naturalmente anch’Io ero raccomandato a quel tempo. E poi la gente è incazzata, ma per forza perché ci stanno mettendo una trave nel culo. Ci hanno tolto tutto, non c’è futuro, non c’è lavoro, le case costano un capitale e ti pagano,  bene che vada 1000 euro al mese, Io ho anche lavorato tre mesi, pensa, tre mesi per 200 euro, la chiamano borsa lavoro loro, Io lo chiamo schiavismo brutti bastardi! Ma se vuoi è così, altrimenti ne trovano a volontà di schiavi, li formano sin da giovani!
E brava Italia cristiana. Almeno una cosa bella in fondo c’è, il movimento degli illuminati dice di voler distruggere la religione cristiana, bene, speriamo che lo facciano. Che si diano una mossa però!
Dioniso777

lunedì 24 ottobre 2011

Non avete capito niente!?!


 Almeno voi che leggete siti come il mio e quelli che seguo, qualcosa di losco, molto losco avete iniziato a vederlo dietro il sipario, ma alle masse cosa si può dire se”Non avete capito nulla?”. Le manifestazioni? Non so se sono solo comiche o anche schizofreniche. Si manifesta in Val di Susa per un opera che non serve a nulla, la già presente linea che ci collega con la Francia viene usata per nemmeno un quinto di quello che dovrebbe trasportare, la nuova TAV sarà l’ennesima opera incompiuta del bel paese, ne vediamo ovunque senza fare tanta strada. E i cittadini cosa fanno? Vanno in piazza e sembra stiano facendo chissà cosa, bandiere, striscioni e bla, bla, sembrano i politici, anche quando si picchiano hanno imparato da loro, e nel frattempo le forze dell’ordine, dalle masse pagate e non da lo stato come molti son convinti, stanno li a sorvegliare. Pagare le forze dell’ordine? Smettete di lavorare in Val di Susa, come lo si dovrebbe fare in tutto il paese e vedete come vi ascolteranno, o perlomeno le cose riprenderanno in un altro modo. Ma tanto, la gente non ci arriva a questo, dopo 40 anni di manifestazioni, ecco a che punto siamo, punto a capo. A cosa sono serviti gli anni 60? A cosa sono serviti tutti i cortei che ho visto sfilare a Roma? A cosa serve ora occupare Wall Street? Un esempio del fine di queste manifestazioni l’ho letto qui, […]Così abbiamo la sinistra e la destra che lottano l'una contro l'altra come cani e gatti. Il movimento Tea Party e Occupare Wall Street più o meno si odiano a vicenda.[…] Le grandi potenze finanziarie spendono centinaia di milioni di dollari in campagne politiche. Basta controllare questa grafica illustrativa. Tutti quei soldi hanno una grande influenza sul processo politico. Se non lo facessero, le grandi potenze finanziarie, non avrebbero speso tutto quel denaro.[…] e poi segue Le corporazioni pagano una media di 37 dollari l'ora (nessun beneficio medico, pensionistico, senza pagare gli straordinari) per un membro della polizia di New York, con pistola, manette e la capacità di arresto. L'ufficiale è indennizzato dal contribuente, non dalla corporazione.
New York City prende una quota amministrativa del 10 per cento sui 37 dollari all'ora pagati alla polizia. Il bilancio 2011 della City ha richiesto 1.184.000 dollari in tasse sul Dettaglio a pagamento, vale a dire che imprese private stavano pagando i salari di 11,8 milioni di dollari alle forze di polizia che partecipavano all'Unità Dettaglio a pagamento. Il programma è più che raddoppiato nelle entrate della città dal 2002.
Questi vorrei ricordare a tutti voi, che non sono altro che soldi che hanno rubato dalle vostre tasche, soldi frutto del vostro lavoro, sempre più precario, sempre più faticoso e sempre meno pagato. Avete conoscenze di persone che dopo trent’anni di lavoro si sono ritrovate con una pensione di 6\700 euro? Beh, Io si. E allora, qui si va alla schizofrenia amici miei, non puoi manifestare contro e lamentarti di un sistema che tu stesso tieni in piedi, è un po’ come preparare ogni giorno la pasta senza sale e dire che insipida questa pasta. Metti il sale. Fai il passo. Ma lo so, avete paura di perdere tutto, avete paura di non pagare il mutuo, le rate della macchina, le rate delle carte di credito che tanto vi hanno fatto divertire, forse, avete paura e nel frattempo lavorate per pagare quanto ogni mese fra interessi, iva, imposte, bolli, benzina e tasse varie? Ok, insomma volete prosperità e libertà. Questo è il paradosso! Colui che sacrifica la libertà per la sicurezza non merita ne l’uno ne l’altro. Ben Franklin, frase scritta alla fine di questo divertente cartoon che rappresenta molto bene come gli scudi rossi, I Rotschild, abbiamo comperato prima l’Inghilterra, e l’America, poi tutta l’Europa, e ora ancora vogliono. Perché non li fate fallire? Il loro tanto conclamato denaro non esiste se nessuno lavora, non vale a nulla è solo carta igienica, smettete di pagare i debiti e ritirate i soldi dalle banche, questa è coerenza per chi vuole davvero cambiare il mondo.

