"THE END"

"THE END"
http://www.romafaschifo.com
Visualizzazione post con etichetta terremoto. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta terremoto. Mostra tutti i post

martedì 26 giugno 2012

EMILIA ROMAGNA E TERREMOTO: PROFUGHI NEL PROPRIO PAESE

Incollo questo articolo, tratto qui, sulla situazione da profughi che stanno vivendo i terremotati in Emilia. Non mi stupisco più di tanto, sono situazioni che ho visto di persona, cittadini e bravi contribuenti fino a ieri, oggi profughi nel paese dove hanno sempre pagato il "pizzo", e qui richiamo al motivo per cui evadere è un dovere, il più possibile, meglio se al cento per cento!!! 
Poi andrà il Papa come il Dalai Lama, quest’ultimo non so se diffama o alimenta la fede nel pensiero orientale … e le televisioni, i giornali e tutti i media zerbini e ruffiani incapaci, vi mostreranno tutti sorridenti e felici, ben vestiti e caritatevoli per qualche decina di minuti, dopo so cazzi loro come descrivono bene le lettere incollate sotto, si parla anche di un bambino autistico lasciato in tenda a riscaldare sotto il sole, chissà che non gli faccia bene e guarisca … perché non prendono un plotone di esecuzione lo mettono al muro e gli sparano direttamente a questo bambino? Io li apprezzerei di più, almeno è chiaro ...


Terremoto in Emilia e militarizzazione. Quello che i media non dicono
riceviamo e rigiriamo


Attenzione, queste cose che leggerete sono importanti e vi danno il metro di

come siamo messi, e di come potremmo finire tutti avanti di questo passo, vi
prego vivamente di fare girare le info più che potete, grazie.
Oggi 20/06/2012 a Rovereto di Novi (MO) le forze dell’ordine (Polizia e
Polizia Municipale),la protezione civile, il sindaco e la digos (!!!) stanno
tentando di sgombrare il parco attiguo alla chiesa da tutte le tende dei
terremotati perché il parco così non è bello da vedere vista l’imminente visita
del Papa!!!
La gente del posto ha detto che non si muovono, le autorità hanno risposto:
VEDREMO!!!
Adesso è ora di dire basta davvero !!!
Non voglio generalizzare, in altri paesi terremotati ci sono realtà diverse,
ma in alcuni (come Rovereto di Novi (MO)) stanno avvenendo situazioni fuori
ogni logica.
Mancano tutti i beni di prima necessità, se non hai il braccialetto che ti
danno solo se vivi nei campi della protezione civile, non hai diritto a
nulla!!!
Non donate soldi via sms, piuttosto caricate le macchine di acqua e cibo e
andate personalmente là, vedere per credere.


Eccovi una mail arrivata da una cara Amica:
Oggi sono rientrata dal secondo giro di aiuti, mi sono resa conto di quanto
occorra aprire gli occhi, devo dire che la cosa che mi ha maggiormente
inquietata non è che la gente non abbia più la casa, ma come lentamente tolgano
i diritti di dignità umana…

sabato 23 giugno 2012

Barclays, bloccate le carte di credito ai clienti delle zone terremotate (per "salvaguardare i loro interessi") ...


Bloccate le carte di credito ai terremotati


Quando leggo questi articoli e penso che ancora non chiudono il conto in banca ... penso che siamo proprio un branco di coglioni! Io piuttosto di mettere li i soldi li brucerei, maledetti schifosi!





 
Niente carte di credito per gli abitanti delle città colpite dal sisma in Emilia Romagna del 20 e 29 maggio. Circa una settimana fa, la banca inglese Barclays, circuito Visa, ha bloccato le carte di credito attivate ai cittadini delle zone terremotate. La denuncia arriva dal Alessandro Osti, direttore della Confesercenti di Ferrara e residente in una dei comuni danneggiati dalle scosse, che racconta su Facebook la propria esperienza, invitando a boicottare la banca. (...) un operatore del call center della banca conferma. “È vero. Tanti clienti delle zone terremotate non sono stati capaci di pagare la rata mensile. Per questo la banca ha deciso di bloccare tutte le carte attivate in quei comuni, in via precauzionale. È stato fatto per evitare che il sistema caricasse gli interessi a danno del cliente”.(Fatto Quotidiano)


Avevate dubbi ragazzi? loro lo fanno solo per salvaguardare il cliente eh ... ci mancherebbe altro ... avete mai visto una banca rubare soldi ai propri clienti?


Fonte

lunedì 18 giugno 2012

VALVOLA ANTISISMICA


Ho parlato poco tempo fa di questo personaggio nel post Una volta scoperto questo perché non applicarlo su altri oggetti?  PierLuigi Ighina, il signore che mandava via le nubi: Avevo dimenticato questa sua ricerca. La posto oggi



C’è una categoria di scienziati che fa la differenza: i visionari. Fu una mela che cadeva da un albero a ispirare Netwon, mentre Einstein arrivò a scoprire la teoria della relatività partendo da una domanda che si faceva da bambino “che cosa accadrebbe se potessi viaggiare su un raggio di sole?”
Nell’ambito dei visionari ci sono poi degli uomini che sono talmente avanti del loro tempo che vengono dimenticati e riscoperti dopo decenni: uno di questi è Nikola Tesla, morto poverissimo in un Hotel nonostante abbia inventato una cosa presente in tutte le nostre case: la corrente alternata, in una vicenda che lo ha visto competere con il ben più ricco e famoso Edison.
Alla categoria di Tesla, appartiene un genio italiano, morto solo qualche anno fa, di cui si sa pochissimo.Pier Luigi Ighina, collaboratore di Guglielmo Marconi, ha lasciato alcune invenzioni che sono talmente rivoluzionarie da essere trattate come ridicole.

