"THE END"

sabato 19 aprile 2014

L'ITALIA è UN PAESE DI MERDA, ecco le prove: AMMIRATE LO SCHIFO DI ROMA!!!

... che come capitale ci rappresenta alla perfezione.
Io ci ho vissuto dieci mesi, dopo dodici passati a Barcellona, dove sono un secolo avanti!
Ecco cos'è l'italia,
dove sono rimasti solo i RITARDATI MENTALI, AMMIRATE COME CI RAPPRESENTA LA CAPITALE SU QUESTO BLOG :-)


L'ITALIA è UN PAESE DI MERDAAAAAA!!!!
Dove sono rimaste le persone senza cervello e i diseredati di ogni nazione, chi era un po intelligente da anni ha TELATO!
Ciao RITARDATI  :-)))

AGNELLO DI DIO

DI GUIDO CERONETTI

Sulla distruzione organizzata e ingentissima di animali a sangue caldo eccessivamente miti quando
cadono queste strazianti feste religiose, vale la pena che anche una pagina politica dica qualcosa.
Trattandosi di un ottimo affare, industriale-commerciale e turistico, parlarne sveglia subito il cane politico,
nella sua funzione di guardiano degli affari. Ma la faccenda riguarda un po' tutto, in quanto un consumo
di massa che gronda sofferenza e sangue di esseri viventi non è un fatto privo di conseguenze. Di conseguenze
che la ragione calcolante non può mettere in percentuali. Si tratta di conseguenze che non si vedono.
Ma nessun atto passa senza lasciare un segno.
Tiratemi fuori dai libri un qualsiasi greco antico e vi dirà che uno o dieci animali sacrificati possono
chiamarsi un rito propiziatorio, ma trecento-cinquecentomila messi in fila per macellazione in serie
e poi a sgocciolare in giganteschi mercati refrigerati, per milioni di bocche indifferenti, e neppure affamate, in base ad un appuntamento con il calendario, sono peccato di misura oltrepassata, di legge divina violata, il più certo dei peccati in qualsiasi società o tempo, e l'unico che non resti mai impunito, l'unico che non sia perdonato.
Non ho tabelle. Immagino che la sola Europa occidentale consumi, nei giorni di Pasqua, tra cristiani, atei, ebrei e mussulmani acclimatati, parecchi milioni di capi di ovini. Tutto questo in città e campagne da cui la festosità della festa è da un pezzo sparita. Ci vuole l'agnello perchè è Pasqua. Ma perchè è Pasqua? Si chiede l'agnello.
Allora ecco: beati quelli per cui non è Pasqua e che memori del legame nostro col tutto, mangeranno cose di giorni qualunque senza contenuti e ricordi di sangue, senza lamenti da mattatoio; una pasta e fagioli nè d'Oriente nè d'Occidente, un'insalata nè ebraica nè cristiana...Beati quelli che in ogni giorno dell'anno salveranno l'agnello. E la vacca. E il vitello. E il coniglio. E il maiale. E lo struzzo.
Guardatevi intorno. C'è da raccogliersi e pensare, ma non abbiamo motivi per far festa. L'odore di eresia dell'astinenza dal mangiare l'agnello, ovviamente drastica e si faccia regola di vita, disturba, giustamente, i cardinali. In un paese cristiano sempre ebbe vita difficile, ti metteva fra i sospetti, astenersi dalla carne. Sarebbe bello certamente lasciarli soli, vescovi e cardinali, a mangiare arrosto di agnello in mezzo a un ribollire di astensioni minacciosamente miti.
Siamo schiavi del ventre in un pianeta senza pietà: ma giustificazioni e autorizzazioni divine a mense macchiate di sangue sono intollerabili storture. La fusione fra consumo di massa e tradizione religiosa ha qualcosa di perverso che ci colloca tutti quanti nel disegno incosciente, come un sintomo patologico inavvertito, di una bieca e opaca soddisfazione. Una festa di finzione, che sopravvive per forza di calendario, in un ambiente stravolto, non ha niente di buono, di rasserenante e finisce in sbracate indigestioni.
Gli allevamenti di animali da macello, vere concentrazioni di dolore, rispecchiano la vocazione al genocidio, agli stermini di massa. E' uno dei grandi silenzi di colpa e di infamia delle economie di prosperità. L'animale che patisce ci giudica. Uomini spiritualmente nulli e tecnicamente potentissimi verso ogni debole si drizzano sadici. Come si vede la riflessione sull'agnello porta a considerazioni molto attuali sul senso e la freccia di questa economia del consumo e della distruzione, e sul nocciolo sadico di un'antropolatria che è il frutto velenoso dell'empietà e dell'indifferenza.

Guido Ceronetti - liberamente tratto da "Lo scrittore inesistente"
aprile1995
http://www.comedonchisciotte.org/

Esperimenti di guerra entomologica negli Stati Uniti? (articolo di Shepard Ambellas)