Mi sono visto il film Idiocracy, non è poi molto lontano dal modo di essere di questi piccoli esserini che corrono tutto il giorno e non leggono nemmeno un libro all’anno, più sono analfabeti e meglio è. Ora c’è pure il digitale, le pay tv, centinaia di canali con cui rincoglionirsi per bene, e nel frattempo loro vi fanno lavorare gratis se fate i conti a fine mese, ma per fare i conti bisogna almeno essere un pochino intelligenti. Se le masse leggessero otto ore al giorno invece di esercitare la missione dello schiavo che paga per esserlo, sono certo che il mondo non sarebbe cosi com' è. 

E nel frattempo, loro, i ricconi banchieri che vi hanno incatenato, se la ridono della vostra stupidità e vi prendono pure in giro, vi fanno andare a destra e sinistra a prendere manganellate a loro piacimento,

 vi mettono l'uno contro l'altro per farvi sentire i più furbi, e come dargli torto, se non avete ancora capito il "Dualismo" creato a tappeto proprio per questo?!! La terra è di tutti, perché tu devi avere centinaia di campi o abitazioni e Io nemmeno una? Questo è il  nocciolo della questione.

PS: Inutile dire ci dobbiamo unire, ognuno deve pensare a fare il suo per far crollare questi personaggi, non dobbiamo attendere, tempo non ne abbiamo molto, credetemi. E se prendete per caso i soldi dalla banca, per quell'uno su dieci, riserva frazionaria, che ci riesce, bruciateli, perché il loro valore è quello, ZERO.

Dioniso777

Il nostro futuro prossimo

Questo film narra di vicende che "dovrebbero" accadere nel 2050, ma guardandolo bene, e ridendoci sopra, perché comico lo è, sembrano i nostri giorni, in prospettiva esagerata, ma non molto lontani da quello che siamo veramente.
Se non vi interessa l'introduzione sul continente di plastica che naviga negli oceani, passate a 16 minuti e 13 secondi, e iniziate a ridere. Il nostro futuro prossimo, non molto lontano come indicato nel film, a certi livelli ci siamo già arrivati oggi. Buona Visione a Tutti.


Fonte  http://ornitori8.blogspot.com/2011/10/idocracy-integrale-ita.html

Altro che Simpson, questo dovrebbero mandare in onda

Durata, 30 minuti, ma guardatevelo fino in fondo.

domenica 23 ottobre 2011

Diventare primitivi

Se volete saltate il dialogo con Fazio, il bello del monologo inizia a 8 minuti e 15 secondi, buona visione.
Fonte

E poi ci chiediamo perché l’Italia va male o perché siamo governati dalla mafia?