Eppure davanti alle telecamere di Bernardo Iovene in un “Report” del 1998, il nostro Ighina, ormai novantenne, dimostrò come, utilizzando una macchina di sua invenzione, si poteva aprire uno squarcio nel cielo nuvoloso nel giro di poche decine di minuti.
Lo stesso apparato di Ighina era in grado di far materializzare le nuvole e la pioggia cambiando semplicemente il senso della rotazione.
Un’inchiesta di Voyager molto più recente ha evidenziato che, poiché Ighina era uno dei pochissimi che viveva all’interno dell’autodromo di Imola e veniva disturbato dalle gare, faceva deliberatamente piovere durante i Gran Premi di Formula Uno, tanto che venne più volte contattato dagli organizzatori affinchè interrompesse tale forma di boicottaggio.
Ma la parte più sorprendente del lavoro di Ighina è la sua valvola antisismica.

Basti pensare al 2 gennaio 1996. La notizia del giorno riguardava un terremoto con due epicentri che aveva colpito Faenza e Modena, saltando letteralmente Imola, che si trova in mezzo a queste due città, ma dove era già ben piantata nel terreno la struttura di sua invenzione. La valvola antisismica di Ighina, restò piantata per anni nel giardino della grande casa di via Romeo Galli, sino a che fu’ estratta dal terreno, a causa di una grande ristrutturazione del caseggiato, dopo che Ighina, nel 2004, venne a mancare.
In un territorio fortemente sismico comequello dello Stretto di Messina, una struttura del genere potrebbe salvare molte vite umane ed è per questo che è nato un comitato che ha autofinanziando la costruzione di una valvola antisismica che è stata installata a Reggio Calabria. E’ costata in tutto circa 3.000 euro, per una struttura che spunta per circa tre metri fuori dal terreno e che è stata riempita con polvere di alluminio sulla base del progetto originale disegnato da un discepolo di Ighina. Un progetto nato in tempi non sospetti (su MeteoWeb ne avevamo parlato più di un anno fa) e che adesso tutti si chiedono se basterà per evitare i terremoti nello Stretto di Messina, una delle zone più fortemente sismiche d’Italia. In quel caso, Ighinae tutti i suoi seguaci diventerebbero degli eroi. Se invece così non fosse, quantomeno hanno provato a perseguire un esperimento assolutamente suggestivo e affascinante. fonte link

sabato 16 giugno 2012

Terremoto Emilia Romagna – Lettera ai Ministri di un cittadino emiliano

Ore 9.00 am del 5 Giugno, mi sono alzato solo un ora fa, ho fatto colazione, mi sono lavato ed ho scaricato i messaggi email. Il processo di selezione mentale, come per le più ovvie strategie del marketing pubblicitario, fa leva sull’inatteso, l’inaspettato così, tra tutti i messaggi noto quello che allego di seguito. Un messaggio inoltratomi da un caro amico, Massimo, che non vedo da tempo. Vive nell’area colpita dal Terremoto di questi giorni.
Della focosa e accorata lettera allegata alla mail riporto il testo integrale, così’ come l’ho ricevuta stamattina:


“Subject: Terremoto e altre storie
Date: Fri, 25 May 2012 16:49:04 +0200
Al Presidente del Consiglio dei Ministri e Ministri competenti, con preghiera di girare agli interessati.


Mi presento, sono Cristian Casoni e abito a San Felice sul Panaro (MO), come riportano le cronache da domenica 20/05/2012 la zona in cui vivo è stata bersagliata da scariche di terremoto che continuano tuttora. La popolazione è stremata e non vede una fine, siamo costretti a dormire in macchina per la paura di crolli.
Certo questo non è il motivo per cui Vi scrivo, come certamente sapete, illustri Ministri (anche perché avete dato il via Voi alle sperimentazioni), la nostra zona geografica è interessata a sperimentazioni per stoccaggio di gas nel sottosuolo, da quando è partita la sperimentazione, e badate bene che smentire non serve a nulla, sono precipitati gli eventi (vedi allegato)
Tutti abbiamo visto le trivelle in azione e i tubi con cui è stato pompato azoto liquido.Questo pompaggio ha fatto si, poco prima della grande scossa di terremoto, che l’acqua, dalla pressione sottostante, uscisse copiosamente dai pozzi, senza contare sfiati infuocati dalla terra che apparivano qua e là nelle nostre campagne.
Si può negare tutto a questo mondo, ma non l’evidenza. Se poi vogliamo dirla tutta, a questo si somma l’attività di fracking, dove lerocce nel sottosuolo vengono distrutte per estrarre anche l’ultima goccia di petrolio, sul portale dell’azienda di perforazione Aleanna, spiega come vengono eseguiti i sondaggi. Inoltre sul sito sono presenti le mappe emiliane diintervento: (http://www.aleannaresources.com/it/node/73 ).

Per non parlare dell’attività H.A.A.R.P., Vi consiglio di leggere questo articolo del giornalista Gianni Lannes (leggete anche i commenti degli utenti): 

martedì 12 giugno 2012

Cento terremoti in un giorno


Emilia, nuova scossa di 4.3 gradi
Cento terremoti in un giorno

nuova scossa terremoto (10)
Dalle Alpi alla Calabria, tutta Italia continua a tremare. Cento terremoti in un solo giorno, da fine maggio il bilancio è di mille sismi. Nella notte di martedì una nuova forte scossa di magnitudo 4.3. E' stata registrata alle 3.48 in Emilia tra le province di Modena e Reggio Emilia: è la più forte dal 4 giugno. Nella notte altri episodi sismici. Continua la paura
Fonte

lunedì 11 giugno 2012

STRANE VIBRAZIONI DEL SUOLO O MI SBAGLIO?