Il diavolo si nasconde nei particolari: l’illegalità ed il crimine, puniti severamente dai solenni articoli delle Costituzioni e dalle leggi, si nascondono nelle deroghe, nelle circolari applicative, nelle postille, nelle interpretazioni... Ciò non avviene solo nella nostra miserabile Italia, patria di Azzeccagarbugli, ma pure nei “democratici” Stati Uniti d’America...
Gli Stati Uniti sono ormai un banco di prova militare designato per applicazioni in tempo reale di guerra biologica ed entomologica con gli abitanti come cavie.
La "guerra entomologica” è un tipo di guerra biologica che usa gli insetti per attaccare il nemico. Il concetto esiste da secoli. La ricerca e lo sviluppo di questa tipologia di aggressione sono continuati nell’età contemporanea. La guerra entemologica è stata impiegata per la prima volta dal Giappone.
La linea di fondo è che non ci fermeremo davanti a nulla, ma seguiteremo a divulgare notizie censurate dai media di regime. Non smetteremo di riferire circa la "neve polimerica" che è caduta in diverse città degli Stati Uniti, tra cui Atlanta.
Dopo una lunga indagine e dopo aver analizzato centinaia di resoconti, abbiamo appurato che questa "neve finta" brucia in modo strano sotto la fiamma ed odora di plastica. Il ricercatore Henning Kemner, eseguendo vari test in circostanze controllate, ha ottenuto un residuo polveroso secco di cui presto compirà un’analisi spettroscopica.
Tuttavia alcune testimonianze mostrano che la “neve sintetica” può essere un’arma biologica, visto che un notevole numero di pulci è stato reperito in una recente nevicata, a seguito del sorvolo di aerei chimici su Craig, in Montana.
Incredibilmente questo corrisponde agli esperimenti biologici condotti durante la Seconda guerra mondiale. Don Tow scrive: “Il più grande laboratorio per la guerra chimica e batteriologica era gestito dai Giapponesi. Era ubicato a Ping Fan, un piccolo villaggio vicino alla città di Harbin, provincia di Heilongjiang nella Cina nord occidentale. Era conosciuto come Unità 731. L’Unità 731 era un gigantesco complesso che copriva sei chilometri quadrati e si componeva di oltre 150 edifici, con abitazioni e servizi per un massimo di 3.000 esponenti dello staff giapponese, 300-500 dei quali erano medici e scienziati. Il complesso ospitava vari stabilimenti. Era dotato di 4.500 contenitori per la raccolta di pulci, di sei caldaie giganti per sintetizzare sostanze chimiche e di circa 1.800 contenitori per produrre agenti biologici. Sino a 30 kg di batteri della peste bubbonica potevano essere prodotti lì in pochi giorni. I Nipponici non palesavano alcuna riluttanza a sperimentare in vivo.
Qualcuno obietterà, affermando che ciò succedeva nell’Impero del Sol Levante, artefici i cattivissimi giapponesi. No, questo, almeno in linea teorica, può accadere anche nei “civili” Stati Uniti d’America. De iure e de facto la guerra biologica è consentita da una legge federale. E’ la legge 105-85, del 18 novembre 1997. Ne riportiamo uno stralcio significativo.
Restrizione per l’uso di soggetti umani nel caso di ricorso ad agenti chimici e biologici - attività vietate. Il Ministero della difesa non può condurre (direttamente o per contratto) alcun esperimento che implichi l'uso di un agente chimico o biologico sulla popolazione civile.
Deroghe: il divieto non si applica ad una prova o ad un esperimento condotti per uno dei seguenti scopi:
- Qualsiasi scopo pacifico che sia legato ad un’attività medica, terapeutica, farmaceutica o di ricerca agricola ed industriale.
- Qualsiasi obiettivo che sia direttamente connesso alla protezione contro i prodotti chimici tossici o contro armi ed agenti biologici.
- Qualsiasi finalità inerente alla sicurezza nazionale, inclusi gli obiettivi concernenti il controllo delle sommosse.
Così non sorprende se il Center for Disease Control (C.D.C.) di Atlanta ha anche riconosciuto, all’interno di un libro bianco sulla sanità pubblica (sic), la possibilità di ricorrere alla peste come arma biologica”.

Fonte: aircrap.org

Gli Arturiani – un esempio per capire la quinta dimensione

Benvenuti amici, siamo gli Arturiani. Cos’è la quinta dimensione? Come si giunge in questo stato di coscienza basato su amore ed unità, dove le anime condividono in pace tutta la ricchezza e la bellezza del divino?

Alla prima domanda, cos’è la quinta dimensione, vi rispondiamo con una semplice analogia. Immaginate la densità dei vostri mondi sotto gli specchi d’acqua: i fiumi, i mari, gli oceani e i laghi. I vostri movimenti all’interno del fluido Acqua si fanno più lenti perché la sua densità è circa 800 volte maggiore di quella dell’aria. Quando siete fuori dall’acqua vi rendete subito conto che i vostri movimenti sono più facili, fluidi e meno faticosi.
Potete immaginare la vostra terza dimensione come l’acqua che limita i vostri movimenti. Abbiamo scelto l’esempio dell’acqua non a caso poiché l’elemento acqua è legato alle emozioni, e sono proprio queste ad essere il maggior deterrente nella densità della terza dimensione.
Analogamente, quando uscite dall’acqua e tornate sulla Terra ferma, non siete più soggetti alla sua densità specifica e potete godere della maggior libertà offerta dall’elemento Aria. L’elemento aria è connesso alla libertà, alla creatività, all’elevazione verso l’alto e ai nobili intenti. Così come l’elemento acqua è connesso al secondo chakra, così l’elemento Aria, più sottile, è connesso al vostro quarto chakra, che è la prima porta verso la supercoscienza.
Seguendo questa analogia, immaginatevi immersi nell’acqua ( la terza dimensione ) ed immaginate che il vostro essere sia limitato dalle dense emozioni tipiche di questo elemento. Quando portate equilibrio all’interno di voi stessi, armonizzando corpo eterico ed emozionale, vi aprite alla consapevolezza del quarto corpo e del quarto chakra, molto più sottili e connessi ai sentimenti superiori del cuore.
Così, Il vostro essere si risveglia alla consapevolezza del movimento libero all’interno dell’elemento aria e ricorda che esso non è mai stato realmente limitato dall’acqua, ma ha semplicemente creduto di esserlo, creando le condizioni necessarie per immergersi volontariamente nella sua densità.
La quinta dimensione è lo stato di coscienza dove sganciate da voi il sacco dei pesanti fardelli emotivi, dove lasciate andare tutto ciò che limita la vostra espressione divina. La quinta dimensione è lo stato della piena coscienza del divino interiore. Passando attraverso la coscienza del quarto chakra ( la quarta dimensione ) i vostri residui vengono illuminati per poter vibrare successivamente alla frequenza supercosciente del vostro vero Sé.
La risposta alla seconda domanda, come vi si giunge, è semplice da intuire. Tanto più lasciate andare ciò che non vi appartiene, ossia le false immagini, i fardelli, i carichi emotivi dei drammi di questa vita e delle altre, tanto più divenite leggeri e vi ricongiungete a quegli aspetti di voi già esistenti oltre il velo. Il processo dell’ascensione è un processo di alleggerimento. Più vi innalzate verso la vostra vera natura più la vostra vibrazione diviene sottile. Come un palloncino ( la coscienza ) trattenuto sul fondo di uno stagno da un peso. Quando il peso ( le emozioni, i fardelli e così via ) viene sganciato, il palloncino risale lentamente fino a raggiungere la superficie ( il sé ).


venerdì 18 aprile 2014

La foto del bambino "crocifisso"

Ecco, vedete cosa significa adorare questo idolo che puzza di zolfo? AMMIRATE ...

La religione è l'oppio dei popoli ... che bello essere atei!!!!
foto da questa pagina facebook
Pubblicato da Condello Domenico: www.stopcensura.com
Bravo! Questa, e io lo dico da sempre, è la VERA PORNOGRAFIA
ho dedicato persino l'articolo a quel brutto mito che chiamo "Mr Simpatia"
PS: Io non mi definisco ateo, di sicuro non sono cristiano e tanto meno cattolico.
W SATANA postavo due giorni addietro .... e vi consiglierei di leggere per bene Odiffredi:
Perché non possiamo essere cristiani (e meno che mai cattolici) , qui in pdf

Ebola, il Veneto allerta gli ospedali. La Sicilia ancora tace e contagiato scappa da centro d'accoglienza ...

