"THE END"

"THE END"
http://www.romafaschifo.com

domenica 31 marzo 2013

La Chiesa Cattolica discrimina gli animali




Altro che "agli occhi di Dio siamo tutti uguali"! La verità è che i cristiani fanno favoritismi e usano due pesi e due misure.

Tutte le domeniche a messa i preti continuano a ripetere "agnello di Dio" di qua, "agnello di Dio" di là... Ma avete mai sentito dire le stesse frasi usando il cane, il verme, il crotalo o il maiale?
No. E questo perché le pecore sono raccomandate, ecco perché.

E qualcuno mi spiega perché i fedeli cattolici si autodefiniscono pecore e la chiesa cattolica dice di essere un gregge? Perché non si sono mai definiti una muta di setter irlandesi, uno stormo di alzavole ottentotte del Madagascar o un banco di anguille dei Sargassi? Cosa vi hanno fatto le anguille? Perché ce l'avete coi suini e i canidi?

A Pasqua, poi, i coniglietti e i pulcini sono dappertutto e gli fanno una pubblicità sfacciata. È ingiusto. Sono sicuro che non avete mai visto in pasticceria la pantegana di zucchero o l'alligatore di pasqua con le mandorle e la glassa. Non è forse discriminazione, questa?

Anche i pulcini sono sopravvalutati a Pasqua


Beh? Non può essere un simbolo pasquale? E perché? Non è forse un cucciolo uscito dall'uovo pure questo?

PS. La domanda che mi ponevo sopra è retorica: so benissimo perché i fedeli cristiani si chiamano "pecore" e perché i loro capi li considerano un "gregge"...
fonte
http://inwonderchat.blogspot.it

1 commento:

Gianna Bonacorsi ha detto...

Reblogged in http://vololibero-nonvogliomicalaluna.blogspot.it/2013/04/la-chiesa-cattolica-discrimina-gli.html

LKWTHIN

altri da leggere

LINK NEOEPI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...