Ora vi pongo una domanda. Da ieri notte, Sabato, ho iniziato a pensare che non sono solo io a sentire ma che effettivamente ci siano delle strane vibrazioni sotto i miei piedi durante la giornata. Spesso sono fermo quando mi succede e ho la sensazione che stia per arrivare un terremoto, lo so che in Emilia arrivano anche cinquanta scosse giornaliere, io vivo a circa 400 chilometri dal luogo, e le due volte che è stato forte anche qui è arrivato leggero il sisma, per pochi secondi ha vibrato tutto ma è stato breve e non forte certamente da spaventare. Stamattina ho scritto una mail a qualche contatto, non molti in realtà poiché ho cancellato alcuni indirizzi, però una risposta l’ho già avuta: Più della metà di quelli che hanno risposto fino ad ora hanno confermato il dubbio, sembra che al sud non si sentano e che non siano solo mie impressioni. La mail era questa: Ciao, ascolta una cosa … non voglio sembrarti paranoico ma in queste giornate non hai la sensazione che stia arrivando un terremoto? O meglio, è come se iniziasse a tremarti tutto o ad ondulare sotto i tuoi piedi, una vibrazione leggera, più leggera del terremoto ma la sensazione è quella, sembra che tutti vibri sotto i tuoi piedi. Non sono la sola persona a sentirlo qua, ho avuto conferma anche da qualcun altro e tieni conto che qui il terremoto lo abbiamo sentito solo due volte e nemmeno tanto forte da uscire di casa per dire. Questo l’ho voluto scrivere stamani perché da diverso giorni, da quando è avvenuto il terremoto in Emilia precisamente, di notte o la sera in prevalenza, sentiamo queste leggere vibrazioni sotto i piedi, non sono forti da mettere paura e scappare fuori però ti mettono in all’erta. Poi in due occasioni abbiamo sentito una volta tre boati consecutivi e l’altra due, come se fossero aerei che oltrepassano la velocità del suono ma aerei non senti passare. Questi boati si sentono anche all’isola d’Elba e in Sardegna. All’inizio sia io che altre persone pensavamo di sentirlo solo noi e di essere in errore, però poi ho iniziato a chiedere e in molti mi hanno risposto si, le ho sentite ma pensavo di essere io. Cosa stanno combinando? Sono solo sensazioni sincronizzate o qualcosa stanno davvero facendo?

Dioniso777

venerdì 8 giugno 2012

Sanità negata anche ai terremotati, oltre che a coloro che non pagano


Sempre più american dream vero? La selezione "economica" della specie, Monti lo aveva promesso che avrebbe cambiato gli italiani, per adesso li sfoltisce in base a criteri economici, come risulta di gradimento al "mercato" che gli è caro. E' desolante constatare come a difesa dei soggetti più deboli e poveri non vi sia proprio nessuno, mentre la pletora della consorteria politica si limita a prodursi in inutili esternazioni fuori luogo che fanno il paio con il coro degli "indignati" politicamente corretti.
Anche il Napolitano che visita i terremotati dell'Emilia quasi un mese dopo, non sente le "urla di dolore" di chi muore per cure negate o malasanità, probabilmente nella sua visione d'insieme anche queste vittime rientrano nel novero dei sacrifici che tempo fa auspicava facessero i meno abbienti.
Barbara
Diritto alla salute: solo per ricchi
di Rosa Ana De Santis

I risultati della Ricerca Rbm-Censis sulla sanità integrativa raccontano benissimo di come la crisi e la difficile congiuntura socio-economica che strangola le famiglie italiane stia compromettendo seriamente il diritto alla salute. Sono ben 9 milioni gli italiani, poveri e impoveriti, che per ragioni economiche non hanno più accesso alle prestazioni sanitarie necessarie.

FRACKING: "unconventional gas"

DI DEBORA BILLI
petrolio.blogosfere.it

La discussione sul fracking e il collegamento con i terremoti, specialmente con quello in Emilia, continua. Per fortuna direi: perché questi sono argomenti da "addetti ai lavori" ed è una cosa ottima che anche i cittadini se ne interessino.
Sappiamo già che sia il fracking che le altre attività di esplorazione e trivellazione possonocausare sismi; ma io stessa ho smentito il collegamento tra terremoto in Emilia e frackingperchè, dati e leggi alla mano, il fracking in Italia non si può fare.
Ebbene: Maria Rita D'Orsogna, la superesperta di attività petrolifere in Italia ormai nota anche al grande pubblico, ha dimostrato oggi con una lunga e articolata ricerca -con dati, fonti e pezze d'appoggio- che ciò non è vero.
Che in Italia il fracking si fa eccome, fin dal 2009. Senza farlo sapere.

E si tratta di fracking ancora peggiore di quello sul petrolio e sul gas, perché coinvolge il carbone. Ecco un estratto mozzafiato dal post di Maria Rita:
A un certo punto, mi imbatto in questo altro articolo della Independent Resources, e le sue altre concessioni in Italia.
Al momento, il cuore delle attivita' di svilupppo della Indepedendent Resources includono un importante centro di stoccaggio sotterraneo di gas, una nuova sorgente di gas non-convenzionale in terraferma in Italia, e una nuova sorgente di petrolio convenzionale in Tunisia.
Rabbrividisco: "unconventional gas" vuole dire una cosa soltanto: fracking.

Non posso crederci.

Rileggo la frase tre volte.

Clicco su un altro link.

Non mi importa di essere stata smentita dalla prof. D'Orsogna, persona di eccezionale spessore umano e competenza scientifica; mi dispiace molto, invece, il dover constatare ancora una volta che non esiste legge, non esiste prassi, non esiste certezza che non venga infranta dai nostri prenditori senza scrupoli.