... per fortuna era solo scabbia!
CONTAGIATO IN ISOLAMENTO FUGGE DA CENTRO ACCOGLIENZA: RICERCHE INUTILI
SE QUESTO È UN MEDICO, LE INCREDIBILI DICHIARAZIONI DEL RESPONSABILE SANITARIO MARE NOSTRUM
SICILIA: EPIDEMIA DI TUBERCOLOSI TRA CLANDESTINI, NOTIZIA CONFERMATA DA PROTEZIONE CIVILE: Le cronache sono piene di clandestini che sbarcano, finiscono nei centri, e dopo poche ore fuggono via. Quali ‘accurati controlli’ sarebbero stati fatti su queste persone, mister Morello?Facciamo un rapido calcolo. Giorni fa, arrivarono 4mila clandestini in 48 ore. In 48 ore ci sono 2880 minuti.

Il politico Simon Parkes: l' intervista sulle esperienze con esseri di altri mondi

Questa è la prima parte di una lunga intervista della durata di circa 2 ore dove viene intervistato il politico Simon Parkes che decide dopo tanti anni di raccontare le sue esperienze con esseri di altri mondi. A mio parere è interessante quello che ne esce fuori e quando trovo queste nuove informazioni online mi fa piacere condividerle con voi. Se posso consigliarvi una cosa, non fermatevi a giudicare troppo questa persona che comunque ha avuto un gran coraggio ad affermare certe cose considerando poi la sua posizione in politica.
Credo che siano numerose le persone che abbiano avuto strane esperienze nel corso della loro vita, alcuni decidono di raccontarle pubblicamente e molte altre preferiscono “salvare” la faccia tenendosele per se, e come darle torto, a nessuno fa piacere essere preso per pazzo o comunque con qualche rotella fuori posto. Ed è per questo che personalmente ammiro quelli che trovano il coraggio di parlarne apertamente.
Comunque a volte si rischia di creare molta più confusione di quella che già è presente tra le persone. Il fatto è che ognuno interpreta le proprie esperienze in base alle emozioni che prova ed è facile puntare il dito soprattutto quando certe esperienze non le si provano sulla propria pelle.
Sono dell’idea che tutti i contattisti abbiano ragione e torto, voglio dire sono pur sempre esseri umani e per quanto ne sappia non esiste, almeno nel nostro mondo, una persona che conosce tutto per filo e per segno, insomma io non credo sia possibile, anzi lo affermo, che una persona per quanto colta e istruita sia, conosca tutta la verità. Neanche il più saggio dei saggi, perché non è umanamente possibile. Dovrebbe avere minimo 1 milione di anni terrestri e sarebbero ancora troppo pochi.
Quindi queste persone, rapiti o contattisti che siano, si fanno una loro idea in base alle esperienze vissute positive o negative, e le condividono. Questo non significa che uno dice la verità (considero solo le persone oneste) e l’altro racconta menzogne, per questo dico “tutti hanno ragione e tutti hanno torto”.
Noi che cerchiamo di capirci qualcosa da fuori, dovremmo ascoltare o leggere quello che ci viene detto senza preoccuparcene troppo. Sicuramente di tutto quello che ci viene raccontato qualcosa di vero c’è.
Concludo questa breve intro dicendo che a mio parere Simon Parkes è sincero quando parla e ci racconta le sue esperienze.
intervista simon parkes by avalon

Gli irresponsabili

di Nicoletta Vallorani
Partiamo dalla radice. Proviamo a capire cioè perché un responsabile viene definito tale. Il sostantivo arriva dal medesimo tema di RESPONDERE, con l'aggiunta della terminazione – BILEM, che di per se stessa indica la facoltà di operare. Ne consegue che il responsabile è chi risponde, e così facendo si rende garante di qualche cosa o per qualche persona.
Bene.
Se nel rispetto delle parole, come credo, sta l'indice di libertà di cui godiamo, dobbiamo prendere atto del fatto che alla scomparsa del senso di questa parola siano imputabili innumerevoli forme di libertà che nelle istituzioni cui apparteniamo si manifestano di continuo. Sono piccole cose, infinitesimali ma innumerevoli perdite di tempo che si fanno sempre più frequenti nel nostro quotidiano, moltiplicando il tempo necessario per ogni piccola incombenza. Oggi come ieri, nel mio ormai imbarazzante lavoro di dipendente dello stato, nella forma specifica di un'istituzione universitaria, ho passato una buona mattinata a rimbalzare – per fortuna non di persona ma al telefono – da un ufficio all'altro solo per capire chi fosse, appunto, il responsabile di una banale pratica burocratica. Ho risalito la scala gerarchica dall'impiegato neoassunto al vertice dell'amministrazione. Posso dire senza tema di smentita che la frase che mi è stata ripetuta più spesso è: “Guardi, signora, non dipende da me”. L'affermazione, che di norma dovrebbe essere seguita dall'indicazione della persona a cui rivolgersi, veniva sempre seguita da un misterioso, suggestivo silenzio, come se il mistero della burocrazia potesse essere spiegato solo da qualche oscuro ministro del culto.
Ho perso una mattinata, la calma e pure la libertà di smaltire questa insignificante vicenda in tempi rapidi. E ne sono venuta a capo quando, in cima alla piramide, ho parlato con un dirigente che mi stava appunto dicendo che non dipendeva da lui. In un'impennata di revanchismo autoritario, che certo non mi appartiene ma tutti hanno il loro punto di rottura, ho chiesto: “Allora, chi è il capo qui dentro?” Solo a questo punto ho ottenuto le mie risposte. Non per senso di responsabilità, badate bene, ma solo per lesa maestà. L'ultimo interpellato voleva solo dimostrare, appunto, di essere il capo. E in questa gara di centimetri, ho finalmente avuto la mia risposta.

giovedì 17 aprile 2014

FILOSOFIA.. ISTRUZIONI PER L’USO!

FILOSOFIA O FANCAZZISMO? NON CI SONO MITI ASSOLUTI… SOLO UNA COSA È CERTA: SONO CAZZI NOSTRI!
«Per vivere soli bisogna essere o un animale o un dio, dice Aristotele. Manca il terzo caso: bisogna essere l’uno e l’altro, un filosofo». Friedrich W. Nietzsche

Che cos’è la filosofia?
La filosofia è il Tutto e il Niente.
La filosofia è Zero e Infinito.
La filosofia è l’Essere umano, probabilmente.

Alla lettera, è l’ “amore della sapienza”, è la ricerca del sapere, della conoscenza, della verità. Una ricercasempre inquieta e mai totalmente appagata, in costante e irrisolta domanda, in tensione verso ciò che ancora non si conosce. Si rivela nell’uomo che s’interroga sull’origine e la forma del mondo, di se stesso e di tutto ciò che lo circonda. Il pensiero filosofico crea concetti, li elabora, li incastra sapientemente in frammenti consequenziali, cercando di ricostruire, attraverso processi razionali fondati su evidenze logico-concettuali, uno dei tanti puzzle capaci di rappresentare e spiegare la struttura della realtà. La filosofia è la disciplina che si occupa di studiare e definire i limiti e le possibilità della conoscenza e, in generale, dell’esistenza dell’uomo, considerato come singolo e come essere in relazione, teoretica e pratica, con gli altri uomini e con il mondo.