 Non siamo certo l’unico paese al mondo, anzi, la corruzione capillare sembra essere il pilastro portante del nostro sviluppo, (o sottosviluppo?).
Qui di seguito un articolo che descrive molto bene con nomi e cognomi, personaggi dei Ros, il nucleo operativo speciale dei carabinieri, inquisiti per vari reati tra cui non può mancare naturalmente l’associazione con la malavita, e che a tutt’oggi sono ancora nel loro ufficio a dirigere, a comandare, a governare alla fine. Non solo personaggi dei Ros collaborano tranquillamente per lo spaccio di droga, e nessuno viene non solo non condannato, ma addirittura continua a lavorare al suo posto come niente fosse. La famosa guerra alla droga! Altro che lotta, questa è collaborazione allo spaccio. D’altronde provate voi a portare qualche quintale di qualsiasi sostanza e vedrete senza mazzette quanto durate. Per questo invito tutti a non farne più uso, solo per segno di protesta, se non come si fa in paesi dove le puoi coltivare, queste famose piante proibite che fruttano miliardi dalla nascita del proibizionismo.
PS: Ho conosciuto personalmente, anni addietro, un tunisino che dava sei milioni al mese a due cosiddetti carabinieri, i suoi scagnozzi finivano in prigione per pochi grammi, e lui dal suo attico veniva avvertito quando un operazione partiva. Questo avveniva a Padova nel 1994, in uno dei suoi quartieri malfamati, ogni città ne ha uno e nessuno lo tocca, ci siamo chiesti il perché. Buona lettura, e buon disgusto :-)
Dioniso777
Se tutto va bene siamo rovinati

Di Solange Manfredi

La situazione è disperata, ma non difficile e il cittadino può ancora sperare.

E' vero, abbiamo qualche piccolo problema con i vertici delle nostre forze dell'ordine:


• tutti i vertici della polizia condannati in appello per le violenze (ovvero gravi violazioni dei diritti umani) al G8 di Genova;
• Il generale dei Carabinieri Mario Mori sotto processo per favoreggiamento a Cosa Nostra;
• Il Generale dei Carabinieri Delfino sotto processo a Brescia per concorso in strage. Il Generale ha già una condanna in via definita inflitta nel 2001 per truffa aggravata riguardo al sequestro Soffiantini (avrebbe approfittato del rapimento dell'amico Soffiantini al fine di truffare alla famiglia la somma di circa 800 milioni di lire, prospettando falsamente che tale somma fosse utile ad ottenere la liberazione del loro congiunto sequestrato);
• Il Generale dei ROS, Giampaolo Ganzer, condannato a 14 anni di carcere per traffico e spaccio di stupefacenti (avrebbe creato e favorito i traffici di droga per poterli poi reprimere e, grazie ai risultati positivi, fare “carriera”);
• Il generale della Guardia di Finanza, oggi deputato del PDL, Roberto Speciale, condannato per peculato;
• Il Generale della guardia di Finanza e direttore del Sismi, oggi Consigliere di Stato, Niccolò Pollari indagato (ne è stato chiesto il rinvio a giudizio) per peculato (secondo l’accusa denaro, risorse umane e mezzi in dotazione al Sismi sarebbero stati utilizzati per attività non istituzionali, ovvero per creare dossier illegali su cittadini italiani. Nel merito dei dossier la Procura non ha potuto indagare perché il governo ha posto il segreto di stato). Recentemente la responsabilità di Pollari non si è potuta accertare neanche nel processo sul sequestro a scopo di tortura di Abu Omar grazie alla nuova legge sul segreto di stato emanata dal Parlamento;
• Il direttore del dipartimento di protezione civile e commissario straordinario per l’emergenza rifiuti in Campania, Bertolaso, indagato per traffico illecito di rifiuti e truffa ai danni dello Stato, per corruzione nell’ambito dell’inchiesta sugli appalti del G8 alla Maddalena, poi spostato all’Aquila;

Si, è vero, abbiamo anche qualche piccolo problema in altri settori.