Non mi ci abituerò mai.Debora Billi

giovedì 7 giugno 2012

Terremoto Emilia Romagna: Ricchiuti: “Una vergogna senza fine, aiutiamoli noi"


Dopo lo sfogo dei giorni scorsi, Lino Ricchiuti, che ha testimoniato come al di là della propaganda televisiva i cittadini terremotati di molte zone siano stati abbandonati a se stessi dallo stato, lancia un appello ai cittadini: “Una vergogna senza fine, aiutiamoli noi". Che le cose nelle zone terremotate non vadano bene come dicono le tv di regime lo dimostra anche la dura contestazione ricevuta dalla troupe di "Porta a Porta" a Cavezzo (Modena) che accusano il programma di Bruno Vespa di averli "imbavagliati"...

di seguito la nota di Lino Ricchiuti:

Qualcuno ha tenuto ad osservare che ho esagerato due giorni fa con la denuncia raccolta dal nostro coordinatore di Fossoli (Modena) Ah si ? ho esagerato? Va tutto bene ?
Scrivo integralmente il msg di aiuto ricevuto alle ore 19.45 di oggi 7 giugno. "Ciao Lino servono mutande da adulto per uomo e donna e pannoloni per anziani a Novi , prova a sentire a qualcuno dei tuoi contatti se riescono a farle avere a don Roberto che poi mio nipote le va a prendere e le porta a Novi."
Oggi le TV non hanno avuto di meglio che mostrare i negozi che riaprivano per dare l'apparenza di una vita che torna alla normalità
Qualcuno dice che siamo ridotti in mutande , diamoci da fare che in quei luoghi mancano anche quelle. 
Per favore contattatemi urgentemente, abbiamo capito che anche stavolta dobbiamo fare da noi !
contatto mail : presidente-lcnitalialibera@live.it

Lino Ricchiuti
Presidente Nazionale
Lista Civica Nazionale Italia Libera

RIPROPONGO IL POST DI DUE GIORNI FA: URGENTE!!! COME AIUTARE DAVVERO I TERREMOTATI

mercoledì 6 giugno 2012

URGENTE!!! COME AIUTARE DAVVERO I TERREMOTATI

Dopo aver pubblicato l'articolo ieri sera, TERREMOTO: MANCANO ACQUA E MEDICINALI, ABBANDONATI A SE STESSIho ricevuto diverse mail e commenti, i quali chiedevano come poter aiutare o inviare cose utili. Ho chiamato la protezione civile personalmente dieci minuti fa e mi hanno confermato che questi paesi, ( Fossoli , Rovereto , San Possidonio e limitrofi), colpiti dalla seconda scossa, stanno dormendo fuori all'aperto o dove trovano, i bambini sono terrorizzati e non possono tornare causa le continue scosse, non ci sono tende per loro, comunque mi dato una lista di cose utili da spedire, questa è la lista: alimentari in scatola o a lunga conservazione, prodotti per l’igiene della persona,  pannolini in genere, cioè bambini, donne e anziani, acqua in confezioni piccole per evitare lo spreco e carta igienica. 
Questo è il link per contattare direttamente la protezione civile di Carpi http://www.cricarpi.it/contatti.htm, indirizzo Croce Rossa Italiana - Comitato Locale di Carpi
Via Guastalla, 5 - 41012 Carpi (Modena)Sono TUTTI i comuni limitrofi a necessitare di aiuti. Se vole contattarli personalmente la pagina web è quella sopra. Medicinali ho chiesto e mi ha risposto che fanno riferimento all'ospedale e non ha notizie di richieste.


Grazie a tutti per l'intenso traffico di lettura che questo articolo ha dimostrato, ha anche messo in evidenza che gli italiani non sono tutti come Monti, massacrare i poveri e dare agi ai ricchi, la bella gente esiste ancora!!!


SE VOLETE AIUTARLI FATE GIRARE QUESTO O MANDA LORO QUALCOSA


GRAZIE ANCORA A TUTTI QUANTI

Perforazioni e terremoto: la Procura di Modena sta indagando

Dopo gli allarmi sul web per le presunte attività di fracking per lo stoccaggio del gas, capaci di generare scosse, ora arrivano gli accertamenti della magistratura.
Per ora c’è un accertamento, inserito in un fascicolo sul terremoto in Emilia Romagna cosiddetto “modello 45″ cioé per “fatti non costituenti reato” e dunque con una delega di indagine ad ampio spettro. Tuttavia la conferma c’è: la Procura di Modena sta indagando a tutto tondo e quindi anche sulle presunte trivellazioni legate al progettato mega-deposito di gas a Rivara di San Felice sul Panaro. Quel progetto entra dunque a far parte verifiche che i magistrati modenesi metteranno in campo dopo le due disastrose scosse del 20 e 29 maggio. Il fascicolo è in mano al procuratore aggiunto Lucia Musti ed è stato aperto dopo i crolli di capannoni che hanno causato la morte di operai.
Cosa dovrà verificare l’indagine? Presto per dirlo, di certo c’è che anzitutto occorrerà capire se le trivellazioni sono state fatte o meno e chi le ha fatte. In caso positivo si dovrebbe poi verificare se queste perforazioni hanno o meno un qualsivoglia collegamento coi crolli e il sisma.
La vicenda perforazioni è stata oggetto, soprattutto sul web, di innumerevoli ipotesi e illazioni, alcune anche piuttosto fantasiose. Di cosa si tratti è presto detto: c’è un progetto d’un gigantesco deposito di gas della Erg Rivara Storage (Ers) da ubicare a Rivara. Progetto che nei giorni scorsi, dopo il sisma, è stato accantonato definitivamente con lo stop alle autorizzazioni dato dal ministero dello Sviluppo economico, che ha preso atto del no della Regione Emilia-Romagna. Si prevedevano 3,2 miliardi di metri cubi di gas in acquifero profondo, un piano unico in Italia e tra pochi al mondo. Il progetto riguardava San Felice sul Panaro e coinvolgeva anche altri quattro comuni della stessa area del sisma a cavallo delle province di Modena, Ferrara e Bologna.
Di Rivara – oggetto di polemica già dal 2005, dopo un primo sì da parte dei governi Prodi e Berlusconi – nelle ore immediatamente successive al sisma si era parlato ipotizzando il rischio del “fracking”, ovvero la cosiddetta la “fratturazione idraulica” della roccia iniziata da una trivellazione, capace secondo alcuni esperti di determinare rischio sismico.
Il presidente di Federpetroli, Michele Marsiglia, aveva rassicurato: “Nel corso degli anni, su riferimenti reali, non abbiamo situazioni di onde sismiche di alta scala in seguito a trivellazioni per ricerca di idrocarburi”. Smentite nette dalla Ers che ha più volte dichiarato di non aver mai trivellato a Rivara: “Mai toccato il terreno a Rivara, non abbiamo fatto carotaggi, non abbiamo perforato o immesso gas o acqua”. Ora, l’inchiesta e la Ers si dichiara tranquilla: “Purtroppo – rileva Ers -le autorità locali responsabili hanno gravemente tardato nello smentire attività illegali quali le perforazioni senza autorizzazione”.
continua 