GRUBER ASFALTATA DA UNA GRANDE LE PEN: Ma vai a cagare Gruber!

Risposta di Frankenstein71
"Il cambio della moneta lo decidono i mercati e non il popolo". Questa affermazione da sola, da parte della Gruber giornalaia, basta a far capire che razza di giornalismo ricottato ci ritroviamo in Italia. Quando non sanno cosa rispondere o per farsi passare per dotti in materie di cui non capiscono un cazzo, tirano in ballo la fesseria del "mercato", come se fosse un'entità ultraterrena, a cui tutto è dovuto e a cui dobbiamo appecoronarci, senza possibilità di appello. Che solo pronunciandone il nome dovrebbe scatenare incubi nelle povere testoline di noi comuni mortali. Tipo: "Ah, ma se lo dice IL MERCATO, allora...". Ma vai a cagare Gruber, tu e tutto il resto di corrotti al governo.

Le Pen Asfalta la Gruber
La faziosità delle domande è stata scandalosa, ma le puntuali e precise risposte della francese hanno demolito la conduttrice di otto e mezzo.
Era da tempo che la Lilli, tutta casa e sinistra al caviale, attendeva questa serata pensando ad una sua apoteosi: è stata sonoramente annichilita.
Marine Le Pen - "L'euro sta schiacciando i popoli e le aziende, sta uccidendoci e sta asfissiando le nostre esportazioni. Abbiamo vissuto millenni con la nostra moneta nazionale e oggi ci vengono a dire che dopo dodici anni non possiamo tornare alla nostra moneta? Non si rende conto che stanno prendendoci in giro?"
Gruber - "Intanto, il cambio delle monete lo decidono i mercati e non i popoli, vorrei ricordare a spettatrici, spettatori e anche alla signora Le Pen."

Sesso, Bugie e Controllo Mentale - Cathy O'Brien (P.2)

di Cathy O'Brien
Traduzione di Anticorpi.info
Continua dalla Prima Parte


Il Grand Ole Opry Festival
Dopo la laurea presso la Muskegon Catholic Central, il senatore Byrd mi ordinò di andare a Nashville, Tennessee.

Sebbene il senatore fosse del West Virginia, la sua influenza a Nashville era molto forte per via delle sue connessioni con il giro di corruzione che permeava l'industria della musica country. Le operazioni della CIA legate al traffico di droga avevano luogo sfruttando come copertura la industria musicale. Prevaleva la schiavitù bianca. E la corruzione nella politica era abbondante. Inoltre, il senatore Byrd era convinto di essere un intrattenitore, quindi pensò di duettare con un violinista in occasione del Grand Ole Opry.

Fu proprio in una di quelle occasioni che conobbi un tipo di nome Wayne Cox. Dopo l'Opry fui sottoposta ad un nuovo rituale occulto: fui resa testimone di un omicidio. Il primo di molti omicidi ai quali testimoniai fu commesso da Wayne Cox. Proprio di fronte a me sparò in mezzo agli occhi ad un barbone. Fu talmente traumatizzante che fui immediatamente pronta ad accettare l'ordine di seguire Wayne Cox. Naturalmente tutto ciò avveniva contro la mia volontà. Ero così terrorizzata dopo ciò a cui avevo assistito, che la sola idea di rifiutare era insopportabile. Non riuscivo a pensare di non fare quello che mi dicevano di fare.

In qualità di mio nuovo padrone, Cox eseguì le istruzioni ricevute dal senatore Byrd affinché fossi presente in determinati luoghi in momenti specifici, al fine di perfezionare la mia programmazione mentale e, soprattutto, subire altri traumi. Perché il senatore Byrd mi stava preparando per le operazioni criminose segrete che si sarebbero svolte durante l'amministrazione Reagan-Bush, e che prevedevano l'allestimento di numerosi comparti di memoria da programmare. Il che significava che avrei dovuto essere ulteriormente traumatizzata per consolidare ogni 'cella' e che Wayne Cox era ciò che faceva al caso mio, essendo attivamente coinvolto come serial killer nell'occultismo.

I traffici della CIA.

2014: "ODISSEA NELL’OSPIZIO"...

I Bambini Indaco - Chi sono?

I riferimenti ai Bambini Indaco, fatti in varie occasioni dal Gruppo, hanno suscitato molta curiosità ed interesse. Ci è stato chiesto:"Chi sono? Perché vengono chiamati così? Come possiamo capire se nostro figlio è un Bambino Indaco?"
Procediamo per gradi. La definizione "Indaco" è stata usata per la prima volta da Nancy Ann Tappe, che nel 1982 scrisse un libro sull'argomento (Capire la vostra vita attraverso il Colore). Nancy, scrittrice, sensitiva e terapeuta, è in grado di vedere quelli che lei chiama "i colori della vita" ed ha un metodo personalissimo per "leggere" questi colori. Alla fine degli anni settanta,
Nancy incominciò a notare una trasformazione nei colori vitali, con alcuni colori, come il fucsia o il rosso cremisi, che tendevano ad affievolirsi o a scomparire. Tuttavia la sua ricerca iniziò soltanto negli anni ottanta, quando alcuni genitori, preoccupati per il comportamento anomalo, "fuori dagli schemi" dei loro bambini, si rivolsero a lei per esseri aiutati. Con sorpresa Nancy si accorse che il colore vitale di tutti questi bambini tendeva all'azzurro violaceo. Di qui la definizione "Bambini Indaco".

Chi sono dunque i Bambini Indaco? Ecco come li descrivono Lee Carroll e Jan Tober nel loro libro "The Indigo Children".

"...Un Bambino Indaco è una creatura che possiede attributi psicologici insoliti e particolari e che ha un modello comportamentale diverso da quelli a cui siamo abituati. Di conseguenza, molto spesso i genitori di questi bambini si trovano spiazzati ed impreparati nel difficile compito di educare i loro figli. Ignorare questi nuovi modelli significa creare squilibrio e frustrazione nella mente di questi preziosi bambini. Ci sono diversi tipi di bambini Indaco, ma per ora ci limiteremo a darvi un elenco delle loro principali caratteristiche con i più comuni modelli comportamentali.