Nell'ambito della politica se dovessimo citare tutti i politici condannati, sotto processo o indagati, dovremmo fare un articolo di 30 pagine, partendo dal Presidente del Consiglio per passare ai politici di calibro nazionale nonché regionale e locale.
Nell'ambito della finanza l’ex Governatore di Banca d’Italia, Fazio è sotto processo per aggiottaggio, insider trading e ostacolo alle attività di vigilanza (che per un governatore della Banca d’Italia non è male); ai vertici della finanza abbiamo pluri-indagati e le operazioni spregiudicate operate dalle banche hanno messo il paese in ginocchio.
Nell'ambito dell'imprenditoria i nostri “capitani” di industria sono riusciti in pochi anni a depredare e distruggere aziende che erano dei veri gioielli. Negli ultimi 10 anni la crescita economica del nostro paese si è ridotta del 72% e e la capacità di crescita della produzione industriale italiana è diminuita di oltre due terzi; ma vediamo i lati positivi: i cinesi sono contenti degli investimenti che facciamo nel loro paese, e ciò non può che migliorare i nostri rapporti con la Cina.
Nell'ambito della giustizia siamo alla stregua di paesi del terzo mondo, basti pensare che in Italia violare i diritti umani, diritti alla base di ogni democrazia, non è riconosciuto come un atto eversivo dell'ordine democratico, come conferma la sentenza n. 106/2009 della Corte Costituzionale. Per la Corte non sussiste carattere eversivo nell’atto di sequestrare a scopo di tortura una persona, in quanto il carattere eversivo è: “rappresentato dalla sua necessaria preordinazione a sovvertire le istituzioni della Repubblica, ovvero a recare offesa al bene primario della personalità internazionale dello Stato”. Detto in altri termini: fate ciò che vi pare della popolazione basta che non tocchiate il “palazzo”.
Oltre a ciò, dal 2006, grazie alla legge n. 85 che ha depenalizzato le figure di attentato agli organi costituzionali, si rischia una pena più severa a rubare una valigia in aeroporto che a fare un golpe.
Ed infatti, grazie alla legge 85, nulla hanno rischiato i nostri politici quando l'08 agosto 2008, ratificando all'unanimità del Trattato di Lisbona, hanno ceduto, in maniera assolutamente incostituzionale, ad un organismo estero, la sovranità sul nostro stato.
Dunque, ricapitolando, abbiamo:

- uno stato che tratta con la mafia;
- politici che vengono eletti grazie ai voti degli affiliati ad organizzazioni criminali e che cedono la sovranità sul nostro stato ad organizzazioni straniere;
- reparti investigativi d’eccellenza che si creano da soli i reati per poi reprimerli e così far vedere che sono efficienti;
- forze dell’ordine che massacrano ragazzi e creano prove false;
- servizi segreti che spiano, sequestrano a scopo di tortura e studiano come neutralizzare, anche con eventi traumatici, cittadini solo perché simpatizzanti della parte politica avversa;
- La Corte Costituzionale che afferma non sussistere carattere eversivo dell’ordine democratico sequestrare un uomo a scopo di tortura;
- vertici della finanza che rifilano titoli tossici ai risparmiatori, gettando sul lastrico migliaia di famiglie, perché chi deve vigilare non lo fa;
- capitani di industria che depredano e distruggono aziende sane, privatizzando i profitti e socializzando le perdite.


Ma il cittadino può ancora sperare. Sì, può ancora sperare di andare bene di corpo.

CHIESTO L'ERGASTOLO PER IL GENERALE DELFINO

LKWTHIN

altri da leggere

LINK NEOEPI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...