Tratto da  http://www.stampalibera.com

martedì 5 giugno 2012

TERREMOTO: MANCANO ACQUA E MEDICINALI, ABBANDONATI A SE STESSI

E' uno schifo , ci risiamo , sono le 19:28 , ho appena finito di parlare con il nostro coordinatore residente in una frazione di Modena , in TV stanno passando quello che vogliono , i paese di Fossoli , Rovereto , San Possidonio , sono abbandonati a loro stessi , non ci sono farmaci , non c'è acqua , poche coperte , nessuno che si fa vivo , i bambini sono terrorizzati e son tornati a farsi la pipì addosso perchè hanno paura di staccarsi dai genitori , gli unici che stanno dando una mano sono il parroco di Fossoli e qualche suora che il coordinatore ha chiamato "angeli" sono abbandonati a loro stessi. Altro che sono tutti assistiti , non c'è nessuno.
Divulgate , mentre stasera cercherò di mettermi in contatto con la protezione civile e i vigili del fuoco per denunciare questa situazione da quarto mondo , come al solito nascosta dai media nazionali. Va tutto bene e non va bene un cavolo di niente.
Sono nero.

Lino Ricchiuti
Italia Libera
Fonte  
CHE SCHIFO! Io lo ricordavo che non avrebbero visto un centesimo. Il grande governo tecnico e la protezione civile LI HANNO LASCIATI SENZA ACQUA, COPERTE E MEDICINALI, dove sono? I media a ogni telegiornale o talk show bombardano "DONATE" 2 euro ... donate per le finanziarie che poi prestano a strozzo! Che cazzo di paese stiamo diventando? Siamo PROPRIO in Italia, CALAMITA? CAZZI TUOI ... DISOCCUPATO? CAZZI TUOI ... INVALIDO O AMMALATO? CAZZI TUOI ... SEI UNA RAGAZZA MADRE? SEMPRE E SOLO CAZZI TUOI! E poi hanno il coraggio di chiamarci civili o sviluppati? MA SOPRATUTTO perché pagare le tasse a questo punto? Che servizi abbiamo? Io andrei, ma sono invalido e disoccupato ... e sono cazzi miei per l'appunto! 

FATE GIRARE 

lunedì 4 giugno 2012

NON DONATE CON GLI SMS II: I soldi donati ad una FINANZIARIA. Gli amici delle slot in parlamento i soldi donati alle banche

Nemmeno quelli degli "sms" hanno dato ai terremotati, le danno alle banche che prestano a strozzo invece, e poi ci parlano dello sciacallaggio, sono peggio questi! 
I media questo non lo dicono, se ne guardano bene, alla faccia della professione giornalista per la verità ... Non donate niente con gli sms ai terremotatisono stato profetico? No, ho solo pensato male, spesso ci si indovina diceva quel famoso politico, io aggiungo che in un paese come l'Italia ci indovini sempre! Infatti stamani leggo in due articoli differenti, LE DONAZIONI DEGLI SMS PER I TERREMOTATI DIVENTANO FONDI DA TRASFORMARE IN PRESTITI !, oppure  I 5 MILIONI di euro raccolti, o meglio, DONATI dagli italiani per i terremotati dell'Aquila sono finiti nelle casse di una finaziaria che LI HA USATI PER PRESTARE A STROZZO, come ci informa il sito Articolo 3fonte 
E poi questo di nocensura, leggere per credere, 285 milioni di euro alle slot machines invece di lasciare intatte le pensioni o meglio aiutare i terremotati ... già, ma che "minchia gli frega" a gente come Luca Cordero di Montezemolo, ( amministrazione di Rcs Quotidiani ) dei terremotati della sua regione: Lui deve pensare alla Ferrari ... non a chi vive in tenda. Guardiamo insieme cosa gliene frega ai parlamentari dei terremotati. Poi mettete ancora soldi nelle slot mi raccomando, siamo noi il sistema, non loro, si comportano di conseguenza


La deputata democratica, dopo la denuncia del Fatto sul maxisconto fiscale dello Stato ai concessionari, ha attaccato le connivenze tra politica e personalità del settore giochi e sottolineato i danni devastanti per la società
“Il Partito Democratico farà di tutto per evitare che i concessionari delle slot ottengano 285 milioni dallo Stato. Mi impegno personalmente e come partito”.