- Vengono al mondo con un senso di regalità (e spesso agiscono con regalità)
- Pensano di "meritarsi di essere qui" e sono sorpresi quando gli altri non condividono questo loro punto di vista.
- Non hanno problemi di autostima. Spesso essi dicono ai loro genitori "chi sono".
- Hanno difficoltà ad accettare l'autorità (soprattutto quando è imposta ed immotivata).
- Si rifiutano di fare alcune cose. Per esempio non amano aspettare in coda.
- Si sentono frustrati dai metodi tradizionali che non richiedano l'impiego della loro creatività.
- Spesso, sia a casa sia a scuola, trovano la soluzione più logica per fare le cose, il chè può farli apparire anticonformisti e ribelli.
- Sembrano asociali a meno che non si trovino con i loro simili. Se non ci sono bambini con la loro stessa consapevolezza, si sentono incompresi e tendono a chiudersi in se stessi. L'ambiente scolastico è spesso estremamente difficile per loro.
- Non rispondono a discipline basate sul senso di colpa.
- Non si sentono in imbarazzo a parlare delle loro necessità..... " 

Emissione monetaria a debito – Le banche centrali sono i ladri.. i politici sono il palo

Chi fa le leggi ? Le leggi le fa e le approva il parlamento, depositario del potere legislativo. Dunque sono colpevoli di truffa e furto ai danni del popolo italiano i parlamentari che hanno approvato le leggi che consentono alle banche di emettere denaro a prestito creandolo senza registrarlo a bilancio in attivo all’atto di emissione, come doveroso quali proprietari del valore dato in prestito, che costituisce dal momento della creazione un valore aggiunto, soggetto dunque ad Iva, il che sanerebbe pienamente il bilancio dello stato, trasformando il debito mendace in credito.
Ma sono parimenti colpevoli i parlamentari che non reagiscono a questa condizione di truffa e rapina, imponendo alle banche la corretta registrazione dei loro utili.
Il falso debito trasforma una situazione di prosperità sociale in miseria indotta a vantaggio dei banchieri e sulle spalle del popolo derubato, con la complicità della classe politica.
E’ inutile e fuorviante, allora, distrarre l’attenzione sulle fortune e sfortune giudiziarie individuali di un figurante qualsiasi, sia esso Dell’Utri o Berlusconi , quando vi è invece reato generale di truffa e furto ai danni della popolazione tramite la complicità generale di un parlamento colpevole di permettere ai banchieri di rubare a tutto il popolo: non vi è dunque mafia più grande di quella bancaria, rapinatrice di tutto il valore emesso, che corrisponde al 99% del valore monetario in circolazione.
I parlamentari devono sanare questa situazione, imponendo per legge alle banche la registrazione in attivo (con tutte le conseguenze, anche fiscali, del caso) dei valori emessi, oppure, se non lo facciano, incriminati per complicità mafiosa con la truffa bancaria e concorso in associazione a delinquere.
Come osservato, a conti fatti, non vi è mafia più grande, devastante e peggiore di quella bancaria, con la sua rapina pari al valore di tutta la moneta emessa (salvo la microscopica frazione emessa in monete metalliche dallo stato).
Non è lecito mantenere in eterno silenzio e ambiguità su un simile stato di cose, rovesciandone sul popolo le nefaste conseguenze in termini di truffa e furto: il 45% del bilancio dello stato, ovvero quasi la metà, viene divorato dal falso debito, cui bisogna aggiungere la continua svendita del patrimonio pubblico, motivato dall’esigenza di far cassa per pagare i grandi usurai dell’emissione a debito.
Non esiste oggettivamente il debito: esiste il credito negato da una classe politica complice.
E “si è sempre fatto così” non è una giustificazione: la recidiva di reato è una aggravante, non una esimente.
Vincenzo Zamboni

http://www.circolovegetarianocalcata.it/

L’ANTICRISTO SI CHIAMA LIBERISMO

La coscienza umana è come una sorgente d’acqua limpida e miracolosa, perché incontaminata dal principio dei tempi. Lei è la sola a potere discernere il bene dal male in maniera inequivocabile, e ogni sua risposta ai nostri quesiti è inopinabile e non discutibile. Poi sta a noi in virtù del libero arbitrio decidere quale scelta fare; se la più consona alla verità, o all’opportunità del momento. La coscienza, è la stessa per ogni uomo, indistintamente dal tempo in cui si vive, dalla sua razza, religione, e condizione sociale. La coscienza è uno specchio di pura luce dentro il quale si riflette tutta la nostra vita, il nostro male, e il nostro bene, la nostra gioia e la nostra paura, i nostri demoni e nostri angeli.
Avere fede, significa credere, e credere, significa “avere compreso”.
Una nuova vita, un’altra dimensione, un Dio, uno spirito, un premio, un castigo, esistono in funzione della nostra capacità a comprenderne l’esistenza.
La comprensione dell’ateo, nega questa sfera superiore, e proprio in virtù di questa diversa interpretazione, negherà a se stesso la possibilità di un’altra vita.
In questi ultimi 50 anni, la contaminazione prodotta dal liberismo consumista sull’ambiente e su tutta la catena alimentare, ha raggiunto livelli di concentrazione tali, da avere messo a rischio la vita sul pianeta, in ogni sua forma, espressione e dimensione. E nello specifico, il corpo umano. I suoi organi, hanno immagazzinato una quantità talmente abnorme di materiale chimico e radioattivo, da non essere più in grado di svolgere la loro funzione primigenia. Il sistema nervoso ha subito un corto circuito, mentre il cervello è costretto a elaborare dati sconosciuti, senza alcuna logica, ordine e motivo, e trasfigurando il libero arbitrio in una specie flipper, dove gli impulsi rimbalzano in maniera schizofrenica contro le pareti di quel muro di gomma che è oramai la nostra coscienza. In questo modo, tutto è relativizzato; e quella capacità connaturata, un tempo deputata al discernimento, all’attenzione e alla consapevolezza, si è polverizzata.
Pertanto, il Maligno è già dentro di noi: vivo e vegeto. Noi, che agevoliamo la sua sete di morte, assecondando le sue richieste sempre più pressanti di sostanze chimiche, di radioattività, e di gas tossici.
La contaminazione ambientale in tutte le sue perverse forme e manifestazioni, è l’effetto ultimo di una totale assenza di Dio nel cuore degli uomini.
Un mondo senza etica, è un mondo senza Dio, quando l’etica è la sua espressione più illuminante.
Il ragionamento attraverso il quale, i molti, intendono negare l’esistenza di Dio, si basa sul principio della non evidenza - quell’incapacità di scorgere gli effetti della sua presenza, se non attraverso fenomeni tangibili e pragmatici.
Allo stesso modo si potrebbe dubitare dell’esistenza dell’aria, perché non visibile agli occhi, ma ben sapendo che in sua assenza non potremmo sopravvivere. Lo stesso vale per Dio, senza il quale ogni ragionamento è sterile seme, incapace di germogliare, produrre amore, diversità e vita.


GJTirelli

Salute: ecco le regole d’oro per accelerare il metabolismo e bruciare più in fretta i grassi !!

Il metabolismo è l’insieme dei fenomeni biologici e delle reazioni chimiche che hanno luogo nelle cellule. L’anabolismo è la fase di elaborazione delle sostanze assorbite, seguito dal metabolismo intermedio, con l’utilizzo delle sostanze e, infine, dalla degradazione dei prodotti non utilizzati e l’eliminazione delle scorie. Il metabolismo basale è la quantità minima di energia che serve all’organismo per sopravvivere e rappresenta circa il 65% del metabolismo totale, cambia da persona a persona ed è influenzato da una serie di fattori: ormoni tiroidei, testosterone, omone della crescita, età, sesso dell’individuo e corporatura. Ci sono persone geneticamente predisposte ad avere un metabolismo lento, oppure hanno determinate patologie che lo rallentano (es. ipertiroidismo o ipotiroidismo). Ecco alcune regole per accellerarlo, quindi bruciare più energia, che si tradurrà in perdita di peso:

ATTIVITA’ FISICA :
fate almeno 2-3 allenamenti a settimana di durata non inferiore ai 40 minuti, alternando attività aerobiche con esercizi di tonificazione. L’attività aerobica va praticata a ritmo costante senza fermarsi o fare pause molto lunghe. Se non avete molto tempo per praticare sport, basta semplicemente mettere in pratica qualche accorgimento: tipo, parcheggiare un po’ più lontano l’auto e muoversi a piedi, fare le scale piuttosto che prendere l’ascensore, usare la scopa al posto dell’aspirapolvere ecc. Molto utile anche il cardio-fitness, costituito da un insieme di esercizi che migliorano il sistema cardio-respiratorio, aumentando la resistenza, riducendo lo stress e prevenendo le malattie cardiache, l’infarto, l’ipertensione e l’ictus cerebrale. Un allenamento di cardio-fitness deve durare 15/60 minuti e deve avvenire tra le 3 e le 5 volte a settimana. I tapis roulant, le ellittiche e le cyclette, simulando movimenti naturali come il correre, il salire le scale e l’andare in bici, allenano l’apparato cardiovascolare.

BERE TANTA ACQUA E CONSUMARE FRUTTA E VERDURA : bere almeno 2 litri di acqua al giorno giova anche al fegato. E’ utile consumare molta frutta e verdura in modo che gli antiossidanti in esse contenuti favoriscano l’eliminazione delle tossine che si accumulano nell’organismo a causa dell’inquinamento, del fumo attivo e passivo, dei conservanti e delle sofisticazioni alimentari, accellerando il metabolismo e aiutando la perdita di peso. MANGIARE PIU’ SPESSO: ciò non vuol dire “mangiare di più”. Dovete mangiare la stessa quantità di cibo che solitamente utilizzate, suddividendola in più pasti più piccoli nell’arco della giornata ( invece di mangiare a colazione, pranzo e cena, dividete in due ognuno di questi pasti). Mangiando più spesso, si dà all’organismo più lavoro da fare, avendo un maggiore dispendio calorico e aumentando il metabolismo.

mercoledì 16 aprile 2014

Arthur Rimbaud - L'Amore deve essere reinventato

video

Chris Rea - The road to hell (long version)

La strada per l'inferno

Viva Satana!

Testo di Morena Menzani
Tengo a precisare che per me quest'immagine è la metafora della vittoria dei ribelli sul potere repressivo di una delle religioni più fallocentriche del pianeta. E visto che si avvicina la festa della resurrezione del loro idolo, che festeggiano mangiando agnellini minuscoli, per purificarsi dai peccati, che continueranno a commette, io, con questa immagine grido: W Satana, l'avversario di un dio padrone, misogino, capriccioso, ingiusto e criminale, specista, assassino e che istiga alla pedofagia!
Pubblicato da Freeanimals

Poi aggiungo un PS: Dicono sempre che i cattivi non muoiono mai ... beh, con quello che ho passato e per le tante volte che ho visto la morte in faccia, due volte in come, un aneurisma cerebrale e altre cose che non descrivo, altrimenti non ci credereste, ma comunque potrei essere io satana, davvero! hahahahaha
Lucifero, il portatore di luce è davvero il male? Non è male mantenere le greggi nell'ignoranza quando tutti oramai sappiamo che "il sapere" è l'arma più potente?
E poi ROMA non è l'esatto contrario di AMOR, il messaggio di Cristo?
RIFLETTETE, perché in questa dualità non è semplice a volte cogliere il vero nemico .....

Lettera preoccupata di un maresciallo dell'aeronautica + INCONTRI RAVVICINATI DEL TERZO TIPO A MASSA

MI PERMETTO DI SCRIVERLE E DI DISTURBARLA. STO SCRIVENDO A MOLTE PERSONE PER FAR CONOSCERE A TUTTI CIO' CHE SUCCEDE E STA SUCCEDENDO.
SONO UNA PERSONA SERIA, SI PUO' FIDARE. SONO UN MARESCIALLO DELLA BASE DELL'AERONAUTICA MILITARE DI RIVOLTO.
PER DARLE L'IDEA DI QUELLO CHE VOGLIO DIRLE, COPIO UN TESTO CHE HO LETTO IN QUESTI GIORNI SU INTERNET.
LO LEGGA ATTENTAMENTE :

Scommetto che nessuno mai ci crederebbe eppure è pura sincerità! Incredibile, ancora non ci credo! Oggi, Ore 18:20 circa...di ritorno da Udine ero alla guida della mia auto...quando ad un tratto nei pressi della base di Rivolto completamente buia, sopra la mia testa c'era questo...forma triangolare, tre luci tra cui due laterali sul bianco sporco, una dietro viola e al centro un cerchio blu il quale si poteva vedere benissimo che era un portale rotondo che poteva benissimo aprirsi! Rallento e mentre guido l'osservo e vedo che rimane sospeso in aria fermo immobile non facendo nessun minimo rumore cioè molto silenzioso e difficile da notare se si è molto lontani...ad un tratto mi accorgo che ce ne sono altri 2/3 più lontani a loro volta disposti in cielo in modo triangolare, dei quali si intravedeva sono una luce, molto confondibile con una comune stella ma in movimento molto lentamente ...allora decido di fare inversione e tornare indietro anche perché la curiosità era molta! Una volta tornato indietro giro per un distributore e mi fermo...ma in cielo non c'era più niente, allora decido di rimettermi alla guida osservandomi intorno e ad un tratto sulla sinistra in lontananza rivedo questo oggetto che pian piano se ne va lentamente e subito dopo sfreccia velocissimo scomparendo nel nulla...subito dopo sulla destra si poteva udire e sentire il rumore di aerei provenienti da nord-ovest saranno stati 5/6!!..passando per l'entrata della base notai subito la torre "mi pare" di avvistamento che girava come un faro, solo che illuminava verso il cielo...arrivato a casa scendendo dall'auto sentii altri rumori di aerei provenienti da ovest sicuramente dalla base di Aviano e saranno stati una decina...ora non voglio trarre conclusioni affrettate ma quello che ho visto è palese! Si tratta di avvistamenti UFO o come dicono i nuovi aerei militari americani? E come mai dalle 18:30 fino a ora si possono sentire i rumori di aerei che continuano a sorvolare il cielo? Sono alla ricerca di qualcosa? Chi lo sa?! Ma tutto questo è veramente misterioso e straordinario!