Chiediti perché la stampa nazionale si disturba a ricordare che il terremoto è "a norma"

A pensar male ... ieri sera alle nove e ventidue minuti la scossa è stata sentita in tutto il nord Italia. Inizialmente sono stato io il primo a NON considerare certe eventualità, ma oggi visto quello che leggo tutti i giorni devo dire che ho cambiato idea. Solo gli idioti non cambiano mai idea ndr. 
Cosa mi porta a considerare questo? Per esempio i quotidiani, gli stessi pagati dal popolo che raccontavano: le BR hanno rapito e ucciso Aldo Moro, oppure che 19 arabi armati di taglierino e comandati da un uomo nelle caverne dell'Afganistan con un pc hanno oltrepassato la difesa più potente del mondo attaccando gli USA, quelli che sbandieravano "entriamo nell'euro per salvare il paese: avete visto che salvezza? Oggi si scrive invece "L'EURO è FALLITOOppure, fatto più recente, due bombole, (o tre?), di gas messe da uno sconosciuto, invalido e con andadura claudicante, che ha caricato un bidone della spazzatura sull'ape car di notte ... a proposito: come mai non ne parlano più? Di solito tengono per mesi una notizia come Sara Scazzi, ne fanno una telenovela,e qui? (e poi siamo noi dei blog a dire cazzate!) ... davanti a notizie del tipo:"terremoto, tutta colpa dei complottisti" oppure vedi lastampa con il suo "false verità" mettere in ridicolo chiunque osi parlare di possibili cause, non sia mai che la gente si mette a ricercare, a porsi domande potrebbe scoprire che siete dei porci corrotti come quelli che diffamate con le vostre penne, loro la verità la possiedono sempre tra parentesi, sic, la verità dei Tronchetti Provera e company, quelli che tengono alto il nome della stampa italiana che si posiziona nella classifica mondiale per la libertà di stampa traTanzania e Botswana. Nel momento in cui questi iniziano a parlare di un qualcosa mi vengono i brividi. Primo perché la realtà da loro descritta tenderà sempre a salvaguardare chi li possiede, e non chi li finanzia, il popolo, (pensate che furbi sono, li fanno pagare a voi con leggi su misura perché vi raccontino balle! Infatti, così non fosse dovrebbero scrivere bene ... e magari rischierebbero di vendere qualche copia ...),  e secondo perché un motivo c'è sempre se vogliono tirar fuori un argomento e di solito non è far conoscere ai lettori la verità, anzi è vero il contrario, altrimenti non saremo al sessantesimo posto nella classifica mondiale. Vi rendete conto che la Tanzania o la Romania sono come l'Italia per i quotidiani che circolano? Noi, che il terrore comunista l'avevamo sconfitto con Berlusconi! Vi ricordate poi, cosa scrivevo giorni addietro? Non donate niente con gli sms ai terremotati, sono stato profetico? No, ho solo pensato male, spesso ci si indovina diceva quel famoso politico, io aggiungo che in un paese come l'Italia ci indovini sempre! Infatti stamani leggo in due articoli differenti, LE DONAZIONI DEGLI SMS PER I TERREMOTATI DIVENTANO FONDI DA TRASFORMARE IN PRESTITI !, oppure  I 5 MILIONI di euro raccolti, o meglio, DONATI dagli italiani per i terremotati dell'Aquila sono finiti nelle casse di una finaziaria che LI HA USATI PER PRESTARE A STROZZO, come ci informa il sito Articolo 3. fonte
Ora vi lascio alla lettura di qualche articolo, e vi ricordo che per motivi simili è stata avviata una guerra in altri paesi. Perciò niente deve stupirci da questa gentaglia.
Dioniso777

Nuova scossa di magnitudo 5.1 alle ore 19.20 epicentro a Mantova, seguita da altre forti scosse sentite molto bene anche a Milano.La terra continua a tremare.
Quando i giornali mainstream oseranno parlare di eventuali correlazioni tra le attività umane nel sottosuolo e terremoti? Quando inizieranno a porsi domande su eventuali precise responsabilità?
Quando l'Emilia sarà rasa al suolo? E' questo il punto di omertà prefissato dai disinformatori sovvenzionati con i nostri soldi???? Temono che rivelare i nomi delle diverse aziende coinvolte nel business delle trivellazioni possa metterle a rischio di processo, magari con conseguente condanna a pagare i risarcimenti dei danni? Tranqulli, la magistratura ha sempre protetto i veri poteri forti, si accontenta di dare scandaletti alla stampa, niente di più. Una precisazione ovviamente merita anche la destinazione della raccolta fondi tramite gli SMS, gli sciacalli moderni sono estremamente evoluti ed assumono le sembianze degli spietati colletti bianchi. 
Terremoto in Emilia – Ci sono 514 pozzi perforati! Di questo perchè non ne parlano?!!
Segue qui il resto dell'articolo

Il sistema mobilita la stampa nazionale per negare l'origine artificiale del terremoto in Emilia, chiediti il perché



articolo scritto da un noto disinformatore geologo che nega persino l'esistenza delle scie chimiche, fenomeno visibilissimo e ampiamente provato; il fatto che ora si impegni a negare il carattere artificiale del recente sisma la dice lunga
Di recente sono comparsi sia sull'edizione cartaceo che sul sito dei quotidiani italiani La Stampe e Corriere del Sera, articoli tesi a dimostrare che i terremoti artificiali non esistono e che in ogni caso il recente sisma in Emilia sia stato naturale.