QUESTO TESTO E' STATO SCRITTO IL 10 DICEMBRE ALLE ORE 19:00 DA UN RAGAZZO CHE ABITA A CODROIPO - UD - A POCHISSIMI CHILOMETRI DALLA BASE DI RIVOLTO. NON SEMBRA ESSERE L'UNICO. IN QUESTA SETTIMANA, DA QUANTO HO APPURATO, TUTTA LA POPOLAZIONE DI CODROIPO E DEI PAESI LIMITROFI A RIVOLTO HANNO VISTO UN CONTINUO MOVIMENTO DI AEREI CARGO LOCKHEED HERCULES C-130 E AEREI CACCIA F-18 E STEALTH AMERICANI. DA MARTEDì A GIOVEDì DELLA SETTIMANA CHE SI CONCLUDE OGGI, 14-12-2013, SONO ATTERRATI ALLA BASE DI RIVOLTO 178 HERCULES C130 E BEN 45 AEREI DA CACCIA F-16. GLI HERCULES HANNO TRASPORTATO DALLA BASE MILITARE AMERICANA DI VICENZA INTERI SQUADRONI DI PARACADUTISTI (TRASPORTATI CON HERCULES C130 CON LUCI DI STAZIONAMENTO VERDI E LUCI POSTERIORI VERDI), HANNO TRASPORTATO STRUMENTAZIONE CON LA QUALE SI POTREBBERO COPRIRE MOLTISSIMI CHILOMETRI, CABLAGGI PER BEN 470 KM, DERRATE ALIMENTARI E ARMI. I CACCIA F-16 HANNO SEMPLICEMENTE SCORTATO E SORVOLATO LA ZONA DI DECOLLO E ATTERRAGGIO. LA COSA CHE E' STRANA E' CHE IL GIORNO 10 DICEMBRE L'INTERA BASE DI RIVOLTO HA VISTO QUELLE LUCI DI CUI PARLA IL RAGAZZO NEL TESTO PRESO DA FACEBOOK, SONO STATI ATTIVATI TUTTI GLI ALLARMI DELLA BASE, ACCESE TUTTE LE LUCI DI CONTROLLO E TUTTI I FARI INTERNI ED ESTERNI ALLA BASE HANNO CERCATO DI ILLUMINARE IL CIELO. 

Il vostro 8x1000 in suv, alcol e scopate con minori.

"Fatevi guardare in faccia."

Il tempo stimato per la lettura di questo post è 3 minuti. Concedili a te stesso.
Attenzione, su Mentecritica scrivono diversi autori. "Fatevi guardare in faccia." è stato scritto da Mumon. Ogni autore ha la sua opinione personale che non sempre corrisponde a quella del curatore del sito.

Siete gente pagata, e anche male, per un lavoro rischioso. Avete figli, mogli, genitori che stanno in pensiero per voi se uscite in strada e non sapete ancora quando e se finirà il vostro turno di lavoro. Eppure, per quanto il “rischio” possa essere il vostro, mestiere siete fortunati. Fortunati ad avere un lavoro, uno stipendio ed una famiglia a stare in pena per voi.
Nelle strade qualche giorno fa, oltre ai soliti esperti di guerriglia urbana che continuano, illesi, a farla franca, c’erano figli, padri e mogli che non hanno la vostra fortuna. Gente che ha perso il lavoro, altra che non l’ha mai avuto. Gente che non ha una casa e vive in edifici occupati che altra gente come voi ha sgombrato o sgombrerà con metodi non più dolci di quelli di ieri. Gente comune, gente disperata. Gente che ogni giorno vi ringrazia per il lavoro che fate, ma che vorrebbe vedervi sparire quando vi unite facendovi guardiani dell’ordine costituito. E’ vero, voi avete un ruolo e il vostro ruolo è difendere lo stato. Non potete mordere la mano del vostro padrone o sarebbe improvvisamente il caos, ma potete scegliere di essere uomini e non cani da combattimento da sguinzagliare a comando.
Voi potete.
Non accetto scuse, non più. Non c’è frustrazione, paura, euforia, senso del dovere che giustifichi la cattiveria. La cattiveria è quella cosa che distingue i buoni dai cattivi. Esiste il male necessario, ma anche quello superfluo e infierire su chi è già inerme è superfluo.
No. Non mi accontento più di sentirvi parlare del collega colpito da un sanpietrino, la ragazza che uno di voi ha deciso e scelto di calpestare probabilmente i sanpietrini li ha visti solo volare sopra la sua testa. E non è la prima volta, non l’unica volta in cui ferite anziché proteggere, attaccate anziché difendere.
No. Non accetto critiche su ragazzi con caschi e passamontagna in strada da chi, ugualmente abbigliato, infierisce su gente che di protezione non è alcuna e che rappresenta quello che resta quando i violenti, già datisi alla fuga, sono spariti oltre l’orizzonte. “Se non vuoi prendere le botte non venire a queste manifestazioni”.
No. Non siete pagati per sfogare la rabbia su di me o su chi è come me ed io ho diritto di esprimere il mio dissenso. Pacificamente, ma ne ho il diritto.
Siete strumenti. Siete i fanti mal armati mandati in campo dai signorotti a sedare la rivolta senza preparazione, senza mezzi, senza un capo che sia tale. Potreste essere molto di più, ma scegliete di valere l’odio che ogni episodio di violenza ingiustificata solleva contro di voi.
Sono certa che gli occhi dei ragazzi con cui sovente vi scontrate non sono diversi da quelli dei vostri figli. E’ così dolce farsi odiare da un figlio? Così gratificante farsi odiare dai figli di un intero paese che affonda?
E allora fatevi guardare in faccia. Mostrateci chi è il buono e chi il cattivo. Quel numero sulla divisa, quello che insegna a distinguere traUomo di Stato e Delinquente, siate voi a chiederlo e uscite fuori da quell’omertà che vi rende così simili a quanto dovreste combattere.
http://www.mentecritica.net/fatevi-guardare-in-faccia/vetrina-mc/mumon/44219/

Chi è IL PARASSITA più grosso, pardon, l'Uomo più Ricco della Terra?

nwo-truthresearch: Chi è l'Uomo più Ricco della Terra?

nwo-truthresearch: Chi è l'Uomo più Ricco della Terra?: Sapete dare una risposta alla domanda posta nel titolo? Forse già intuisco quali possono essere le vostre risposte: I Rothschild? I Rocke...

IN COSA CI STIAMO TRASFORMANDO? Il cervello rettiliano sta prevalendo sulla corteccia.

I droni che uccidono sempre più civili
AS: Purtroppo l'ignoranza delle masse si dimostra in articoli come questi. 
Lo schifo non è il fatto che abbiano provato a ridurre le masse ad automi, la cosa più sconvolgente è che ci sono riusciti!
AVERE il coraggio di mandare TUTTO A FARE IN CULO è LA SOLA SALVEZZA, la sola redenzione e la sola pace possibile. 
Prendetevi come esempio i grandi passati di qua, cito i primi che mi vengono a mente: Eraclito, Siddharta, Socrate, Gesù stesso, ma non quel mito, è pornografia quella. Le masse iniziassero a sputare sul materialismo e capitale, vedrete questi cosa diventano, e per questi, ascoltate il video e capirete chi intendo. 

Se tutto è marcio e corrotto sino al midollo è proprio perché rispecchia chi siamo noi, diamo importanza ai contenitori e non al contenuto, diamo importanza a ciò che si dice e non a quello che si fa, diamo importanza a come uno si veste e non a chi è ... IPOCRISIA la chiamiamo così? Si, gli Imperatori dell'ipocrisia mondiale hanno sede a Roma (Amor al contrario, il messaggio capovolto ...), insomma, siamo la Quintessenza dell'Ipocrisia.
PS: Piccola riflessione. 400 milioni $ al giorno per l'occupazione del paese dell'oppio, 2,7 miliardi $ al giorno destinati alla NATO per compiere i suoi crimini di guerra, poi, e quanti per risarcire i danni perpetrati dai clericali che molestano bambini?

La crisi NON esiste, se non per i soli che sostengono questo sistema, per tutti gli altri è vero il contrario, però come un dogma religioso tutti lo accettate e proprio perché è assurdo ci credete ancora di più. 
Il fatto è proprio questo, vogliono il nostro consenso, e informarsi è la prima rivoluzione poiché il sapere rimane sempre l'arma più potente.
Buona Lettura e Buon Risveglio dall'incantesimo 

FONTE:Testo di Nicola Bizzi
Secondo il giornalista scientifico americano Mike Adams, l’umanità, a causa dell’inquinamento da metalli pesanti, si sta trasformando in un patetico simulacro di se stessa. Il sito Tanker Enemy, che seguiamo sempre con grande interesse, rappresenta senza dubbio in Italia la più autorevole fonte indipendente di denuncia delle operazioni di geoingegneria clandestina che ormai da anni vengono effettuate dalle forze armate della NATO con la tacita complicità di tutti i governi occidentali e nella più totale insaputa dell’opinione pubblica. E questo sito ha recentemente pubblicato un articolo con delle sconcertanti dichiarazioni del noto giornalista scientifico americano Mike Adams. Dichiarazioni sugli effetti dei metalli pesanti sull’organismo degli esseri umani, effetti che potrebbero già aver superato la soglia del non ritorno. 


SCIENZIATO INGLESE AFFERMA: "I FENOMENI SPIRITUALI ORIGINARI DI ALTRE DIMENSIONI DELLA REALTA'"

Scienza e spiritualità, passo dopo passo, sembrano destinate ad incontrarsi sul cammino della conoscenza. Bernard Carr, astronomo e matematico, ha teorizzato che molti dei fenomeni che riteniamo di origine sovrannaturale, poiché non possiamo spiegarli con le leggi della fisica della realtà in cui viviamo, potrebbero avere origine in altre dimensioni. Albert Einstein, premio nobel per la fisica, ha suggerito che la realtà in cui viviamo è formata almeno da quattro dimensioni, tre spaziali e una temporale.
La moderna fisica quantistica, con l’elaborazione della teoria delle stringhe, ha poi teorizzato l’esistenza di almeno 11 dimensioni.
Facendo riferimento alle ultime riflessioni della fisica teorica, Bernard Carr, professore di matematica e astronomia presso la Queen Mary University di Londra, ha suggerito che la nostra coscienza è in grado di interagire con altre dimensioni della realtà.
Egli immagina un universo multidimensionale organizzato con una struttura gerarchica; noi ci troviamo nella dimensione al livello più basso. “Questo modello risolve problemi filosofici ben noti alla filosofia, come il rapporto tra la materia e la mente, e chiarisce la natura del tempo”, come scrive lo stesso Carr in un estratto di una sua conferenza. “Inoltre, tale modello fornisce un quadro ontologico per l’interpretazione di fenomeni come le apparizioni, le esperienze fuori dal corpo, le esperienze di quasi morte e i sogni”.
Spiega Carr che i nostri sensi fisici sono in grado di mostrarci solo un universo a tre dimensioni, anche se in realtà ne esistono almeno quattro. Ciò che esiste nelle dimensioni superiori sono entità che non possiamo percepire con i nostri sensi fisici. Tali soggetti devono anch’esse avere bisogno di un certo tipo di spazio per esistere.
“Le uniche entità non fisiche nell’universo di cui abbiamo esperienza sono quelle mentali”, scrive Carr. “L’esistenza dei fenomeni paranormali suggerisce che la entità mentali devono esistere in una sorta di spazio altro-dimensionale”.
Quando sogniamo, ad esempio, tale spazio altro-dimensionale si sovrappone con lo spazio fisico dove esiste la nostra memoria. Ma anche fenomeni come la telepatia e la chiaroveggenza sono la sovrapposizione dello spazio altro-dimensionale con lo spazio fisico.
“La contrapposizione tra materia e mente è sorta nel momento in cui si è ridotta la realtà ad uno spazio tridimensionale”, scrive Carr. “Tuttavia, da allora la visione del mondo fisico è profondamente cambiata ed è chiaro che i nostri sistemi fisici sensoriali rivelano solo una porzione molto limitata della realtà”.
Una caratteristica fondamentale di questo nuovo approccio alla realtà non può non coinvolgere il concetto di coscienza, dato che questa è la base di tutte le esperienze psichiche. Anche se la parapsicologia ha già acquisito un certo grado di rispettabilità tra gli psicologi, essa non è ancora stata presa sul serio dalla maggior parte dei fisici.
“La questione cruciale è capire se la fisica, nel presente o nel futuro, sarà mai in grado di ospitare i fenomeni psichici”, continua Carr. “La mia tesi è che lo sarà, ma ciò richiederà più di un semplice armeggiare con l’attuale paradigma della fisica, vale a dire più che invocare semplicemente le onde elettromagnetiche, i tachioni, i tunnel spazio-temporali e la teoria quantistica standard. Il nuovo approccio avrà conseguenze profonde per la fisica, la psicologia, la parapsicologia e la filosofia”.

LKWTHIN

altri da leggere

LINK NEOEPI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...