domenica 3 giugno 2012

285 milioni da utilizzare: Li diamo ai terremotati? No, alle slot machines

Ci sono 285 milioni di euro che potrebbero essere destinati alla ricostruzione dell’Emilia. Sono lì nelle casse del governo, e potrebbero essere usati per aiutare le popolazioni colpite dal doppio sisma di martedì scorso e del 20 maggio.
E invece il tesoretto sarà distribuito ai concessionari delle slot machine mentre il conto del terremoto sarà pagato dai soliti grazie all’aumento delle accise sui carburanti.
Il primo tesoretto da 62 milioni. (..) “I gestori delle slot machine avranno un rimborso da 133 milioni di euro, grazie agli oltre 29,7 miliardi di euro raccolti dalle ‘macchinette’ nel 2011”. Il decreto anti-crisi del governo Berlusconi del novembre 2008 prevede, infatti , un meccanismo diabolico che riduce l’aliquota delle tasse sugli introiti delle slot machine, quando la raccolta aumenta.
(..) un secondo tesoretto ben più consistente che sta per essere restituito proprio ai concessionari delle slot: 223 milioni di euro (poco meno dei danni strutturali in Emilia della prima scossa del 20 maggio) che lo Stato pagherà per il raggiungimento dei livelli di servizio da parte dei concessionari (Fatto Quotidiano)
Soldi che sborseremo nonostante le concessionarie di Slot siano state condannate a pagare una multa di 2,5 miliardi di euro (BPlus deve 845 milioni di euro, Cogetech 255 milioni; Sisal 245 milioni; Gamenet 23 milioni; Snai 210 milioni; Hbg 200milioni; Gmatica 150 milioni; Cirsa 120 milioni; Codere 115 milioni e Lottomatica 100 milioni), ma la sentenza è stata impugnata e per il momento sospesa.
Per la cronaca, il massimo beneficiario di questo sistema è Francesco Corallo (BPlus), che ha ricevuto proprio in questi giorni un mandato di cattura dal Gip di Milano per associazione a delinquere ... lui casualmente si trova attualmente all'estero ...

E poi avete ancora il coraggio di mettere soldi nelle slot? Bravi, ringraziate poi alla prossima tassa ...

PREPARIAMOCI AL PEGGIO - ALTRI TERREMOTI PROVOCATI IN ARRIVO

IL GOVERNO USA E’ RESPONSABILE DEL TERREMOTO IN EMILIA ROMAGNA

Violentano il pianeta Terra nell’indifferenza generale. Un’arma elettromagnetica a stelle e strisce - tecnologicamente obsoleta rispetto ai sistemi di dominio e morte già inventati - capace comunque di scuotere la crosta terrestre in punti vulnerabili ed alterare a piacimento il clima.
«La guerra ambientale è già in atto. Il sistema per provocare terremoti e tsunami non è una novità per la ricerca militare» aveva avvertito 5 anni fa il generale Fabio Mini (Limes, novembre 2007). Infatti, la High Frequency Active Auroral Research Program (nota anche con l’acronimo di HAARP) è un’installazione militare in uso da tempo - munita di paravento civile - situata in Alaska, presso Gakona, collocata in una base della United States Air Force.
Naturalmente il segreto è ferreo sulle stragi indotte con sistemi apparentemente invisibili. L’esperimento italiano, dopo il successo ad Haiti e le performances asiatiche e mediorientali, è riuscito a meraviglia: chissà se gli yankees in divisa hanno brindato come allora. Top secret? Proviamo a sfondare il solito muro di gomma, perché altrimenti sarà la fine per il popolo italiano. Gli scettici storceranno il naso, ma l’evidenza è innegabile, ormai.
Il riscontro
Ecco una prova. Incrociando i dati degli ultimi terremoti di Earthquakes e dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia con quelli dell’attività HAARP a basse frequenze (onde Hertz 0-5 Hz) emerge una diretta correlazione con il sisma che ha colpito e piegato l’Emilia Romagna.
Basta incrociare i grafici bellici e le registrazioni dei sismografi italiani. Dobbiamo però tenere presente che trattandosi di attività criminale coperta ai massimi livelli - e negata ostinatamente - c’è l’alta possibilità che questi diagrammi siano stati alleggeriti e non rispecchino l’esatta attività svolta. 

Si ricorda che tutti gli orari sono calcolati sul “tempo civile (UTC)”, vale a dire con uno scarto pari a circa 2 ore di differenza con l'ora italiana. Fate attenzione. Dunque: 19 Maggio 2012 ore 23:13 (UTC), Pianura Padana, Magnitudo 4.1. Si può notare come l’attività a frequenza 0-2 Hz sia piuttosto intensa. Onde così basse hanno un’alta capacità di far vibrare rocce e terreni sabbiosi ma non solo, queste vibrazioni scuotono le particelle dell’acqua portandole a un potente surriscaldamento improvviso. Dalla scossa delle 23 e 13 (UTC) è stato un susseguirsi di micro sismi uno dietro l’altro, nel lasso di tempo che va dalle 2.03am (UTC) fino al terremoto più forte delle 3.02am (UTC) di magnitudo 4.9.
Durante tutto il giorno di domenica 20 maggio l’attività HAARP è stata intensa e le scosse telluriche in Pianura Padana si sono susseguite senza tregua. Da notare, in particolare, la fascia orari che va dalle 12 alle 16 (UTC). Poco dopo le 12 (UTC) si nota un picco di intensità in correlazione con 2 forti sismi (2012/05/20 13:21:06 44.882 11.383 2.4 Ml:4.1 Pianura padana emiliana; 2012/05/20 13:18:02 44.831 11.49 4.7 Ml:5.1 Pianura padana emiliana). Per poi ripetersi ai seguenti orari: 2012/05/20 17:40:17 44.95 11.25 10 Ml:3.5 Pianura padana lombarda 2012/05/20 17:37:14 44.88 11.38 3.2 Ml:4.5 Pianura padana emiliana.

venerdì 1 giugno 2012

Mentre si parla di terremoto avvengono alcune cose di cui ben poco si parla o che vengono distorte dai media

Fonte  http://scienzamarcia.blogspot.it

Mentre si parla di terremoto avvengono alcune cose di cui ben poco si parla o che vengono distorte dai media
Mentre consiglio a tutti di leggere l'ultimo dettagliato articolo sul terremoto in Emilia apparso sul sitonwo-truthresearch dal titoloTerremoto in Emilia cosa succede?, vi invito a osservare cosa succede in questi giorni in cui la nostra attenzione è dirottata sul disastroso terremoto (e magari dalla truffa del calcio-scommesse e lastrage di Brindisi). Ecco alcune notizie passate sotto silenzio o distorte dai mass media ufficiali.

Dal sito francese http://www.lesechos.fr grazie alla traduzione di http://www.informarexresistere.fr apprendiamo che:
L’ex presidente della BCE stima che l’Unione Europea deve poter gestire il budget di uno stato membro in caso di stallo.
Jean-Claude Trichet ha proposto giovedì che l’Unione Europea possa gestire il budget di uno stato membro se essa constata la sua incapacità di mettere in ordine le proprie finanze, come parte delle misure da prendere per preservare l’Euro dalla crisi greca.


L’ex presidente della Banca Centrale Europea, il cui mandato è terminato a novembre, propone, in assenza di un’unione federale politicamente difficile da attuare, l’attivazione di un meccanismo eccezionale, quando la politica fiscale di un paese minaccia l’insieme dell’unione monetaria.
Insomma appare chiaro che con la scusa di una crisi economica si va a minare la sovranità nazionale. Prima si è tolto alle nazioni il potere di emettere moneta, delegato ad una banca privata cosiddetta "nazionale" (come bankitalia), quindi si è formato un ente bancario privato sovranazionale (BCE) ancora meno legato alla giurisdizione dei singoli stati. Come se non bastasse il fatto che gli stati non possono decidere autonomamente la propria politica monetaria ecco che persino la politica finanziaria potrebbe essere commissariata in maniera autoritaria da un ente sovranazionale. Ecco forse vero significato dalle parole di Monti quando annunciava (quasi fosse una bella cosa) che l'Italia dovrebbe rinunciare alla propria sovranità.

Da Ravenna, dentro al terremoto


giovedì 31 maggio 2012

NON DONATE NIENTE CON "SMS" PRO TERREMOTATI!!!

Se davvero volete aiutare chi ha bisogno fatelo di persona, non delegate nessuno, ci sono le mail per contattare, poste pay, e tanti altri modi per aiutare, primo perché quando deleghi tutto va a puttane, come mostra il sistema marcio che abbiamo attorno e secondo perché siamo in Italia, un paese di merda! 


Che questo articolo vi serva da monito per le richieste che in questi giorni stanno propagandando in tutte le Tv farlocche che non valgono niente. Lo dicevo ieri a una persona: non vedono nemmeno un euro di tutto quello che la gente dona, ci saranno personaggi che si costruiscono la villa con quei soldi ma state tranquilli che ai terremotati non finisce un cazzo! Aiutateli di persona, ci sono le mail per contattare, poste pay, e tanti altri modi per aiutare personalmente chi ha bisogno, NON DELEGATE NESSUNO perché sulle disgrazie rubano più del solito, come sempre, hanno addirittura ringraziato il cielo per un terremoto ... cosa vi aspettate che gente del genere dia i soldi che voi donate con tanto buon cuore a chi ha davvero bisogno? Mi direte lo mostrano in Televisione ... APPUNTO! Guardate il post di dieci minuti fa chi sono quelli che lavorano in televisione, MILLE persone morte in carcere e nessun media che ne parli, in compenso creano un finto massacro di bambini in Siria, questi cialtroni, questi yes man disposti a dire qualsiasi cosa pur di essere pagati, bavosi zerbini fate pena!!! Se tutti fossero come voi che cazzo di mondo avremo? Questi non ce l'hanno un cervello e tanto meno un'anima ... vergognoso e non capisco chi ancora la ascolti la televisione con fior fiore di "intellettuali" ed "esperti" tuttologi che sparano una minchiata dietro l'altra, è come andare ad ascoltare una predica di Papa Ratzinger, che spende milioni di euro per un viaggio, (alla faccia vostra che morite per mille al mese per non perdere uno schifo di lavoro schiavista!!!), e lui prega, è vicino col cuore, con la preghiera .... come la D'Urso insomma ...  a questo punto non dico nemmeno dove potrebbe mettersela la sua vicinanza! Avete capito, no? I giornali per fortuna non vendono niente perchè in Italia non si legge, e poi sono uno la fotocopia uno dell'altro, ma nonostante questo prendono milioni di euro di soldi pubblici, alla faccia del periodo di crisi. Scusate i termini e lo sfogo ma queste cose, prendere per il culo chi ha perso tutto dopo un terremoto e accettare in silenzio significa essere delle merde come loro! STOP! Mi fermo perché degenero troppo.
QUANDO si sveglieranno gli italiani?


Dioniso777

I proventi delle donazioni raccolte via sms in favore degli alluvionati della Liguria - soldi raccolti addirittura 7 MESI FA, CIRCA 6 MILIONI di euro a inizio Novembre - non sono ancora arrivati a destinazione! E non si sa che fine abbiano fatto di preciso: è stata presentata un'interrogazione in Regione, e ci auguriamo che sia fatta luce al più presto. Una notizia di quelle che fanno male, che farebbero perdere le staffe anche a Ghandi. Ci auguriamo caldamente che quei soldi giungano al più presto a destinazione, con tanto di umili, umilissime scuse da chi aveva la responsabilità di farli arrivare a destinazione, e dopo quasi 8 mesi non lo ha ancora fatto. Con il terremoto in Emilia Romagna di questi giorni è ripartita la raccolta di fondi via sms, e vorremmo poterla sponsorizzare senza alcun dubbio sul fatto che arrivino a destinazione. Anche se questa raccolta fondi è gestita da enti diversi, apprendere queste notizie non può che fare diventare diffidenti i cittadini dall'effettuare donazioni di qualsiasi genere.

COME E' POSSIBILE E GIUSTIFICABILE CHE A DISTANZA DI QUASI 8 MESI I SOLDI RACCOLTI PER L'ALLUVIONE NON SIANO ARRIVATI A DESTINAZIONE?!? 

Di seguito l'articolo .Fonte

LKWTHIN

altri da leggere

LINK NEOEPI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...